La Virtus dà l'addio a Ramagli - 12 giu

Scritto da  Giu 12, 2018

Lo si sapeva ormai da tempo, lo si intuiva, in verità, già in conclusione di campionato, ma ora è giunta l’ufficialità: Alessandro Ramagli non sarà l’allenatore della Virtus pallacanestro nella prossima stagione. Lo comunica, come è prassi, con le consuete righe di convenevoli, la società, che appunto scrive: “A Ramagli, che ha guidato la squadra bianconera per due stagioni, conquistando nel 2016-2017 la promozione in Serie A e la Coppa Italia LNP di Serie A2, vanno i ringraziamenti della società e un “in bocca al lupo” per il prosieguo della carriera professionale nel mondo della pallacanestro.

Le convenzioni vogliono questo, l’allenatore – e l’uomo – diremmo che meriti qualche altro dettaglio come riconoscimento: ad esempio, lo scorso anno la stagione regolare, in A2, parlava di 21 vittorie e 9 sconfitte che erano valse un primo posto pari merito (secondo per lo scontro diretto con Treviso), prima di una serie di play off esaltante, conclusa col 3-0 su Trieste; quest’anno, se è vero che il nono posto ha significato mancare l’obiettivo play off, è altrettanto vero che la sua Virtus ha raggiunto le F8 di una Coppa Italia giocata in emergenza assoluta, come in emergenza infortuni è stato condotto quasi tutto il campionato.

Soprattutto, però, Ramagli è stato il primo allenatore dell’era postmessiniana ad ottenere unanime apprezzamento da parte di un pubblico a lungo innamorato del suo spessore sia umano che professionale, ed anche nelle sconfitte non è praticamente mai mancato il riconoscimento delle sue qualità personali da parte dei tifosi. Se si dovesse chiedere in giro quali siano stati gli allenatori della Virtus negli ultimi quindici anni temiamo che non sarebbe così facile ricostruirne la sequenza. Di Ramagli siamo certi che il popolo virtussino non si dimenticherà a lungo.

Andrea Marcheselli

Bolognese, giornalista di ormai vecchia data, critico teatrale e letterario, da sempre appassionato di basket è stato giocatore, dirigente ma soprattutto allenatore, ed ora per 1000 Cuori Rossoblu anche commentatore delle vicende virtussine