Elisabetta Tassinari Elisabetta Tassinari Bianca Costantini

Una super Tassinari non basta: De Pasquale affonda Bologna, vince Civitanova 74-72

Scritto da  Feb 02, 2019

BASKET PROGRESSO MATTEIPLAST-CIVITANOVA MARCHE 72-74 (15-19; 36-35; 58-57)

Basket Progresso Matteiplast: D’Alie 18, Cordisco, Tassinari 20, Dall’Aglio 2, Storer 6, Tava 6, Meroni 3, Tridello NE, Prisco NE, Nannucci 5, Rosier 12. All. Giancarlo Giroldi.

Civitanova Marche: Maroglio, Orsili 12, Ortolani 12, Paoletti 2, Perini 10, Bocola 12, Trobbiani, De Pasquale 26, Marinelli NE, D’Amico NE. All. Nicola Scalabroni.

Arbitri: Fabio Bonotto, Alexa Castellaneta.

Tiri liberi: BO 10/13 (76%); CM 14/21 (66%).

Rimbalzi: BO 40; CM 36.

Falli: BO 19; CM 14.

Tiri da 2: BO 22/44 (50%); CM 15/31 (48%).

Tiri da 3: BO 6/32 (18%); CM 10/26 (38%).

 

QUINTETTI INIZIALI

Basket Progresso Matteiplast: D’Alie, Nannucci, Tassinari, Storer, Meroni.

Civitanova Marche: Orsini, Perini, Bocola, Ortolani, De Pasquale.

 

Il rientro fra le mura amiche della Matteiplast viene inaugurato dal canestro di Storer agli albori della gara. Il vantaggio felsineo dura poco: dopo il botta e risposta fra D’Alie e Ortolani, nuovamente Orsili e De Pasquale regalano il possesso pieno di distacco alle marchigiane. Il contro break di 6-0 fa mettere il naso avanti a Bologna, ma le ospiti sono ispirate in zona offensiva e chiudono la prima frazione avanti di quattro lunghezze, grazie alla tripla di Ortolani ed ai canestri dentro l’arco di Paoletti e Bocola.

Nella seconda frazione prova a ribaltare la gara la Progresso: Dall’Aglio e Tassinari si fanno subito sentire, ma Orsili e l’ispiratissima De Pasquale rispediscono al mittente il tentativo di sorpasso. Spingono le “Giroldine”, trovando il break del nuovo vantaggio con Tassinari, Rosier e Nannucci, spezzato da Orsili che mantiene col suo canestro il divario ai minimi termini. Sul finire di quarto Meroni e D’Alie replicano a Perini e Bocola, De Pasquale continua il bombardamento sistematico da casa sua, ma il tap in di Rosier gonfia la retina e manda le squadre al riposo sul punteggio di 36-35.

Forte impatto di Bologna sul parquet al rientro dagli spogliatoi, brava a indirizzare subito il match nella direzione giusta con le realizzazioni di D’Alie e Storer, ma De Pasquale ha la mano rovente e firma ancora per tre punti, trainando le sue compagne sul distacco minimo. Le padrone di casa si difendono strenuamente, trovando punti freschi da Rosier, Tassinari e Storer, ma Perini e Orsili rosicchiano il vantaggio felsineo, costringendo infine alla resa momentanea le bolognesi con le triple di Ortolani e la letale De Pasquale. Fa scorpacciata di punti dalla lunetta Civitanova, mandando a referto Perini e Ortolani, ma D’Alie sale in cattedra e con i suoi otto punti, uniti ai quattro di Tassinari, spediscono le due compagini agli ultimi 10’ di gara sul 58-57.

Gara in bilico fin qui, ma le ospiti, con un deciso scossone, ne prendono le redini: De Pasquale apre il parziale per le marchigiane, che unito ai punti di Bocola e Orsili dice +5 Civitanova a inizio quarto periodo. Si complica la vita Bologna quando, dopo aver riagganciato le ospiti sul 65 pari, prendono un tecnico che, seguendo il canestro di Perini, vale il possesso pieno di distacco per le ragazze di Scalabroni. Bocola affonda nuovamente dalla lunetta facendo due su due, ma prima Tava, poi Tassinari e D’Alie tengono a galla le felsinee sul 72-72. Con sette secondi sul cronometro Civitanova rimette, trovando il rapido canestro di De Pasquale, lasciandone tre alle avversarie per provare di mandare la gara ai supplementari. Rimessa Progresso, palla a Tassinari che non riesce a trovare il canestro: Civitanova batte Bologna 74-72.

Una stoica Elisabetta Tassinari, autrice di 20 punti, non basta per regalare la vittoria alla propria squadra, che si deve arrendere tutta di fronte ad una prestazione incredibile di Ada De Pasquale, capace di mettere a segno sette triple su undici tentativi, rivelandosi mortifera per le felsinee e guadagnandosi meritatamente il titolo di MVP della contesa.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..