Natasha Howard in azione contro Isabelle Harrison Natasha Howard in azione contro Isabelle Harrison Lega Basket Femminile

Venezia-Ragusa dura solo un tempo: la prima finalista è la Reyer, vittoriosa per 87-73

Scritto da  Mar 07, 2021

UMANA REYER VENEZIA-PASSALACQUA RAGUSA 87 – 73 (29-21; 48-47; 76-58)

Umana Reyer Venezia: Bestagno 6, Carangelo 4, Howard 26, Pan 6, Natali 2, Anderson 17, Petronyte 16, Meldere, Attura 3, Penna 7. All. Giampiero Ticchi.

Passalacqua Ragusa: Romeo, Consolini, Kacerik ne, Bucchieri ne, Trucco, Marshall, Harrison, Nicolodi, Santucci, Kuier. All. Giovanni Recupido.

Arbitri: A. Dionisi, M. Barberio, C. Ferrara.

Tiri liberi: VE 16/18 (89%); RA 6/11 (54%).

Rimbalzi: VE 44; RA 44. 6

Falli: VE 12; RA 24.

Tiri da 2: VE 28/47 (59%); RA 17/46 (37%).

Tiri da 3: VE 5/17 (29%); RA 11/27 (40%).

 

QUINTETTI INIZIALI

Passalacqua Ragusa: Romeo, Santucci, Marshall, Nicolodi, Harrison.

USE Scotti Rosa Empoli: Carangelo, Anderson, Penna Howard, Petronyte.

 

Terzo giorno di Final Eight sotto le due Torri, aperto dalla sfida tra Reyer Venezia e Passalacqua Ragusa. Vincenti rispettivamente contro Costa Masnaga e Empoli, le due compagini si daranno battaglia sotto i riflettori della Segafredo Arena, in palio il pass per la finale di domani.

Gli albori della contesa arridono alle lagunari, subito avanti grazie al gioco interno di Howard ed a Carangelo, letale dall’arco. Prende le misure alle padrone di casa la Passalacqua, prima sbloccandosi con Harrison, poi bruciando la retina in due occasioni consecutive con Romeo, sancendo il contro sorpasso. Sotto i tabelloni soffre Ragusa, ne approfitta la Reyer, costruendo il proprio massimo vantaggio grazie alle prodezze di Howard e Petronyte che sanciscono il più nove. Dopo oltre centoventi secondi ritrova il feeling con il canestro Ragusa, grazie a Santucci ed Harrison, con la nativa di Bologna a chiudere la forbice del divario sulle sei lunghezze.

Ricuce lo strappo al rientro sul parquet Kuier, sforzo vanificato da Pan e Attura, prima che Consolini, Romeo ed Harrison incidano un contro parziale di 0-8, sbriciolando il vantaggio Reyer. Timeout obbligato per Ticchi, in uscita dal quale la Passalacqua prende le redini dell’incontro grazie alla tripla di Consolini. Tira e molla tra i due schieramenti, con le ragazze di Recupido a prendere il largo con le triple di Romeo, che regalano il possesso pieno di vantaggio alle ospiti. Distacco minimo, con Carangelo a intaccare il tesoretto siciliano, rubato dalla produzione offensiva sotto le plance di Howard che obbliga le ospiti alla chiacchierata. In uscita dal minuto tenta di strappare Ragusa con Consolini e la tripla di Kuier dall’angolo, ma la numero 6 veneta prima ricuce poi, approfittando di una leggerezza delle ospiti, da sotto rifinisce lo score, fissandolo sul 48-47 alla pausa lunga.

Al termine della pausa lunga la Reyer alza la voce, abbozzando la fuga con Howard e Penna dalla distanza, ma Kuier ed Harrison chiudono la forbice e impattano nuovamente la sfida dopo tre giri d’orologio sul 53 pari. Litiga col canestro la Passalacqua, ne approfitta la Reyer che, mettendo a segno un parziale di 13-5, scappa con convinzione sul +8 e costringe Recupido al timeout. Nonostante la chiacchierata in panchina, non riesce ad invertire l’inerzia dell’incontro Ragusa, sprofondando sotto i colpi di Petronyte, Penna e Pan fino al -18 di fine terzo quarto.

Messa una seria ipoteca sull’incontro, la Reyer arriva a toccare anche il +20 con Penna dopo due minuti dal rientro sul parquet. Torna a sbloccarsi la compagine siciliana con Consolini ed un’altra tripla di Kuier, ma la Reyer con il minimo sforzo tiene sotto controllo Ragusa e mantiene il divario sulle venti lunghezze. Nel finale Trucco, Santucci e Kuier tentano di rimettere sui giusti binari una sfida ormai ampiamente compromessa, complice l’ingresso delle seconde linee lagunari, ma il passivo è troppo ampio ed a trionfare è la Reyer.

Finisce così alla Segafredo Arena: Venezia batte Ragusa 87-73.

Dopo un primo tempo in equilibrio grazie alle prodezze di Howard e Romeo, le ragazze di Recupido si sono trovate dapprima a rincorrere, poi a veder scappare le lagunari senza possibilità di replica. A spaccare la gara il parziale interno di 28-11 al rientro dalla pausa lunga, costruito principalmente da Anderson e Petronyte e che ha permesso alla formazione di Ticchi di vincere. Nonostante i 20 punti di Romeo ed i 19 di Kuier, il trio Petronyte-Anderson-Howard ha vanificato ogni sforzo delle ospiti, con quest’ultima MVP dell’incontro con 26 punti complessivi conditi da 11 rimbalzi.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..