Fortitudo, volano in finale di SuperCoppa i biancoblù, schiantata Tortona per 75-89 Mauro Donati

Fortitudo, volano in finale di SuperCoppa i biancoblù, schiantata Tortona per 75-89

Scritto da  Set 28, 2018

Ultimo test prima dell’inizio della stagione regolare: la SuperCoppa, di scena oggi al PalaDozza mette di fronte Fortitudo e Tortona, che si scontreranno nella semifinale delle ore 21.

Qualche incognita per coach Martino, visti gli acciacchi fisici accusati da Benevelli, Cinciarini e Mancinelli la scorsa settimana, con i nodi sul quintetto titolare di stasera che verranno sciolti prima dell’inizio della gara.

Discorso diverso per la formazione di Pansa, che deve fare i conti con l’assenza di Ndoja, rimasto a casa per lavorare al meglio al fine di recuperare il prima possibile dal trauma distorsivo alla caviglia destra, avendo però a disposizione tutto il resto della rosa.

LA PARTITA

Martino ritrova Mancinelli e Benevelli e, dovendo però fare a meno di Cinciarini, decide di far partire dal primo minuto Fantinelli, Hasbrouck, Rosselli, Pini e Leunen. Unica assenza per Pansa quella del già citato Klaudio Ndoja, che schiera sul parquet del PalaDozza dall’inizio Gergati, Knowles, Alibegovic, Tuoyo e Garri.

Primo possesso di marca biancoblù, che però sblocca la gara nel possesso successivo, grazie ad un centro dal pitturato di Pini. Dominio Fortitudo nella prima metà di quarto: parziale di 0-10 dopo quattro minuti di gioco, grazie ai canestri di Hasbrouck, Rosselli e Leunen. Scalda le mani Garri, che trova i primi punti per Tortona con una bella quanto preziosa tripla. Rosselli va a referto, facendo segnare successivamente anche Pini con uno stupendo assist a tutto campo. Garri prova di lanciare la rimonta della propria squadra, sforzi vanificati dalla coppia Hasbrouck e Venuto, con quest’ultimo che realizza grazie ad una bomba dall’angolo. Ma è Blizzard ad avere l’ultima parola sul quarto con una tripla, spedendo le due formazioni al mini break sul punteggio di 12-22.

Apre il quarto Tortona, con una bellissima combinazione Spizzichini-Tuoyo, conclusa dal secondo con una poderosa schiacciata. Piemontesi molto più pericolosi rispetto all’avvio di gara, ma è brava la Effe a spezzare l’opposizione avversaria con la tripla di Rosselli. Non riesce a manovrare efficacemente il pallone la squadra di Pansa, che si rivela sterile in zona offensiva realizzando in tutto il resto del quarto solo sei punti, nati da due viaggi in lunetta di Alibegovic e da una schiacciata di Tuoyo. Produce invece tantissimo la Fortitudo, che va a segno con Leunen, Pini, Rosselli, Fantinelli ed Hasbrouck, confermando le parole di Martino alla vigilia della gara sulla prolificità del suo attacco e mandando in archivio il secondo quarto sul 25-42 per Bologna.

Al rientro dall’intervallo lungo recupera un buon pallone Tortona, disinnescando abilmente l’attacco biancoblù, ma sciupa incredibilmente tutto Spizzichini, lasciandosi sfuggire la sfera dalle mani al momento della conclusione. Si sveglia dal torpore dei primi due parziali la squadra bianconera, che trova tre triple consecutive dalle mani di Alibegovic, Tuoyo e Knowles. Ma è bravissima la formazione biancoblù a spegnere sul nascere la scintilla avversaria, scavando un solco di ventitré punti tra sé e Tortona, con i canestri di Leunen, Rosselli ed Hasbrouck. Fanno girare il pallone i bianconeri, cercando varchi nella difesa della Fortitudo, che si oppone con grande intensità alle incursioni avversarie. Sul finale di parziale Alibegovic si erge a baluardo tortonese, mettendo in fondo al sacco otto punti consecutivi, che uniti ai due di Gergati dalla lunetta avviano le due formazioni verso gli ultimi 10’ di gara sul punteggio di 48-68.

Uno zero su due ai liberi di Tuoyo apre il quarto conclusivo della partita, che viene indirizzato subito sui binari giusti dai due canestri consecutivi di Benevelli e Sgorbati, lanciando la Fortitudo sul +24. Divario ormai troppo ampio per Tortona, che risponde ai centri dei biancoblù ma non riesce a difendere adeguatamente contro la prorompenza dell’offensiva dell’Aquila. Grande capacità degli uomini di Martino di leggere le trame di gioco dei bianconeri, riuscendo ad impostare la propria manovra nella maniera più efficace per trovare la via del canestro. Nel finale di gara Bologna concede spazio alle seconde linee ed anche ai giovani Franco e Prunotto, con Tortona che rientra parzialmente in gara, che si chiude sul punteggio di 75-89.

Ottima prova della formazione petroniana, che ha eseguito tutte le linee guida tracciate dal proprio allenatore. Troppa Fortitudo per questa Tortona, che ha provato a rimanere agganciata alla squadra di casa con i punti di Alibegovic, Tuoyo e Garri, non riuscendoci.

Si sono presentati a fine gara in sala stampa Antimo Martino e Marco Venuto per i biancoblù, seguiti da Luca Garri e Lorenzo Pansa per i bianconeri.

Martino:

“Sono molto contento della prestazione, abbiamo approcciato la gara nella maniera appropriata. Difensivamente abbiamo fatto quello che dovevamo fare, non posso che ringraziare i ragazzi per la vittoria. In attacco vedo cinque giocatori in doppia cifra, è un aspetto positivo che deve diventare il nostro marchio di fabbrica anche per il prosieguo della stagione. Dobbiamo continuare nel nostro processo di crescita, senza rilassarci e con la consapevolezza che abbiamo grossi margini di miglioramento. Siamo ad un buon punto, l’intensità che cercavo è questa. Ci sono stati degli errori su cui possiamo lavorare, so di chiedere la perfezione e spesso non la si può raggiungere, ma dobbiamo sempre provarci. Facendo un’analisi offensiva, dobbiamo migliorarci nei momenti in cui siamo meno lucidi in attacco. La chiave della nostra stagione sarà di mantenere questa intensità. Casale? Ha buoni giocatori ed è ben organizzata, sicuramente ci darà del filo da torcere”.

Venuto:

“Abbiamo fatto la partita che volevamo e dovevamo fare, approcciando la partita fisicamente sia in attacco che in difesa. Questa è la strada giusta per noi, stiamo lavorando bene però per raggiungere i nostri obiettivi non possiamo accontentarci”.

Pansa:

“Faccio i complimenti alla Fortitudo, perché ha confermato quanto di buono fatto vedere nella preseason. Temevamo il loro approccio alla partita, noi non siamo stati abbastanza duri per reggere l’urto e ci siamo fatti trovare impreparati. Dobbiamo riflettere non sulla sconfitta, ma come questa è giunta. Ogni nostra soluzione offensiva non è stata pulita per merito della Fortitudo, ma anche per mancanza di durezza da parte nostra. Quando abbiamo ripreso la partita, ce la siamo lasciata sfuggire sul -6, venendo puniti subito dopo dal canestro di Hasbrouck”.

Garri:

“Sono mancate energie mentali all’inizio, dobbiamo migliorare. Domani sarà un altro banco di prova, che ci fornirà l’occasione per lavorarci da subito. Ci manca continuità, siamo ancora all’inizio e sappiamo che dobbiamo lavorarci su”.

L’appuntamento è per domani, quando la Fortitudo incontrerà la vincitrice della prima semifinale Casale Monferrato, che ha trionfato su Treviso con una tripla quasi all’ultimo secondo di Musso.

I TABELLINI DI TORTONA-FORTITUDO

 

1° quarto 12-22

2° quarto 25-42

3° quarto 48-68

Finale 75-89

 

Bertram Yachts Tortona

Knowles 8, Tuoyo 14, Alibegovic 18, Cremaschi NE, Ganeto 4, Blizzard 9, Buffo NE, Ugolini NE, Garri 15, Lusvarghi NE, Gergati 5, Spizzichini 2.

Allenatore: Lorenzo Pansa.

Lavoropiù Fortitudo Bologna

Sgorbati 9, Cinciarini NE, Mancinelli 2, Franco, Benevelli 4, Leunen 14, Prunotto, Venuto 12, Rosselli 15, Fantinelli 2, Pini 12, Hasbrouck 19.

Allenatore: Antimo Martino.

 

I TABELLINI DI CASALE-TREVISO

 

1° quarto 21-22

2° quarto 37-42

3° quarto 63-63

Finale 91-90

 

Novipiù Casale Monferrato

Tinsley 13, Banchero NE, Musso 26, Valentini 6, Cesana 5, Denegri 10, Battistini, Martinoni 10, Pinkins 19, Cattapan 2, Giovara NE, Lazzeri NE.

Allenatore: Mattia Ferrari.

De’ Longhi Treviso

Tessitori 16, Burnett 5, Sarto NE, Alviti 11, Wayns 15, Epifani, Antonutti 20, Barbante NE, Imbrò 10, Chillo 11, Uglietti NE, Lombardi 2.

Allenatore: Massimiliano Menetti.

Le gare di domani:

Finale 3° posto

18:30 Treviso-Tortona

Finale 1° e 2° posto

21:00 Fortitudo-Casale Monferrato

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..