#Derby 104: la conferenza stampa del Telethon Basket Game - 4 gen

Scritto da  Gen 04, 2017

 

Ormai manca poco al derby di Basket City. La sfida numero 104 tra Virtus e Fortitudo, in programma il 6 gennaio, andrà in scena nel nome di Telethon. Le due società effettueranno una donazione a fondazione Telethon. E oltre a ciò, le canotte di Michelori e Mancinelli saranno messe all'asta su www.charitystars.it. Il derby sarà dunque "Telethon Basket Game". E la conferenza stampa di presentazione dell'evento si è svolta proprio questa mattina nella Sala Savonuzzi. "È importante che le due società abbiano deciso di dedicare il derby a Telethon. Un'ottima scelta sostenere un progetto così importante in un appuntamento sportivo come il derby" dice Matteo Lepore. "Il Palazzo sarà pieno per un appuntamento che suscita interesse per tutto il movimento cestistico. Abbiamo due squadre in A2 che vengono seguite da un pubblico superiore a tante altre squadre di A1 .

Virtus e Fortitudo - Le due società erano presenti con le figure di Loredano Vecchi, Julio Trovato, Cristian Pavani e Davide Lamma. Proprio l'amministratore delegato bianconero ha parlato di un legame che vede la Virtus accanto a Telethon da ormai tre anni. “L'impegno sociale non deve mai venire meno e il derby sarà la giusta vetrina per mettere in risalto il grande impegno di questa realtà per la ricerca nel campo delle malattie genetiche rare”. Alle sue parole fanno eco quelle di Cristian Pavani. “Siamo sempre molto attivi nel sociale. Per questo abbiamo aderito con entusiasmo alla proposta della Virtus”. Parola poi a Julio Trovato e Davide Lamma. Il primo è all'esordio in un derby di Basket City e parla anche dell'atmosfera che si vive in città. “È il mio primo derby” dice il Gm bianconero. “Ma oggi l'attenzione non deve focalizzarsi sull'aspetto agonistico, ma su quello sociale. In ogni caso, l'atmosfera che accompagna il derby qui è incredibile. Non si respira da altre parti e non mi aspettavo questa attenzione e questo entusiasmo". Del derby parla anche Davide Lamma: "La sfida è attesa da tutta la città, ma anche da tutto il movimento. ma non dimentichiamo l'impegno sociale , che deve sempre trovarci sensibili e pronti a fare qualcosa".

 

Andrea Bonomo

Abruzzese trapiantato a Bologna, scrive per 1000 Cuori Rossoblu da Ottobre 2014.