L' intervista di Abby Bishop ai microfoni di Virtus Tv.

Scritto da  Ott 23, 2020

 

 

Le  parole dell’ ala australiana della Virtus Segafredo Bologna femminile ai microfoni di Virtus Tv:

 

Ciao Abby come stai? Cosa pensi della città di Bologna? 

 "E’ una nuova città, non ho mai giocato in Italia prima, ho sentito davvero tantissime cose belle riguardo alla città, me la sto proprio godendo. Il centro è molto bello, le persone sono molto amichevoli e il cibo chiaramente è davvero buono. 

 

Nella tua carriera hai giocato per un sacco di squadre in tutto il mondo, le differenze tra i vari campionati in cui hai giocato?

 “Qui finora ho giocato poche partite. Diciamo che la differenza la fanno le persone, e qui sono bellissime, con un animo eccezionale. Gli italiani sono molto gradevoli, ma penso che questa fosse una domanda riferita più al basket, quindi ti darò una risposta su questo più avanti.

 

Durante la tua vita ti è mancata l’Australia?

 “Per una parte’ sì, ma sono contenta di essere in un altro paese, scoprendo una nuova cultura. Sono consapevole del fatto che che non potrò vivere per sempre in questo modo, quindi me la godo finché  posso. Qualcosa mi manca, ma sono grata di avere l’ opportunità di viaggiare.”

 

La scelta della Virtus? 

 “Ho sentito parlare molto di questo club, della storia di questa nuova squadra femminile su cui si stava investendo e ho capito che era qualcosa di speciale. Voglio migliorare il basket femminile e, se posso fare ciò essendo parte di questa nuova storia, allora sono felice. Ho sentito che il club era formato da belle persone, mi è stato detto che era un posto fantastico in cui giocare e quindi ho deciso di fare questa esperienza per me stessa.”

 

Tu sei una giocatrice molto esperta. 

 “Ho esperienza, sono cresciuta giocando in tante squadre, ma sono una leader naturale ed è giusto assumersi responsabilità quando è necessario e questo dovrebbe venire naturale. Se il coach lo chiede sono contenta di farlo, mi viene naturale, così come poter condividere la mia esperienza con le persone e amo farlo”

 

Piatto preferito? 

 “Non sono andata fuori tanto, con la bambina è difficile, diciamo che mi piace la pasta, mi piacciono molto gli gnocchi. Mangierò e cercherò di provare più cibo possibile, sembra assurdo ma abbiamo poco tempo, con gli allenamenti ed il campionato ma proverò di tutto.

 

Hai una bellissima bambina,  questa è una grande responsabilità per te.

 “E’ vero lo è, ma lei è il mio orgoglio da 7 anni, non l’ho mai lasciata a casa, lei è andata a scuola in tanti paesi differenti ma lei ama questo. E’ bello anche per la squadra, ti fa capire che oltre al basket, alle sconfitte, c’è anche altro e questo ti aiuta a vivere la tua vita al meglio. Il lavoro è importante, ma quando la vedo sorridere mi dimentico del passato e vedo le cose meglio. Io sono fortunata e lo sono anche le mie compagne. Anche prima Rae Lin la voleva portare fuori a giocare e sono contenta di avere compagne che la amano e che si divertono a stare con una bambina.”

 

Obiettivi della stagione? 

 “Io semplicemente voglio fare quello che serve alla squadra. Io posso giocare in diversi ruoli, fare canestro, posso catturare rimbalzi, posso fare difesa, anzi magari facessi un pò più di difesa. Voglio fare tutto quello che serve per vincere, dato che ogni partita sarà diversa dal punto di vista dell’ avversario ma noi dal punto di vista della squadra ovvimente vogliamo vincere. Dobbiamo avere aspettative realistiche ma se tutto riusciremo ad unirci come squadra e ciascuna di noi a farà la propria parte penso che andrà tutto bene. Abbiamo un ottimo gruppo di persone e di giocatrici di basket e penso che sorprenderemo un pò di persone.

 

Ultima modifica il Venerdì, 23 Ottobre 2020 16:06