John "Kociss" Fultz e Roberto "Bob" Vieri John "Kociss" Fultz e Roberto "Bob" Vieri foto Virtuspedia

Virtus e Bologna in una città vuota per l'austerity

Scritto da  Mar 13, 2020

 

 

 

 

Questa Bologna sempre più vuota riporta alla mente un passato in cui la città si svuotò non di persone, ma di veicoli. Era domenica 2 dicembre 1973 e fu imposto lo stop alla circolazione dei veicoli: una decisione presa dal governo per arginare la crisi petrolifera del 1973. I mah... erano sulla bocca di tutti gli italiani, ad esprimere incertezza su come sarebbe stata quella prima domenica senza motori. E come visse lo sport bolognese quella giornata particolare? Era un periodo particolarmente freddo, la popolazione cittadina rimase in gran parte rinchiusa in casa; nella mattinata era possibile incontrare qualcuno a passeggio nella città deserta, poi nel primo pomeriggio molti ad ascoltare tutto il calcio minuto per minuto che riportava le vicende del Bologna impegnato a Firenze nel derby dell'Appennino, nel chiuso delle case o, sfidando il freddo, per le vie quasi deserte.

I rossoblù erano scesi in campo così: Buso, Roversi, Rimbano, Caporale, Cresci, Gregori, Ghetti, Bulgarelli, Savoldi, Vieri, Landini. Al quindicesimo della ripresa il gol dei Viola, un'autorete di Tazio Roversi; quattro minuti dopo il pareggio del talentuoso Bob Vieri riscaldò i cuori infreddoliti. Il risultato non mutò più fino al fischio finale di Agnolin di Bassano del Grappa. Quinto pareggio consecutivo per i rossoblù, a sette punti dopo sette giornate.

Clima più confortevole nel palasport di Piazza Azzarita. La Virtus nella domenica precedente ha battuto Pesaro 84-63, conquistando il primo successo in campionato dopo tre sconfitte, anche se due venute contro le fortissime Ignis Varese e Forst Cantù. In questa domenica d'austerity, un altro turno casalingo per i bianconeri: avversario di turno la Brina Rieti. Albanesi e Zambelli dirigono l'incontro e il quintetto iniziale delle V nere è composto da Albonico, Antonelli, Bertolotti, Fultz e Serafini. Sulla panchina bianconera, insieme all'allenatore Dan Peterson e al vice John McMillen, ci sono Benelli, Gergati, Ranuzzi, Natali e Bonamico. Alla fine del primo tempo la gara è già praticamente decisa, il punteggio di 47 a 23 lascia ben poche speranze di rimonta ai laziali. Infatti il punteggio finale di 80-58 è indicativo del dominio della Sinudyne. Migliore realizzatore dei padroni di casa è John Fultz con 24 punti, 10 su 21 al tiro; per Kociss da segnalare in più 10 rimbalzi. Protagonisti anche Bertolotti con 20 punti e Serafini con 14. Tra gli ospiti da segnalare i 19 punti del ventunenne Luciano Vendemini, che troverà la morte il 20 febbraio 1977 sul campo, prima di una partita, per un arresto cardiaco, una morte che si sarebbe dovuta evitare.

 

 

Ultima modifica il Venerdì, 13 Marzo 2020 10:32