Brandon Sherrod dà il cinque ai suoi compagni Brandon Sherrod dà il cinque ai suoi compagni Estense.com

Cento vince una sfida al cardiopalma: con l’Orlandina finisce 87-92

Scritto da  Ott 17, 2020

ORLANDINA BASKET CAPO D’ORLANDO-TRAMEC CENTO 87-92 (24-22; 36-49; 56-68)

Orlandina Basket Capo D’Orlando: Ravì NE, Taflaj 4, Gay 5, Floyd 23, Lagana 8, Johnson 27, Del, Triassi NE, Tintori, Bellan 8, Fall 8, Moretti 4. All. Marco Sodini.

Tramec Cento: Saladini 2, Fallucca 8, Ranuzzi 11, Berti 4, Leonzio 13, Petrovic 16, Gasparin 11, Moreno 8, Sherrod 19, Negri NE. All. Matteo Mecacci

 

Tiri liberi: OR 21/28; CE 26/31.

Rimbalzi: OR 26; CE 39.

Falli: OR 25; CE 26.

Tiri da 2: OR 24/43; CE 18/26.

Tiri da 3: OR 6/20; CE 10/24.

 

QUINTETTI INIZIALI

Orlandina Basket Capo D’Orlando: Lagana, Bellan, Johnson, Floyd, Fall.

Tramec Cento: Moreno, Fallucca, Gasparin, Petrovic, Sherrod.

 

Archiviata una prima uscita stagionale conclusasi in maniera infelice, la Tramec Cento vola in Sicilia per riscattare la sconfitta nel derby di settimana scorsa. Ad ospitare i biancorossi sarà Capo D’Orlando, secondo ostacolo di questa Supercoppa Centenario per la formazione di Matteo Mecacci e anch’essa alla ricerca di una vittoria, dopo aver perso al photofinish contro Trapani.

Riparte dai cinque del Pala Benedetto della passata domenica Cento, lottando punto a punto agli albori del match. A metà del primo parziale la Tramec prova lo strappo, mettendo a segno due triple con Danilo Petrovic che regalano il +5 esterno, ma l’Orlandina rosicchia il piccolo tesoretto biancorosso grazie a Fall e Floyd. Vantaggio scivolato via dalla mani dei biancorossi, che si vedono superare al primo giro di boa dai padroni di casa: Floyd apre il parziale, Gay lo chiude ed al decimo è 24-22 Capo D’Orlando.

Il ritorno sotto i riflettori coincide con il recupero degli ospiti: Gasparin chiude subito la forbice del distacco, Floyd la riapre, Berti, Ranuzzi e Leonzio abbozzano la fuga, scrivendo il massimo vantaggio centese sul +6. In difficoltà gli uomini di Sodini, incapaci di trovare la via del canestro con continuità e di bloccare le sortite ospiti, che dopo quattro minuti mettono fra sé e i padroni di casa dieci lunghezze. Timeout obbligato per Capo D’Orlando, che all’uscita dal mini break prova a ricucire lo strappo con Fall, ma fatica ancora a realizzare in maniera costante e si vede sbattere in faccia altri 5 punti di Petrovic. Scivola ancora più in fondo al crepaccio la squadra di casa, realizzando alla spicciolata dalla linea della carità con Fall, imitato da Saladini, che chiude il primo tempo sul punteggio di 36-49.

Necessario un cambio di tendenza di Capo D’Orlando per agguantare Cento che, di contro, dovrà uscire dagli spogliatoi con la stessa fame dei primi 20’ per portare a casa la posta in palio. Inversione che, per gli uomini di Sodini, inizia a concretizzarsi: al rientro sul parquet Bellan e Lagana vanno a segno, riducendo il distacco. Una reazione stroncata immediatamente dai biancorossi: Sherrod e Fallucca con i loro canestri spingono nuovamente la Tramec in alto, prima del punto esclamativo messo dal capitano Ranuzzi con i suoi 5 punti consecutivi. Difensivamente ruvida e offensivamente continua, Cento continua la sua scalata con i centri di Leonzio e Gasparin, Floyd e l’ex Taflaj si oppongono ed al terzo giro di boa è +12 per gli ospiti.

All’ultima curva della sfida sembra tutto fatto per la Tramec, che non ha però fatti i conti con le ambizioni di Capo D’Orlando. Ranuzzi sblocca subito il tabellone luminoso, ma dopo di lui è assolo Orlandina: Johnson e Lagana fanno la voce grossa sotto canestro, combinando per 7 punti, Floyd e Moretti seguono a ruota e dopo poco più di 180 secondi è -1 per i padroni di casa. Ribalta il risultato la formazione di Sodini dalla lunetta con Moretti, lasciando presagire il peggio per gli ospiti. Non ci stanno i biancorossi che spiccano nuovamente il volo, incidendo nella sfida un parziale di 0-6 con Leonzio, Gasparin e Sherrod. Finale tesissimo tra le due compagini in gioco: Capo D’Orlando si avvicina fino a toccare nuovamente il -1 a quaranta secondi dal termine, ma un canestro di Ranuzzi e due liberi di Gasparin ipotecano la vittoria dei biancorossi, su cui pone la ciliegina finale Moreno allo scadere.

Finisce così 87-92 per la Tramec Cento che, al termine di un ultimo quarto più simile alle montagne russe che ad una partita di basket, si aggiudica la prima vittoria di quest’edizione della Supercoppa. Grande prova corale degli uomini di Mecacci, con Ranuzzi, Gasparin, Leonzio, Petrovic e Sherrod in doppia cifra, di cui quest’ultimo MVP della sfida con i suoi 19 punti complessivi, conditi da 14 rimbalzi, 3 assist ed una stoppata.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..