La Virtus femminile batte Ragusa e vince la prima gara in campionato davanti al proprio pubblico.

Scritto da  Ott 08, 2020

 

 

 

Virtus Segafredo Bologna - Passalacqua Ragusa 63 - 60  (14-10; 30-34; 47-51)

 

Virtus Segafredo Bologna: Dalie 2, Begic 11, Tassinari, Bishop 28, Tava 3, Roccato, Tartarini, Barberis, Battisodo 6, Cordisco, Willimas 13, Rosier. All. Serventi.

 

Passalacqua Ragusa: Romeo 7, Consolini 13, Tagliamento 5, Olodo, Bucchieri, Tikvic 11, Trucco, Marshall 4, Nicolodi 2, Santucci 10, Kuier 8. All. Recupido.

 

La Virtus Segafredo Bologna gioca una grandissima partita trascinata da un’ altrettanto grande Abby Bishop che, aiutata nel finale dalla freddezza della Battisodo, conduce le V nere al secondo successo consecutivo.

 

 

Alla Virtus Segafredo Arena arriva la Passalacqua Ragusa con l’ obiettivo di battere la squadra bianconera per cercare il secondo successo di fila nel campionato di serie A1 Femminile. In una Virtus Arena sold out ( il limite di capienza era fissato a 200 spettatori ), si gioca una bella partita fra due squadre che ambiscono ad arrivare fino in fondo al campionato. Le prime due frazioni di gioco sono molto equilibrate, caratterizzate dalle grande giocate individuali di Abby Bishop e Ana Marija Begic da una parte e da quelle della Consolini e della Tikvic, dall’altra. Nel terzo periodo entrambe le formazioni piazzano parziali che obbligano i rispettivi allenatori a chiamare diversi time out. Nell’ultimo quarto la Bishop sale in cattedra e conduce la Virtus alla vittoria grazie anche al canestro decisivo a 30’’ dalla fine di una straordinaria Battisodo che con il ghiaccio nelle vene infila la tripla della vittoria per la Virtus.

 

La Virtus Segafredo parte subito bene con un parziale di 5-0 firmato dalla tripla di Begic e dal bellissimo taglio backdoor di Abby Bishop che ne appoggia due facili al tabellone. Ragusa fatica a  trovare il bersaglio, la formazione bianconera si porta sul 7-2 dopo 5’ e coach Recupido è obbligato a chiamare il time out per fermare la partita. Dopo la strigliata del coach, la squadra siciliana torna in campo con un atteggiamento diverso e rientra in partita sul 11-10 al 8’. Il primo quarto termina sul 14-10 per la squadra bolognese. Nella seconda frazione di gioco la Virtus parte subito forte grazie al jumper dalla media della Williams. Sul 20-14 in favore delle V nere coach Serventi vede un atteggiamento difensivo da parte della propria squadra che non gli piace e allora decide di chiamare time out per aggiustare la difesa che fatica a contenere le soluzioni da tre punti di Ragusa. Al 17’ un bellissimo terzo tempo della Kuier da 2+1 fa tornare la partita in parità sul 24-24. La squadra di casa fa fatica a segnare e la formazione ospite ne approfitta per allungare sul 24-29 con l’ ennesima tripla della Consolini. La seconda frazione di gioco si chiude con il risultato di  30-34 per la squadra siciliana. Nella ripresa la Bishop parte fortissimo e con una grande tripla riporta la Virtus in vantaggio sul 38-36 al 23’. Un parziale di 8-1 della Passalacqua, però, costringe coach Serventi ad un altro time out. La Virtus esce benissimo dal minuto di sospensione e, grazie alla bomba dall’ arco della Williams, le V nere riescono a riportare la partita in parità al 28’ costringendo dunque, questa volta, il coach della formazione siciliana a chiamare il time out. Il terzo quarto si conclude sul punteggio di 47-51 per la formazione ospite. Nell’ ultimo periodo Ragusa parte molto bene e cerca subito la fuga. La Virtus è molto brava a restare aggrappata alla partita e, grazie alla prestazione superba della Bishop, la squadra di coach Servanti torna sul +1 al 34’. Il finale è al cardiopalma, Ragusa va sul +2 ma la solita Bishop pareggia dalla lunetta.  A 32 secondi dalla sirena di fine gara la palla arriva nelle mani morbide della Battisodo che è una sentenza dall’ arco e segna la bomba decisiva che regala la vittoria al club bianconero. 

 

La Virtus femminile giocherà la prossima partita alla Segafredo Arena sabato 10 Ottobre alle 15 contro Vigarano.

Ultima modifica il Giovedì, 08 Ottobre 2020 23:46