L’orgoglio non basta: Ferrara bissa il successo nel derby di Supercoppa e passa su Cento per 69-65

Scritto da  Nov 13, 2020

TOP SECRET BASKET FERRARA - TRAMEC CENTO 69-65 (6-14; 31-30; 52-45)

Top Secret Basket Ferrara: Galliera NE, Pacher NE, Vencato 10, Petrolati NE, Fantoni 2, Baldassarre 18, Ugolini 9, Zampini 9, Panni 12, Fabbri NE, Hasbrouck NE, Ebeling 5, Filoni 4. All. Spiro Leka.

Tramec Cento: Saladini, Fallucca, Rayner NE, Roncarati NE, Ranuzzi 6, Berti 1, Leonzio 5, Petrovic 13, Gasparin 9, Moreno 7, Cotton 18, Sherrod 6. All. Matteo Mecacci.

Arbitri: Alessio Dionisi, Michele Centonza, Fabio Bonotto.

Tiri liberi: FE 14/26; CE 10/15.

Rimbalzi: FE 35; CE 41.

Falli: FE 18; CE 25.

Tiri da 2: FE 8/24; CE 20/39.

Tiri da 3: FE 13/25; CE 5/25.

 

QUINTETTI INIZIALI

Top Secret Basket Ferrara: Filoni, Panni, Ebeling, Baldassarre, Fantoni.

Tramec Cento: Moreno, Fallucca, Cotton, Petrovic, Sherrod.

 

Riparte da dove aveva iniziato la Tramec Cento che, dopo aver cambiato aspetto e nome della propria casa (mutato da PalaBenedetto a Milwaukee Dinelli Arena), questa sera ospiterà nuovamente la Top Secret Ferrara nell’esordio nelle final eight di Supercoppa.

Inizio vibrante dei padroni di casa, subito in vantaggio con una tripla di Petrovic, cui non riescono a dare continuità i biancorossi, complice l’arcigna difesa ospite. Biancazzurri che nelle fasi iniziali subiscono molto l’intensità di Cento, trovando il primo canestro dall’arco con Ebeling a metà quarto, cui sono seguiti solo due centri di Vencato subentrato a Filoni. Produce tanto la formazione di Mecacci senza ottenere quanto meriterebbe, ma con Petrovic, Cotton e Leonzio chiude al primo giro di boa sul punteggio di 14-6.

Sulle ali del vantaggio quasi in doppia cifra, la Tramec alla ripresa del gioco si adagia sugli allori e subisce il rientro veemente del Kleb: sono cinque i punti firmati dal duo Baldassarre-Vencato, con il primo a ripetersi fino a toccare quota sette in solitaria, costringendo i biancorossi al timeout. Il break non sortisce l’effetto sperato e, dopo le triple di Filoni e Zampini, Mecacci deve chiamare un altro minuto sotto di quattro lunghezze. Prendono in mano le redini dell’incontro gli uomini di Leka: caricati di falli, i giocatori di Cento concedono numerosi occasioni dalla linea della carità agli ospiti, riuscendo a restare costantemente sopra di un possesso. A dispetto del lungo dominio esterno, Ranuzzi riporta avanti i suoi a sessanta secondi dall’intervallo lungo, salvo poi cedere di fronte alle tre realizzazioni consecutive dalla lunetta di Zampini, che orientano l’incontro alla pausa lunga sul 30-31.

Distacco minimo all’uscita dagli spogliatoi tra i due schieramenti, dilatatosi al rientro sul parquet a causa dei centri di Panni e Baldassarre, mortiferi dalla lunga distanza. Provano ad accorciare i biancorossi con le realizzazioni di Leonzio e Cotton, ma Ferrara strappa e fa sprofondare Cento in fondo al baratro: Baldassarre apre il parziale, cui seguono le triple di Panni e Ugolini per il massimo vantaggio ospite. Timeout obbligato per Mecacci sul meno dodici, cui rispondono più che positivamente i suoi con nove punti consecutivi, rovinati dalla tripla a concludere il quarto di Ugolini.

Conduce meritatamente all’ultimo giro di boa Ferrara, subito incisiva con i cinque punti firmati Baldassarre e Ugolini. Cercano di spezzare l’inerzia del match Gasparin e Petrovic dall’arco, regalando una boccata d’ossigeno a Cento, ma Zampini strozza in gola ai biancorossi il grido di gioia, imitandoli nella realizzazione. Alzano i giri al motore nel finale gli uomini di Mecacci: Moreno raccoglie due punti preziosi a cronometro fermo, Cotton lo segue a ruota ma è un elettrico Ranuzzi a trovare la via del canestro tre volte consecutive, fissando il punteggio sul 62 pari ad un minuto dalla fine. Finale tesissimo alla Milwaukee Dinelli Arena: qualche disattenzione di troppo regala due punti a Ferrara, ma Moreno riporta tutto in equilibrio. Timeout per Leka, che aggiusta il tiro per la volata finale, consentendo ai suoi, con una gestione ottimale della sfera, di conquistare quattro liberi decisivi realizzati da Vencato e Panni, che regalano loro la semifinale.

Finisce così: Ferrara batte Cento 69-65.

Sorretta dalla prova maiuscola di Panni e Baldassare, il Kleb espugna la casa dei rivali della Benedetto, con quest’ultimo MVP della contesa grazie ai suoi diciotto punti complessivi. Per Cento sugli scudi Cotton con diciotto mattoncini complessivi, coadiuvato da Petrovic, a quota tredici alla sirena finale.

Sconfitta di misura che non ha soddisfatto il coach biancorosso, espressosi così al termine dell’incontro: “Un mese fa eravamo senza un giocatore fondamentale come Cotton, oggi invece era Ferrara in emergenza. Stasera salvo poco della prestazione, abbiamo giocato una pallacanestro che non ci appartiene, dopo un primo parziale largamente in vantaggio, nel terzo quarto abbiamo subito il loro break al quale abbiamo opposto una reazione tardiva ed in un qualche modo sterile. Complimenti a Ferrara che si è dimostrata più solida, noi dovremo analizzare la prestazione di stasera perché tra una settimana il tempo degli appelli sarà finito”.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..