Fortitudo, tra nuovi inserimenti e la preparazione al match di Milano. L'editoriale del lunedì

Scritto da  Feb 22, 2021

La vittoria a Varese di domenica scorsa ha fatto vivere una settimane tranquilla a tutto il mondo Fortitudo.
Il successo sull’Openjobmetis ha allontano i biancoblu dalla zona pericolosa e, allo stesso tempo, avvicinata a quella delle prime otto.
Ma in casa Fortitudo c’è il divieto assoluto di pensare troppo in là. Coach Luca Dalmonte sin dal primo momento in cui si è insediato sulla panchina dell’Aquila ha predicato calma. I piani a lungo termine non si fanno, ma si guarda una partita alla volta.

E così come dice il coach imolese, noi faremo.
Dunque la prossima partita sarà al Mediolanum Forum contro l’Olimpia Milano. Sulla carta una partita impossibile contro un avversario fortissimo. L’Armani in questo momento sembra essere imbattibile, non solo in Italia, ma anche a livello europeo.
Però la Effe ha l’obbligo di andare ad Assago e provare a fare la sua partita. Ettore Messina nelle recenti dichiarazioni ha detto a più riprese che questo il momento in cui si dedicherà anima e corpo ad EuroLeague lasciando più respiro alla Serie A. Il tecnico dell’Olimpia ha poi aggiunto di non rimanere scioccati di eventuali tonfi tra gli italici confini.
La Fortitudo andrà ad affrontare una Milano che sarà reduce dal doppio impegno europeo (a San Pietroburgo ed in casa con il Khimki) e che guarderà alla prossima settimana ancora in ottica di doppia gara in EuroLeague. Inoltre i meneghini saranno senza Zach LeDay, uno dei perni dello scacchiere di Messina. Proprio per questo motivo, se c’è una possibilità per la Fortitudo è proprio questa. La squadra di coach Luca Dalmonte dovrà provare il tutto per tutto per ottenere un risultato che sarebbe lo slancio definitivo in questa stagione tra alti e bassi.
La Lavoropiù a Milano andrà quasi al completo. Mancherà capitan Stefano Mancinelli, lungo degente che aveva nel 28 febbraio la data del rientro previsto. Invece, dopo questi giorni di ripresa, il giorno preposto sembra essere slittato di una settimana.

Proprio per il dubbio sulle condizioni fisiche di Mancinelli, la Fortitudo si è mossa sul mercato. Da oggi verrà aggregato per gli allenamenti Lazar Lugic. Lugic è un’ala grande del 1998 reduce da una prima parte di stagione con la maglia di Biella in Serie A2. Il giocatore serbo - con alle spalle un infortunio alla mano - in A2 ha segnato 5.9 punti con 4 rimbalzi di media a partita.
Non sono cifre da strabuzzarsi gli occhi, ma il profilo potrebbe essere più interessante di quanto si possa immaginare. È un giovane futuribile che in questa settimana dovrà dimostrare di essere pronto per essere tesserato ed essere inserito come quinto straniero della Fortitudo.
In attesa del rientro di Tommaso Baldasso dalla bolla di Perm in cui ha indossato la maglia azzurra della Nazionale, quindi la Fortitudo si prepara in questa settimana al grande impegno del weekend.
La Effe non avrà certo l’obbligo di tornare da Assago con i due punti, ma sicuramente dovrà provare a fare di tutto per ottenerli: non deve avere il rimpianto di non averci almeno provato. 

 

 

Foto Fortitudo Pallacanestro Bologna 103/ Valentino Orsini