Il bis è servito: dopo Napoli, Cento si impone su San Severo per 78-70

Scritto da  Feb 21, 2021

ALLIANZ PAZIENZA CESTISTICA SAN SEVERO - TRAMEC CENTO 70-78 (21-15; 39-37; 57-58)

Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Guida ne, Bottioni 6, Mortellaro 1, Antelli 2, Angelucci 2, Contento 18, Franciosi ne, Pavicevic, Di Donato 5, Petrushevski ne, Ikangi 22, Ogide 14. All. Lino Lardo.

Tramec Cento: Jurkatamm 6, Fallucca 6, Ranuzzi 5, Berti, Leonzio 5, Petrovic 15, Gasparin 4, Moreno, Cotton 19, Sherrod 18. All. Matteo Mecacci.

 

Tiri liberi: SA 16/23; CE 21/25.

Rimbalzi: SA 38; CE 33.

Falli: SA 23; CE 22.

Tiri da 2: SA 12/28; CE 15/27.

Tiri da 3: SA 10/34; CE 9/23.

 

QUINTETTI INIZIALI

Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Bottioni, Contento, Di Donato, Ikangi, Ogide.

Tramec Cento: Moreno, Fallucca, Gasparin, Petrovic, Sherrod.

 

Una settimana “lunga ma complicata” quella definita dal G.M. Ivan Belletti a poche ore della palla a due tra la “sua” Tramec Cento e la Cestistica San Severo. Scontro diretto che giunge dopo il dolcissimo trionfo casalingo con Napoli, sulla carta sfavorevole per la compagine pugliese vista l’assenza forzata di un americano.

L’avvio di gara è favorevole per i biancorossi, subito avanti con cinque punti di Petrovic. Pronta la replica di San Severo con Ogide a chiudere lo strappo creato da Cento, supportato da Ikangi che, dalla lunga distanza, trova il primo vantaggio interno. Complici difese arcigne e qualche sbavatura di troppo, le due formazioni segnano alla spicciolata, con soli sei punti a referto di quattro giocatori. A spezzare la scarsa prolificità offensiva ci pensa Ikangi grazie a due triple consecutive, su cui pone il punto esclamativo Contento sempre dall’arco, costringendo Mecacci al timeout. Il mini break non giova all’attacco biancorosso, che vede invece Bottioni fare due su due dalla lunetta e chiudere la prima frazione avanti di sei lunghezze.

Ampio il distacco che separa emiliani e pugliesi agli albori della seconda frazione, divorato punto dopo punto dagli ospiti con Ranuzzi, Jurkatamm e Cotton, che impattano l’incontro sul 23 pari. In difficoltà, San Severo prende una boccata d’ossigeno dai liberi di Angelucci, vanificati dal gioco da quattro punti di Fallucca, concretizzato, che porta avanti Cento dopo oltre dieci minuti. Vantaggio minimo per gli emiliani, raggiunti a più riprese dai padroni di casa, costretti però alla chiacchierata dopo l’ennesimo centro dal pitturato di Sherrod. Con poco meno di due minuti alla seconda sirena, Leonzio è glaciale dalla lunetta, ma la coppia Contento-Di Donato assesta una spallata importante dai 6,75, chiudendo il primo tempo sul +2.

La fiamma pugliese che ha portato all’effort offensivo di fine secondo quarto, si spegne al rientro sul parquet, dove Petrovic e Sherrod ricuciono lo strappo e ribaltano il punteggio. Il parziale di 0-7 stordisce San Severo che, complice l’arcigna difesa degli ospiti, trova punti solo a cronometro fermo con Contento e Ikangi. Nonostante i tentativi di chiudere lo strappo, la Tramec muove bene la sfera in avanti, liberando Petrovic in due azioni fotocopia per lo 0-5 che costringe Lardo a chiamare minuto. La chiacchierata tra coach e giocatori sortisce gli effetti sperati: Ikangi ricuce lo strappo, Contento lo segue a ruota, ma è di Ogide il canestro che impatta l’incontro sul 52 pari a due minuti dalla fine del terzo quarto. Con il punteggio perfettamente in equilibrio, è Cotton a riportare l’ago della bilancia in favore di Cento con una tripla, Contento risponde con quattro punti consecutivi, ma è di Leonzio la frustata dalla lunga distanza che chiude il periodo sul +1 ospite.

Al terzo giro di boa, il vantaggio dei biancorossi aumenta grazie al contributo di Jurkatamm, ma San Severo resta a rimorchio grazie alla prodezza di Contento dall’arco. Tira e molla tra i due schieramenti: Sherrod e Petrovic allungano, Ikangi e Bottioni ricuciono, ma sono di Ogide i cinque punti più pesanti, a riportare l’incontro sul singolo punto di distanza. Ritmi alti conditi da tanti errori, ne approfitta Cento pescando un punto dalla lunetta con Gasparin, cui segue la tripla mortifera di Cotton che, ad un minuto e mezzo dal termine, costringe Lardo a chiamare minuto. Sul fronte offensivo i padroni di casa falliscono le proprie occasioni, vedendo andare in lunetta a più riprese la Tramec che con i liberi congela la vittoria alla sirena finale.

Finisce così al Palazzetto dello Sport Falcone e Borsellino: Cento batte Cestistica San Severo 78-70.

In bilico fino alla fine, la sfida alla sirena finale è conquistata dalla Tramec, grazie alla tripla di Cotton a poco più di un minuto e mezzo dal termine. Lo statunitense biancorosso non solo ha trovato la giocata del campione nel momento più complicato della gara, ma ha altresì condotto i suoi a due punti fondamentali, grazie ad una prestazione superba da 19 punti, 8 rimbalzi e 5 assist che lo incoronano MVP della serata.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..