Ferrara-Fortitudo, le parole degli allenatori - 14 Ott

Scritto da  Ott 14, 2017

 

 

 

BONICIOLLI.“Voglio fare i complimenti a Ferrara che, in una situazione non facile, non si è mai arresa. Sono stati avversari leali e di grande qualità. Avevo detto ai giocatori che ci sono due tre snodi che possono deviare il flusso di una stagione. In un senso o nell'altro. E questa partita era il primo. È la prima volta che giochiamo con Fultz ed Amici. Mancinelli in una squadra più matura non sente tutto il peso offensivo sulle spalle. Finché avremo questo desiderio di passarci la palla, credo che potremo toglierci qualche soddisfazione. Siamo stati bravi a tenere i nervi saldi, quando non ci venivano fischiati alcuni falli. In quel momento abbiamo alzato la qualità. Le avversarie affrontate in questo avvio sono di alto livello. Temevo non avessimo sufficiente lavoro alle spalle per competere con loro. Invece, sono contento di essere stato smentito dai miei giocatori”.

 

 

MARTELOSSI. “Il primo passo è stato fatto. Volevamo fare una partita vera contro la Fortitudo. Ma i dettagli hanno fatto la differenza. La Fortitudo è stata brava a fare canestro nel momento decisivo. Noi dobbiamo lavorare proprio su questo, anche per evitare qualche passaggio a vuoto. Ho visto errori che si possono correggere solo col lavoro. Dobbiamo lavorare il doppio degli altri per ottenere buoni risultati. Ma, se gli arbitri continuano a non conoscere i giocatori non si va lontano”.

 

 

Ultima modifica il Domenica, 15 Ottobre 2017 15:17
Andrea Bonomo

Abruzzese trapiantato a Bologna, scrive per 1000 Cuori Rossoblu da Ottobre 2014.