Marta Meroni in azione durante Bologna-Crema. Marta Meroni in azione durante Bologna-Crema. Foto di Marco Brioschi per Basket Inside..

Il cuore non basta, Crema la spunta sulla Progresso ed è campione d’Italia – 25 Feb

Scritto da  Feb 25, 2018

Solo una partita, un ultimo passo separa la Progresso Matteiplast da uno degli obiettivi stagionali, quello di agguantare la Coppa Italia di Lega A2. L’ultimo step di questa grande corsa passa da Crema, squadra che si opporrà alle petroniane nella gara conclusiva di questo torneo. La formazione di Sguaizer durante la manifestazione alessandrina si è dimostrata una contender di tutto rispetto, estromettendo in gara uno la capolista del girone sud Empoli con una prestazione superba ed annichilendo in gara due Palermo, in una partita dura e che ha visto le lombarde rincorrere per tutta la prima frazione, riuscendo al rientro dagli spogliatoi ad imporsi grazie ad una grande solidità offensiva ed a una Caccialanza in forma smagliante. Le ragazze di Giroldi dalla loro parte hanno la forza di un gruppo straordinario, in grado di ribaltare ogni tipo di situazione e che possono tirare fuori giocate importanti da ogni membro del collettivo, passando dalle mani di D’Alie, Tassinari e Nannucci per punti fondamentali da ogni posizione del campo, al grande lavoro di Meroni e Brevini nel pitturato ed ultime ma non ultime le giocate di Cordisco, Dall’Aglio e Storer in grado di spezzare la gara da un momento all’altro.

L’incontro conclusivo del torneo viene aperto dal canestro di Benic, al quale risponde nell’immediato D’Alie, prima con una tripla dall’angolo, poi con un appoggio in penetrazione ed un sottomano vellutato per il +5 Bologna. Nannucci spende il primo fallo per intercettare Nori, che dalla lunetta fa due su due, prima del centro di Storer in sospensione. Le due squadre girano già su ritmi altissimi, scambiandosi canestri reciprocamente ad ogni cambio di fronte, con Caccialanza che a 2:22 dalla fine del quarto riequilibra la gara sul 13 pari. Tassinari non ci sta e nel possesso successivo aggredisce il ferro, procurandosi due liberi, entrambi realizzati. Quando manca un minuto Crema va in bonus, mandando ai liberi Dall’Aglio che fa due su due, precedendo la straordinaria giocata di Caccialanza che dal divano di casa sua spedisce la sfera in fondo al cesto. A chiudere la frazione ci pensa ancora Tassinari con due addizionali realizzati, con Mandelli che sulla sirena marcata strettissima trova una tripla spaventosa per il 19-19.

Secondo quarto bagnato dal jumper di Tassinari e dal passaggio “behind the back” di D’Alie per Storer, che sfrutta la tabella per due punti facili. Capoferri colpisce da dietro l’arco, canestro al quale dà seguito Benic due volte a segno dalla lunga distanza, realizzazioni inframezzate dai 4 punti di Meroni che fissano momentaneamente il punteggio sul 27-28 Crema. Numerosi i passaggi a vuoto delle due formazioni durante il quarto, ma ci pensa una D’Alie incandescente a far pendere l’ago della bilancia per le felsinee, con un tiro in sospensione dalla media per il +1 biancoblù. Nori ferma in maniera irregolare Meroni, procurandole una presunta frattura al setto nasale, sulle successive proteste Giroldi riceve un tecnico, mandando in lunetta Benic che realizza per il 29 pari all’intervallo lungo.

Al rientro dagli spogliatoi alza i gradi in campo Federica Nannucci, che dalla lunga affonda un importante canestro, seguito da un grande lavoro di Storer nel pitturato, abile a sfruttare l’avversaria come perno per scivolarle alle spalle e segnare. Gara incandescente con continue realizzazioni da ambo le parti: Parmesani oblitera 5 punti in due possessi, ai quali rispondono Tassinari prima e D’Alie poi da 3. La numero 7 petroniana manda in lunetta Cerri che fa bottino pieno, trovando però la grandissima risposta in transizione di Nannucci che mette a segno uno splendido tiro in sospensione, chiudendo il quarto sul 44-43 Bologna.

L’ultimo periodo viene aperto sempre dalla numero 55 felsinea che conclude per due punti dalla media distanza, alla quale si oppone Benic con 5 minuti in 28 secondi per il sorpasso lombardo. Crema riesce ad annullare bene le velleità offensive delle ragazze di Giroldi, trovando anche la girata nel pitturato di Parmesani per il +6 a metà frazione. Reazione rabbiosa delle biancoblù che accorciano in maniera importante grazie a Brevini da lontano, in aggiunta all’unico centro di Tassinari negli addizionali concessi dal direttore di gara. Il tempo è agli sgoccioli e Crema spende il fallo del bonus per fermare una pericolosa transizione condotta dalla guardia titolare di Bologna, che fa uno su due, prima di uscire dal campo a causa del quinto fallo di gioco. D’Alie ha la possibilità di operare il sorpasso sempre a cronometro fermo, fallendo però entrambe le occasioni e mandando ai liberi Benic, che non sbaglia e porta il vantaggio lombardo a +3. Sugli sviluppi di una rimessa, la playmaker statunitense ha una seconda chance su un fallo di Martina Capoferri, che raggiunge così raggiunge i 5 falli, sfruttata questa volta al meglio e riducendo il gap a -1 quando mancano solo 13 secondi alla fine. Parmesani viene mandata ai liberi da Nannucci, anch’essa espulsa per aver raggiunto il numero massimo di infrazioni: la numero 12 fallisce entrambe i tiri, con D’Alie che cattura la palla sputata dal ferro, guida la transizione ma non riesce ad insaccare il canestro del pareggio in extremis, chiudendo così i giochi in favore di Crema che vince per 53-55, portando a casa la Coppa Italia 2017/2018.

Seconda finale consecutiva persa per la Progresso Matteiplast, che si deve arrendere di fronte ad un avversario davvero preparato tecnicamente e tatticamente, oltre che ad un arbitraggio per larghi tratti di gara altamente insufficiente. Resta comunque quanto di buono fatto finora, una cavalcata fino alla gara conclusiva della manifestazione che ha mostrato tutte le qualità di un grande gruppo, composta prima che da grandi giocatrici da grandi ragazze, con ancora la possibilità di raggiungere il secondo obiettivo stagionale: la promozione nella massima serie.

 

Parziali

Primo quarto: 19-19

Secondo quarto: 10-10

Terzo quarto: 15-14

Quarto quarto: 9-12

Finale: 53-55

 

Marcatrici

 

Progresso Matteiplast Bologna

Rae D’Alie 18, Tassinari 11, Storer 8, Nannucci 7, Meroni 4, Brevini 3, Dall’Aglio 2

Tec-Mar Crema

 

Benic 20, Nori 8, Parmesani 8, Caccialanza 8, Mandelli 6, Capoferri 3, Cerri 2

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..