La vigilia di Virtus Segafredo-Nanterre 92, Djordjevic: "E' una partita importante e i ragazzi ce la metteranno tutta per centrare l'obiettivo"

Scritto da  Apr 02, 2019

La Virtus Segafredo, dopo la pesante sconfitta rimediata domenica scorsa a Sassari, si prepara ad affrontare la gara di ritorno dei quarti di finale di BCL. Le V nere devono vincere con uno scarto superiore agli otto punti per potersi qualificare alle Final Four e sarà importante non replicare le brutte prestazioni viste in Sardegna e, ancora prima, in Francia. La partita di andata è stata vinta da Nanterre per 83-75 e, a creare problemi alla Segafredo, sono stati i lunghi avversari che hanno dominato nel pitturato,approfittando anche delle difficoltà del reparto lunghi bianconero. Serviranno, dunque, maggiore attenzione e fisicità per cercare di mettere in difficoltà gli avversari e cercare, dunque, di ribaltare il risultato.

“La  partita che  affronteremo domani sarà  particolare e  ci potrà insegnare tanto, per questo occorre giocarla nella giusta maniera e i ragazzi faranno di tutto per raggiungere il traguardo. Abbiamo avuto qualche acciacco fisico che non ci ha permesso fino ad ora  di esprimere tutto il nostro potenziale. L’assenza di Martin è pesante sia durante le partite che in palestra  ma i  ragazzi si stanno allenando bene e dovranno dare tutto per aiutare la squadra a vincere. Sono sicuro che i tifosi ci supporteranno e sarà necessario anche gestire le emozioni per centrare l' obiettivo”.

 Rispetto all’andata cosa cambierete?

“Sicuramente la gestione dei rimbalzi, perché non possiamo permettere agli avversari di avere delle seconde occasioni. Sono una squadra forte dalla linea da tre e siamo stati bravi a fermarli. Dobbiamo evitare di lasciare loro  rimbalzi offensivi”.

 Hai intenzione di forzare il rientro di Martin?

“Sono contrario a forzare il rientro dei giocatori. Ascolto lo staff e i diretti interessati. Martin ieri si è allenato, valuteremo sia oggi che domani se utilizzarlo o meno”.

 Come hai visto la squadra dopo Sassari?

“Credo che abbiano recepito il mio messaggio perché dopo la partita si sono parlati e questo, nelle situazioni difficili, aiuta”.

 Come sta Chalmers, può giocare più minuti?

 “Non è ancora pronto al 100%. Lo gestiremo come abbiamo sempre fatto così da farlo entrare in condizione”.

 Quando la squadra è in difficoltà si tende a giocare uno contro uno

 “Ho notato che la squadra fornisce pochi assist. Stiamo lavorando per cercare di migliorare questo aspetto. E’ ovvio che nei momenti di difficoltà ci sia qualcuno che vuole risolvere da solo la partita”.

 All’andata c’è stato un problema anche sui pick and roll.

“Si, ci sono diversi modi di giocare il pick and roll. Loro sono molto bravi a leggere le situazioni e anche nell’ultima partita con Strasburgo lo hanno dimostrato. Dovremo essere bravi a difendere il pick and roll con tutti e cinque i giocatori e non solo con due perché, solo in questo modo, possiamo metterli in difficoltà”.

Quale aspetto di questa squadra ti ha soddisfatto e quale no

“Mi ha soddisfatto la loro voglia di lavorare e di migliorarsi. Sono consapevole che è stata giocata più di metà stagione e quindi possono venire a mancare le energie e per questo ho voluto gestire la quantità di lavoro”.

Come si preparano queste partite di andata e ritorno?

“È  una situazione  strana anche per i giocatori stessi. Devono essere pronti sia fisicamente che mentalmente perché tutto è possibile in partite del genere”.

Ultima modifica il Martedì, 02 Aprile 2019 19:53
Lorenzo Gaballo

Nato a Perugia, bolognese di adozione. Appassionato di sport,soprattutto di basket e calcio,sogno di diventare un giornalista sportivo e, mi auguro di trasformare la mia passione per lo sport in un lavoro.