Finale di Supercoppa amaro per Cento: al PalaConad si impone Trapani per 71-64

Scritto da  Ott 25, 2020

2B CONTROL TRAPANI-TRAMEC CENTO 71-64 (20-18; 38-30; 54-48)

2B Control Trapani: Basciano, Renzi 14, Piarchak, Spizzichini 5, Erkmaa 4, Adeola NE, Mollura 7, Corbett 17, Pianegonda 4, Palermo, Nwohuocha 7, Powell 14. All. Daniele Parente.

Tramec Cento: Saladini, Fallucca 11, Ranuzzi 9, Berti NE, Leonzio 7, Petrovic 14, Gasparin 7, Moreno 6, Cotton NE, Sherrod 10, Negri. All. Matteo Mecacci

Arbitri: Laura Garofalo, Calogero Cappello, Wiliam Raimondo.

Tiri liberi: TR 6/8; CE 8/10.

Rimbalzi: TR 33; CE 39.

Falli: TR 17; CE 14.

Tiri da 2: TR 22/32; CE 16/32.

Tiri da 3: TR 7/28; CE 8/27.

 

QUINTETTI INIZIALI

2B Control Trapani: Powell, Renzi, Spizzichini, Palermo, Corbett.

Tramec Cento: Moreno, Fallucca, Gasparin, Petrovic, Sherrod.

 

Qualificazione difficile ma non impossibile per Cento, in rampa di lancio per le final eight di Supercoppa Centenario. Giunta all’appuntamento finale della fase a gironi contro Trapani, la possibilità di superare il turno non è più legata solamente al ruolo di “migliore seconda” dei preliminari. Sembrerebbe infatti probabile una candidatura di Cento come città ospitante delle final eight che, in questo caso, la qualificherebbe automaticamente per la fase finale del torneo.

Albori di gara tipici di una gara da “dentro o fuori”: Trapani sblocca la sfida, Cento risponde, dando il là ad uno scambio che porta le due compagni sul punteggio di undici pari a metà quarto. I biancorossi provano a strappare con un sontuoso Petrovic dall’arco, ma Mollura prima e Pianegonda poi cementano il 20-18 del primo giro di boa.

Chiuso il minibreak, riprende da dove aveva lasciato Trapani: Mollura firma cinque punti in fila, Nwohuocha lo segue a ruota ed è +7 interno. Troppo imprecisa Cento, capace di trovare la via del canestro solo con Ranuzzi e Moreno, trovandosi a pasticciare spesso in fase di impostazione e costringendo Mecacci a chiamare timeout dopo l’ennesima palla persa a metà parziale. Non sortisce l’effetto sperato la “chiacchierata in famiglia”: i padroni di casa allungano ulteriormente con Powell e Corbett, Sherrod e Petrovic accorciano, ma Renzi al photofinish apre il crepaccio dalla linea dei tre punti, spedendo le due formazioni negli spogliatoi sul 38-30.

Comanda a rimbalzo la Tramec, non riuscendo però a concretizzare le molteplici occasioni a palla in mano a causa delle numerose palle perse (10 all’intervallo). Vantaggio meritato, invece, per Trapani: le alte percentuali al tiro fanno dei padroni di casa i leader dell’incontro, derivate dall’ottima circolazione di palla a liberare i tiratori come confermato dagli 8 assist di squadra.

Al ritorno sul parquet di gioco, Cento batte un colpo con Moreno e Sherrod, ma a nulla valgono gli sforzi dei biancorossi di fronte a Powell e Corbett che con cinque punti spingono gli ospiti sotto undici lunghezze. Minuto obbligato per Mecacci per richiamare all’ordine i suoi, recepito alla perfezione dalla squadra: Sherrod apre il parziale, poi due triple di Moreno e Petrovic fanno volare i biancorossi, portandoli dalla doppia cifra di svantaggio ad un solo possesso di distanza dagli avversari. Deve aggiustare il tiro Parente dopo aver subito la rimonta centese, trovando in Spizzichini, Corbett e Nwohuocha i terminali offensivi perfetti per riaprire la forbice del vantaggio. Non si arrende la Tramec, provando ad accorciare nuovamente con Ranuzzi e Leonzio, ma Erkmaa replica dalla lunetta e fissa il risultato all’ultimo giro di boa prima del traguardo sul 54-48.

Conduce all’inizio dell’ultima ripresa Trapani, incrementando il proprio tesoretto con sei punti di Powell sin da subito. Prova a rispondere a tono Cento con Leonzio, Ranuzzi ed un letale Fallucca, dando il là alla festa delle triple che porta gli ospiti sul -5 a ridosso della sirena finale. Fallo obbligato dei biancorossi per fermare il cronometro, in lunetta va Renzi che non sbaglia: due su due dalla linea della carità e titoli di coda sull’incontro.

Finisce così al PalaConad: Trapani sconfigge Cento per 71-64.

Vittoria meritata per i padroni di casa, che chiudono così con due gare su tre vinte in questa Supercoppa, trascinati da uno strepitoso Corbett da 17 punti. Tanti, troppi errori invece per la Tramec Cento, spinta da un grande Petrovic, ma che nei momenti clou della gara non ha saputo premere sull’acceleratore per sovvertire il verdetto del campo. Ora resta solo da attendere gli sviluppi del torneo a “bocce ferme” e, nel caso Cento ospitasse le final eight al posto di Ravenna, sarebbe qualificata di diritto al prossimo turno.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..