Alessandra Tava all'opera contro Valdarno Alessandra Tava all'opera contro Valdarno Bianca Costantini

Progresso da urlo, Palermo non può nulla: al CSB si impone Bologna per 71-58

Scritto da  Apr 21, 2019

BASKET PROGRESSO MATTEIPLAST-ANDROS BASKET PALERMO 71-58 (16-14; 31-28; 52-43)

Basket Progresso Matteiplast: D’Alie 11, Cordisco 2, Tassinari 10, Dall’Aglio 6, Storer 3, Tava 20, Meroni 4, Tridello ne, Prisco ne, Grandini ne, Nannucci 10, Rosier 5. All. Giancarlo Giroldi.

Andros Basket Palermo: Manzotti 4, Russo 9, Novati 2, Cupido, Verona C. 16, Cutrupi, Miccio 20, Verona M. 2, Casiglia ne, Vandenberg 5, Calio’ ne. All. Santino Coppa.

Arbitri: Riccardo Falcetto, Stefano De Bernardi.

Tiri liberi: BO 7/10 (70%); PA 10/15 (66%).

Rimbalzi: BO 36; PA 23.

Falli: BO 19; PA 17.

Tiri da 2: BO 17/45 (37%); PA 18/47 (38%).

Tiri da 3: BO 10/23 (43%); PA 4/11 (36%).

 

QUINTETTI INIZIALI

Basket Progresso Matteiplast: D’Alie, Nannucci, Tassinari, Tava, Meroni.

Andros Basket Palermo: Russo, Cupido, Manzotti, Verona, Vandenberg.

 

Big match al CSB, di scena due corazzate della serie A2 femminile: Bologna e Palermo. Progresso che, dopo il passo falso di Umbertide, ha ripreso la corsa verso il secondo posto della classifica, imponendosi nettamente su Pistoia. Dall’altro lato l’Andros Basket: archiviato lo scivolone esterno contro Civitanova Marche, è giunta un’indiscutibile vittoria casalinga ai danni di Valdarno, rilanciando le siciliane al terzo posto, in coabitazione proprio con le emiliane.

Sfida di grande intensità sin dalle battute iniziali: Palermo attacca con grande intensità, sbloccando nell’immediato la gara con Russo, issandosi sul +6 poco dopo con Manzotti e Vandenberg. L’atletismo delle ospiti stordisce Bologna, che fatica a prendere le misure alle ragazze di coach Coppa, forti di una conduzione del possesso e di un ventaglio di movimenti senza palla magistrali. Le felsinee si svegliano dal torpore, assestando un contro break micidiale: Tava, Tassinari, D’Alie e Rosier vanno a segno, impattando la gara sull’8 pari, portandosi poi sul possesso pieno di vantaggio con la numero 91. Da sempre decisiva contro la Progresso, dalla panchina esce Liliana Miccio, riportando subito in equilibrio la gara, prima del botta e risposta D’Alie-Verona-Dall’Aglio, a chiudere i primi 10’ sul 16-14.

Gara vibrante e che decolla definitivamente nel secondo periodo: si dilata sul +4 il divario, ricucito dall’Andros Basket con un parziale di 0-10 grazie a Miccio, Russo, Verona e Novati. Minuto chiamato da Giroldi, fondamentale come ossigeno nello spazio: Nannucci apparecchia la risalita con una tripla nell’immediato ingresso sul parquet, Tava segue, lasciando poi spazio nuovamente alla 55 biancoblù dall’arco ed a Rosier, per il contro break di 11-0 intaccato in novantacinque secondi e che permette a Bologna di chiudere il primo tempo sul 31-28.

Scalata non impossibile per Palermo, lo sa bene Miccio che, sin dalle prime battute del terzo periodo, si impone offensivamente, ribaltando il risultato con due canestri consecutivi. Si incarta la macchina realizzativa delle ospiti, Tava e Tassinari ne approfittano affondando due triple che, unite ai centri di D’Alie e Meroni, portano lo scarto sul +8. Miccio si mette in proprio e firma un contro break di 0-6, ma Bologna c’è, e grazie a Nannucci, Cordisco e Storer, arriva all’ultimo giro di boa sul 52-43.

Annusa l’impresa la formazione giroldina, inaugurando gli ultimi 10’ di gara con le bombe di Dall’Aglio e D’Alie, tagliando le gambe a Palermo. Ci provano fino alla fine le ragazze di Coppa, ma oramai la forbice del distacco è troppo ampio e controlla bene il vantaggio acquisito la Progresso.

Finisce così 71-58 al CSB: conquista due punti d’oro Bologna, ribaltando lo scontro diretto con l’Andros Basket ed issandosi al terzo posto in solitaria, trascinata da una strepitosa Alessandra Tava, autrice di 20 punti complessivi. Prossimo appuntamento il 25 Aprile, quando le felsinee si recheranno a domicilio della Tigers Rosa Forlì per continuare la propria corsa alla Serie A1.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..