Una brutta Fortitudo viene battuta da Forlì. Finisce 91-67 - 25 Mar

Scritto da  Mar 25, 2018

 

Dal divieto di trasferta per i tifosi biancoblù alla questione diretta tv. La settimana che ha portato alla sfida dell'Unieuro Arena è stata tutt'altro che tranquilla. A questo si è aggiunta anche la situazione di Matteo Boniciolli. Il coach ha avvertito un calo di pressione, con annesso giramento di testa, poco prima della palla a due. La situazione non ha destato preoccupazione, ma preucazionalmente la squadra è stata guidata da coach Comuzzo.

 

 

 

LA PARTITA. Come già accaduto con Treviso, Okereafor parte ancora in quintetto. La squadra di Valli tira molto nei primi due minuti – anche grazie ai rimbalzi offensivi catturati – ma lo fa male. La Fortitudo ne approfitta e tocca il più quattro. Il protagonista dei primi minuti è Danile Cinciarini. Mentre, dall'altra, gli risponde Diliegro. I primi sei punti di Forlì portano tutti la sua firma. Nel momento in cui Forlì tocca il primo vantaggio, con la tripla di Fallucca, Comuzzo chiama timeout. All'uscita dal minuto, il canestro di Mancinelli vale il 17-16 al primo mini intervallo. Per vedere i primi punti del secondo quarto bisogna attendere più di due minuti, quando McCamey realizza due liberi. La squadra di Valli piazza il break che la porta a toccare il più quattordici a 4' dall'intervallo lungo. Rottura prolungatissima per gli uomini di Comuzzo, che nel secondo quarto subiscono un 18-0, interrotto solo da un canestro di Cinciarini. Il primo dal campo, a 2'33'' dall'intervallo lungo. La quarta tripla di Jackson vale il 43-21 dopo due quarti. All'uscita dagli spogliatoi servirebbe un'altra Fortitudo. Ma rientra la stessa squadra dei primi venti minuti. Okereafor prova a svegliare i suoi. La sua tripla, però, è solo un fuoco di paglia. Forlì resta in pieno controllo della gara e chiude sul 70-43 all'ultimo mini intervallo.Nell'ultimo quarto, Chillo è l'ultimo ad arrendersi. Il punto esclamativo sulla vittoria dei padroni di casa lo mette ancora Jackson (80-56). La sua tripla spegne le (poche) speranze di rimonta rimaste ai biancoblù. La Fortitudo l'ha persa nel secondo quarto, quando non è riuscita a reggere l'urto della prima onda offensiva dei padroni di casa. Vince Forlì 91-67. Una sconfitta che fa riflettere, visto che per lunghi tratti si è rivistra La squadra che veniva battuta a Jesi e Montegranaro.

 

Andrea Bonomo

Abruzzese trapiantato a Bologna, scrive per 1000 Cuori Rossoblu da Ottobre 2014.