A sinistra Bucci e Van Breda Kolff. A destra la Virtus 1983/84 A sinistra Bucci e Van Breda Kolff. A destra la Virtus 1983/84 Foto Virtuspedia

Il 9 ottobre 1983 la prima vittoria di Bucci in trasferta in una gara di campionato

Scritto da  Ott 09, 2020

Era il 9 ottobre 1983 e si giocava la seconda di campionato. La Virtus aveva già vinto due gare di Coppa Italia, a Ferrara di cinque punti e in casa Fortitudo di venti, inoltre si era aggiudicata la partita d'esordio della stagione regolare contro Cantù. Ora, la squadra allenata da Bucci doveva affrontare la prima gara in trasferta, in quella Livorno che poi sarebbe stata un'altra delle tappe fondamentali della carriera di Alberto. La squadra era ampiamente collaudata: i confermati Villalta, Bonamico, Rolle, Fantin, Brunamonti; quattro vecchie conoscenze della Virtus cresciute nelle giovanili come Valenti, già vincitore di tre scudetti e una Coppa Italia con i bianconeri, rientrato dal prestito a Trieste, Binelli, con già due presenze in Serie A ai tempi della finale scudetto 1981, tornato da due anni di apprendistato in America, Lanza e Daniele, già campioni d'Italia juniores con le V nere nel 1982, quando alle finali nazionali di Pesaro giocò al loro fianco e risultò decisivo anche Binelli, autore di 22 punti sia in semifinale sia in finale; l'unica novità è Jan Van Breda Kolff, giocatore affidabile con una lunga esperienza Nba alle spalle. Assistente del nuovo allenatore Bucci è Ettore Messina.

Alla fine la Granarolo l'ha spuntata, 83 a 80 sulla Peroni, faticando molto ma meritandosi i due punti con un eccellente primo tempo, quando ha accumulato anche 10 punti di vantaggio (28-38 al 19'31, poco prima dell'intervallo a cui si è andati sul 30-38), e una maggiore lucidità nei rari momenti in cui la squadra toscana ha sorpassato e negli ultimi secondi. La Peroni aveva, infatti, cominciato benissimo il secondo tempo, sorpassando dopo 5'13", sul 47-46, poi di nuovo sul 60-59. A questo punto Bologna piazzava un parziale di 0-6 in 58 secondi e si portava sul 60-65. Gli uomini di Bucci hanno a lungo dominato i rimbalzi, contenendo bene ed andando a canestro a ripetizione con un Villalta trascinatore (24 i punti del capitano). La Peroni si è battuta bene soprattutto con Restani (30 punti), Jeelani (21, ma ben limitato da Van Breda) e Fantozzi (17), ha rimontato nella ripresa con la zona-press ordinata da Ezio Cardaioli. Nel drammatico finale (78-76 per i bolognesi a 45" dal termine) la Granarolo ha avuto la meglio: un libero di Van Breda Kolff e un canestro di Villalta hanno fissato il punteggio finale, 80-83. Tutto il quintetto bolognese è andato in doppia cifra: oltre a Renato, Bonamico ha messo a segno 15 punti, i due americani 12 e Brunamonti 10. Quest'ultimo ha diretto benissimo le operazioni, contro le difese a zona della Libertas, la due-tre, la tre-due e la press già citata.