Andreo pronto ad intervenire, sotto lo sguardo di Calebotta e Rizzi Andreo pronto ad intervenire, sotto lo sguardo di Calebotta e Rizzi Foto Virtuspedia

83 Anni fa nasceva Mario Andreo

Scritto da  Feb 19, 2021

Pivot di quasi due metri, Andreo nacque a Livorno il 19 febbraio 1938. Cresciuto nella locale Libertas, nel 1956 la Virtus, confermatasi campione d'Italia qualche mese prima, lo prese in prestito per disputare il Torneo di Cracovia, come successe anche a Geminiani e Lucev, rispettivamente del Motomorini e del Gira Preti, le altre due squadre di Bologna nella massima serie, che erano giunte quarta e settima in quell'anno. Per Andreo si trattò del preludio all'ingaggio da parte delle V nere per la stagione che sarebbe cominciata pochi mesi dopo (Lucev invece arrivò nel 1957). Per la Virtus Bologna giocò due stagioni: nel 1956/57 il suo massimo bottino di punti furono i sei punti nella vittoria a Venezia, nella seconda stagione in bianconero il suo miglior punteggio si fermò a cinque punti che Mario segnò nella vittoriosa trasferta nella sua Livorno il 12 gennaio 1958.

 

Nella prima stagione, quella che segnò il debutto del palasport di Piazza Azzarita come campo di casa, la Virtus arrivò seconda, con solo una vittoria in meno di Milano, molto più staccata la Motomorini, terza, mentre il gira terminò ottavo. L'anno dopo ancora le stesse due posizioni iniziali, con un divario leggermente superiore, furono tre le sconfitte dei bolognesi contro una solo dei campioni d'Italia. Ancora lontane le altre, con il Gira terzo e il Motomorini quarto a guidare un gruppo di tre squadre. Poi Andreo lasciò Bologna ma si tolse altre soddisfazioni, come una gara disputata in nazionale e la vittoria di uno scudetto, il primo di Varese. Mario ci ha lasciati nel 2000.