Le parole di Djordjevic dopo l'eliminazione in Final 8 foto Virtus Pallacanestro

Le parole di Djordjevic dopo l'eliminazione in Final 8

Scritto da  Feb 11, 2021

 

 

Sono chiare le parole del coach della Virtus Segafredo dopo un match che la sua squadra non ha mai dato la sensazione di poter vincere, come nel quarto di finale contro Venezia:

"Dobbiamo fare i complimenti, meritati, a chi ha vinto. Loro sono stati capaci di sfruttare i tanti errori che abbiamo fatto e hanno giocato con più sicurezza di noi. Purtroppo non siamo entrati in partita nel modo giusto giusto, in particolare in difesa. Sui nostri errori loro hanno basato i break, anche se noi ci siamo poi sempre riavvicinati, ma loro sono stati bravi a fare le giocate che ci hanno tolto l’inerzia positiva che avevamo trovato. Due volte siamo tornati a stretto contatto e abbiamo però sbagliato giocate che solitamente non falliamo.

Privi di due giocatori per noi importanti, ci siamo trovati corti ed è arrivata la stanchezza. Non è solo il caso di oggi, ma delle ultime settimane, da quando ogni partita è stata in pratica importante per noi. Quando si è stanchi si arriva corti anche nelle idee, come ha dimostrato la maggior freschezza con cui è riuscita a giocare Venezia, soprattutto nel finale, quando avremmo dovuto dare molto di più di quello che siamo riusciti.

Troppo spesso abbiamo avuto eccessiva fretta nel finire l’azione, sono mancati i nostri soliti extra-pass, ci sono mancate le seconde e terze soluzioni. È importante ora capire come mai siamo arrivati a questo, però noi abbiamo dato tutto quello che avevamo. Dovremo studiare meglio perché gli avversari sono stati più bravi, e imparare dagli errori. A nessuno piace perdere, ma anche questo può trasformarsi in esperienza perché guardando chi si è dimostrato più bravo, come loro questa sera, si può solo migliorare"

Ultima modifica il Giovedì, 11 Febbraio 2021 23:24
Andrea Marcheselli

Bolognese, giornalista di ormai vecchia data, critico teatrale e letterario, da sempre appassionato di basket è stato giocatore, dirigente ma soprattutto allenatore, ed ora per 1000 Cuori Rossoblu anche commentatore delle vicende virtussine