Rae D'Alie durante il match contro Savona Rae D'Alie durante il match contro Savona Bianca Costantini

Prosegue la rincorsa di Bologna: contro Umbertide arriva la terza vittoria consecutiva per 66-52

Scritto da  Dic 08, 2018

BASKET PROGRESSO MATTEIPLAST-PALLACANESTRO FEMMINILE UMBERTIDE 66-52 (11-10; 31-26; 48-38)

Basket Progresso Matteiplast: D’Alie 23, Cordisco 3, Tassinari 11, Dall’Aglio 2, Patera 4, Storer 3, Tava 5, Meroni 7, Tridello, Prisco 1, Nannucci 6, Rosier 1. All. Giancarlo Giroldi.

Pallacanestro Femminile Umbertide: Pompei 1, Giudice 18, Gatti, Prosperi 13, Spigarelli 4, Albanese, Cvitkovic 16, Moriconi, Paolocci NE, Olajide. All. Alessandro Contu.

Arbitri: Castellaneta Alexa, Biondi Michele.

Tiri liberi: BO 16/21 (76%); UM 10/12 (83%)

Rimbalzi: BO 34; UM 35

Falli: BO 17; UM 18

Tiri da 2: BO 16/52 (31%); UM 18/48 (38%)

Tiri da 3: BO 6/22 (27%); UM 2/17 (12%)

 

Nonostante il fattore casa, la sfida per Bologna resta complicata: arriva al CSB Umbertide, attualmente nona classificata ed a soli due punti di distanza. Terreno di conquista per La Spezia e Campobasso, oggi il compito della Progresso sarà quello di difendere il proprio parquet, contro una formazione come quella umbra che ha tanti punti nelle mani, ma una fase difensiva da rivedere e che può fare il gioco della squadra di casa.

Nessuna assente tra le file della Matteiplast, mentre le ospiti dovranno fare a meno di Paolocci, ferma per infortunio.

LA PARTITA

Starting five bolognese composto da D’Alie, Tassinari, Nannucci, Tava e Meroni, rispondono le umbre con Pompei, Prosperi, Giudice, Albanese e Olajide.

Inizio in sordina per le felsinee, che incassano subito in apertura il canestro di Giudice dalla lunetta, venendo fuori nei successivi minuti grazie alle realizzazioni di Tassinari e Meroni. Partita vibrante, con numerosi cambi di fronte: le umbre difendono coriacemente l’interno dell’area, creando sempre dei mismatch in fase difensiva per sopraffare fisicamente le petroniane ed impedire loro di realizzare; la Progresso, da par suo, non riesce a costruire in maniera efficace, trovando canestri da iniziative personali, che non le permettono di aumentare il proprio vantaggio. Fatica a creare offensivamente la formazione di Giroldi, che riesce a produrre punti dalle iniziative di Meroni, Storer e Patera, subendo però i centri di Cvitkovic, Giudice e Spigarelli, che chiudono il primo quarto sull’11-10.

Secondo parziale di grande intensità da parte delle ospiti, che trovano costantemente la via del canestro in penetrazione, grazie alla qualità di Cvitkovic e Prosperi. Subisce la veemenza delle umbre Bologna, risalendo la china nella seconda metà di quarto con le realizzazioni dalla lunetta di Rosier, Tava, D’Alie e Tassinari, riuscendo poi a sbloccarsi anche su azione, per mandare in archivio il primo tempo sul 31-26, con un parziale nel finale di 9-0.

Rientro sul parquet di grande impatto da parte della Progresso: ritrova brillantezza la manovra delle felsinee, che torna a creare dalle mani di D’Alie e Nannucci, innalzando il proprio vantaggio sul +11 a metà quarto. Cordisco, dopo aver impostato l’azione, chiude il gioco offensivo dall’arco, anticipando il canestro di D’Alie dalla media e portando il divario sul +16. Reagisce Umbertide con Cvitkovic e Giudice, riportando il gap sotto la doppia cifra, ma Patera allo scadere insacca dall’ala e chiude il quarto sul 38-48.

Dieci giri d’orologio finali inaugurati dal canestro di Giudice, ben annullato da Dall’Aglio e dalla tripla di D’Alie. Gioco spezzettato dai fischi arbitrali, che però non influiscono sull’intensità del match: la play felsinea firma per cinque punti, replicano le ospiti con Prosperi e Giudice, che combinano per sette punti. Calano le percentuali realizzative nel finale, con Cvitkovic che prova ad accorciare con un 4/4 dalla lunetta, ma Bologna ha già scavato il solco ed è il libero di Prisco a chiudere i giochi: Progresso batte Umbertide 66 a 52.

Continua la striscia vincente delle petroniane, che calano il tris nonostante un avvio non esaltante, grazie anche ad una D’Alie decisiva nel quarto conclusivo. Giro palla encomiabile nella ripresa, con scelte di tiro più intelligenti e maggiore pressione sulle portatrici di palla avversarie, per colmare il divario iniziale scavato dalle umbre, avendone poi ragione sulla lunga distanza. Prossimo appuntamento, settimana prossima contro Nico Basket, con le pistoiesi che saranno ospiti sul parquet del CSB.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..