Stampa questa pagina
La Progresso Matteiplast durante un timeout La Progresso Matteiplast durante un timeout Foto di Valentino Orsini

Velluto biancoblù: la Progresso si sbarazza di Forlì per 73-48 – 7 Apr

Scritto da  Apr 07, 2018

Rientro dolce quello della Progresso a Bologna, forti dei due punti strappati dalle mani delle perugine di Umbertide la scorsa settimana, sconfitte per 64-68 in una gara ricca di emozioni ed incerta fino alla fine. La squadra di Giroldi oggi ospita Forlì tra le mura del Cierrebi, inaugurando un trittico di partite casalinghe con la sfida odierna. Sulla carta partita tutt’altro che ostica per le biancoblù, che si trovano davanti la tredicesima in classifica attualmente a quota sei punti. Occasione ghiottissima per la Progresso di incamerare punti importanti in vista della delicatissima partita della prossima settimana contro Empoli.

La prima frazione di gara inizia con la palla nelle mani delle padrone di casa, che grazie a Meroni sbloccano la gara dalla lunetta. Gramaccioni va per il colpo grosso da dietro l’arco, Storer sul ribaltamento di fronte pareggia i conti, Tassinari scarica dalla distanza in fondo al sacco, Zavalloni sul ribaltamento di fronte rimette la gara sui binari giusti per Forlì, ma sempre la numero 7 biancoblù si inventa un lay-up con fallo, concretizzando il gioco da tre punti e portando sul + 3 Bologna. Zavalloni riesce a segnare con un jumper dal pitturato, ma la Progresso col suo giro palla manda prima a canestro Meroni, poi Tassinari sempre dalla lunga distanza, seguita da un’altra tripla da parte di Nannucci. Patera porta un po’ di ossigeno all’ipossico punteggio di Forlì segnando da fuori, Zampiga aumenta lo score forlivese con un libero realizzato su due, ma Brevini trova un centro importante sugli sviluppi di una rimessa per il +5 Matteiplast a 3:37 dal termine. Intensità al massimo da parte della squadra di Giroldi che blocca con i suoi intercetti tutti i tentativi di costruzione avversari, trovando anche una bomba dalla distanza di Dall’Aglio che insacca dal divano di casa sua, facendo andare il periodo verso la conclusione sul 22-12 in favore di Bologna.

Il secondo parziale si apre con qualche passaggio a vuoto delle due formazioni, ma Meroni spezza la sterilità offensiva raccogliendo un rimbalzo offensivo e mettendo a segno un fade away con fallo, segnando anche il libero aggiuntivo. Forlì fatica terribilmente a concretizzare le proprie occasioni e subisce i contropiedi letali di Bologna, che va a segno con Storer assistita splendidamente da Tassinari, dopo che Melandri ha siglato un jumper da dentro l’arco con libero addizionale. Storer segna, Pieraccini la segue con due canestri a cronometro fermo, Melandri incrementa e la numero 10 petroniana torna a connettere da dentro l’arco per il +12 a 3:59 dal termine. D’Alie va in lunetta con Forlì in bonus e concretizza il 50% dei tiri a disposizione, Patera dall’altro lato invece insacca entrambi gli addizionali, sul ribaltamento di fronte Meroni lavora un gran pallone sotto canestro e trova i due punti, Patera nel possesso successivo si inventa un floater perfetto, ma nonostante le romagnole provino a resistere non c’è partita con D’Alie che si inventa una tripla precedente un appoggio a canestro di Nannucci con un crossover di pregio sulla diretta marcatrice. Forlì non demorde e cerca di ridurre il gap con Bologna, tirando fuori dal cilindro una tripla di Ragazzini ed un piazzato di Missanelli a 37 secondi dal termine del quarto, al quale risponde Nannucci con un libero su due per il 40-28 di fine primo tempo.

Al rientro dall’intervallo lungo Meroni si trova le polveri bagnate dalla lunetta, D’Alie invece ruba palla nella propria metà campo ed in transizione conclude con un jumper da dentro l’arco, seguito dalla realizzazione di Storer da sotto canestro. La play bolognese successivamente trova due punti facili a cronometro fermo, Nannucci trova solo il fondo del secchiello dall’angolo e Storer concretizza l’azione successiva con un piazzato dall’interno dell’arco per il +20 a metà quarto. Tassinari e Vespignani si scambiano cortesie agonistiche con conclusioni dalla lunga distanza, Missanelli fa uno su due ai liberi, Melandri insacca con un jumper nel traffico e Meroni guadagna due liberi, non riuscendo però a metterne a segno nemmeno uno. Quando manca poco più di un minuto alla fine del quarto Brevini si iscrive sul taccuino delle marcatrici segnando due punti, marcatura alla quale risponde Olajide da tre, mandando le due squadre verso il finale di gara sul 58-40.

Nell’ultimo periodo entrambe le squadre partono con grande intensità ma con molta imprecisione in fase di finalizzazione, sterilità realizzativa che viene interrotta dall’appoggio vincente al tabellone di Olajide, seguito dal libero realizzato dalla numero 13 di Bologna e dal canestro di Zavalloni. Tassinari, Nannucci e Brevini combinano per dieci punti, lasciando solo le briciole alle avversarie che in tre minuti di gioco trovano solo due punti con Patera. Ad un minuto dal termine tornano a farsi rivedere in attacco le romagnole con il canestro di Zavalloni, una realizzazione annullata completamente dai quattro punti in due possessi di Storer, che spegne le luci sul Cierrebi con il punteggio finale fissato sul 73-48 per Bologna.

Parziali

1° quarto: 22-12

2° quarto: 40-28

3° quarto: 58-40

4° quarto: 73-48

Finale: 73-48

 

Marcatrici

 

Progresso Matteiplast Bologna

Tassinari 18, Storer 16, Nannucci 11, Meroni 9, D’Alie 8, Brevini 8, Dall’Aglio 3.

Tigers Rosa Forlì

Zavalloni 9, Patera 9, Melandri 7, Olajide 5, Pieraccini 4, Missanelli 4, Gramaccioni 3, Vespignani 3 Ragazzini 3, Zampiga 1.

 

Classifica aggiornata al 7/4

1° Empoli 40

2° Bologna 40

3° S.G. Valdarno 38

4° Palermo 38

5° Civitanova M. 32

6° La Spezia 26

7° Campobasso 24

8° Faenza 24

9° Orvieto 20

10° Savona 18

11° Umbertide 18

12° Roma 12

13° Forlì 6

14° Cagliari 6

15° Alghero 4

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..