Angela Salvadores Angela Salvadores Bianca Costantini

Il Paladozza è un fattore, la Virtus Femminile la spunta su Vigarano per 73-65

Scritto da  Ott 19, 2019

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA-PALLACANESTRO VIGARANO 73-65 (19-11; 33-33; 58-49)

Virtus Segafredo Bologna: Micovic 4, D’Alie 2, Begic 21, Tassinari 9, Salvadores 26, Tava 6, Cabrini, Tartarini ne, Martines ne, Rosier 1, Williams 4, Cordisco ne. All. Giancarlo Giroldi.

Pallacanestro Vigarano: Natali, Gregori, Celani, Nativi, Bocchetti 22, Miccoli 4, Gilli 2, Kunaiyi 10, Bolden 18, Gianesini, Attura 9. All. Marco Castaldi.

Arbitri: Maffei Luca, Bramante Angelo Valerio, Lanciotti Valeria.

Tiri liberi: BO 17/19 (89%); VI 18/27 (66%).

Rimbalzi: BO 38; VI 31.

Falli: BO 22; VI 21.

Tiri da 2: BO 19/27 (70%); VI 13/26 (50%).

Tiri da 3: BO 6/25 (24%); VI 7/31 (22%).

 

QUINTETTI INIZIALI

Virtus Segafredo Bologna: Salvadores, D’Alie, Tassinari, Begic, Williams.

Pallacanestro Vigarano: Attura, Bolden, Miccoli, Bocchetti, Kunaiyi.

 

Si riscrive la storia bolognese: dopo 25 anni ritorna la Serie A1 sotto le due Torri, esordisce al Palazzo dello Sport la Virtus Femminile, ospite delle bianconere la Pallacanestro Vigarano.

Partenza contratta delle Vu Nere, subito a rincorrere dopo il due su due di Miccoli dalla lunetta, sbloccatesi con Tassinari, Williams e Salvadores. Strappa Bologna con un break di 8-2, ribaltano le ospiti con Bocchetti e Attura, prima dell’assolo casalingo condotto magistralmente da Salvadores. Si mette sulle spalle tutta la squadra la cestista iberica, firmando sei punti e confezionando un assist al bacio per Begic.

Rosier chiude il primo spezzone di match sul 19-11 per la Virtus che, alla ripresa del gioco, vede Begic salire in cattedra e spaccare la gara. L’ala croata si mette in proprio e mette a segno nove punti consecutivi, spingendo Bologna sul +12. Divario elastico fra i due schieramenti, con Vigarano che s’accende all’improvviso: Bolden estrae dal cilindro nove punti consecutivi, Bocchetti inganna Tava dall’arco conquistando tre liberi sulla sirena e pareggiando la gara all’intervallo sul 33-33.

Ritmi forsennati sul parquet: Vigarano cerca di imporsi con le sue fiammate in transizione, Bologna replica con un rapido giro palla ad aprire spazi in avanti, insieme ad una pressione difensiva asfissiante. Il grande dispendio di energie porta a numerosi passaggi a vuoto ed a tante sbavature sotto canestro.

Impattano benissimo il match al rientro dalla pausa lunga le Vu Nere: Begic bagna l’esordio nel terzo quarto con quattro punti, Tassinari e Salvadores la seguono a ruota ed è nuovamente +10 interno dopo soli due minuti e mezzo. Imprecisa offensivamente la squadra ospite, che si sblocca a metà quarto con due centri di Bocchetti, mattatrice del match per le ospiti. La numero 14 ferrarese trova sostegno nelle iniziative di Kunaiyi, Gilli e Attura, regge bene la Virtus annullando i canestri di Vigarano con le iniziative di Salvadores, Tassinari e Micovic e chiude al terzo giro di boa sul +9.

Concentrazione ai massimi livelli per Bologna alla ripresa delle ostilità: Salvadores punge, Micovic dirige il traffico, Begic affonda ed è +15 interno. Castaldi cerca di contenere i danni chiamando minuto, trovando però solo Bolden a difendere il fortino biancorosso. Si accende il match nel finale: Bolden si carica le sue e manda in fondo al sacco due canestri consecutivi, Kunaiyi tenta di sostenerla ma l’americana è costretta ad uscire per falli e le ospiti crollano. Salvadores con il cronometro agli sgoccioli si limita al minimo sindacale e manda i titoli di coda sulla sfida: Bologna batte Vigarano 73-65.

Prova superlativa del collettivo alla prima vittoria in A1, in una gara di grande intensità grazie alle prestazioni pazzesche di Begic e Salvadores, quest’ultima MVP del match con 26 punti complessivi.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..