La Virtus festeggia la vittoria La Virtus festeggia la vittoria Bianca Costantini

Tutto facile per la Virtus: al PalaSport Zauli Bologna batte Battipaglia 96-62

Scritto da  Mar 14, 2021

O.ME.P.S. BRICUP BATTIPAGLIA - VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 62 – 96 (17-19; 26-52; 46-71)

O.ME.P.S. BricUp Battipaglia: Logoh 5, Melgoza 11, Moroni 16, Seka ne, Potolicchio 3, Hersler 17, Opacic, Bocchetti 8, Dione, De Feo ne, Susca, Mattera 2. All. Claudio Corà.

Virtus Segafredo Bologna: D’Alie 9, Begic 24, Tassinari 13, Bishop 6, Tava 16, Tartarini 8, Barberis 8, Battisodo 4, Cordisco, Williams 8, Rosier ne. All. Lorenzo Serventi.

Arbitri: A. Scrima, C. Mignogna, G. Miniati.

Tiri liberi: BA 0/0; BO 5/6 (83%).

Rimbalzi: BA 24; BO 22.

Falli: BA 11; BO 10.

Tiri da 2: BA 19/34 (55%); BO 26/42 (61%).

Tiri da 3: BA 8/15 (53%); BO 13/20 (65%).

 

QUINTETTI INIZIALI

O.ME.P.S. BricUp Battipaglia: Bocchetti, Melgoza, Moroni, Hersler, Dione.

Virtus Segafredo Bologna: Battisodo, Williams, Tassinari, Bishop, Begic.

 

“Non è tutto oro quel che luccica” recita il famoso proverbio ed è proprio a questo che deve stare attenta la Virtus, ospite oggi pomeriggio di Battipaglia. Penultima forza del campionato, la formazione campana accoglie le bianconere nella propria tana, pronta a sorprenderle ed a costringerle a mandare giù un boccone amaro, il secondo in una settimana. Compito delle bolognesi sarà quello di scansare le insidie della formazione di casa, non facendosi ingolosire dalla ghiotta occasione sottovalutando le avversarie, restando ciniche per portare a casa i due punti.

Polveri bagnate in avvio di partita, con Moroni a sbloccare il punteggio dalla media. Il primo vantaggio interno non intimorisce le emiliane, che replicano con cinque punti di Bishop e quattro di Battisodo, ribaltando il risultato. Uno sforzo corale delle campane ricuce lo strappo, con il canestro di Moroni a sancire la parità, fino alle due triple di Potolicchio e Logoh che regalano il doppio vantaggio alla BricUp. Sempre la cestista classe 2003 tiene a distanza la Virtus, ma le triple di Tava e D’Alie erodono le fondamenta del vantaggio casalingo, chiudendo al primo giro di boa sul 17-19.

Dopo un primo parziale di sostanziale equilibrio, alla ripresa del gioco le emiliane mettono il turbo. La tripla di Barberis inaugura il secondo quarto, seguita dalla conclusione di Tava sempre dalla lunga distanza a sancire dopo nemmeno tre minuti il +10. Parziale di 0-12 rifinito da D’Alie, interrotto da Bocchetti che, insieme a Moroni, regalano una boccata d’ossigeno a Battipaglia. Le ragazze di Corà provano a tamponare l’emorragia, segnando però a spizzichi e bocconi, ne approfitta nuovamente a Bologna che, con un’extra sforzo di Begic attorno alla metà del quarto (sette punti consecutivi), arriva a flirtare con le venti lunghezze di vantaggio. Sono di Tava ed Herlser gli ultimi centri a tre minuti e mezzo dalla pausa lunga, prima di un digiuno realizzativo interrotto dopo oltre centoventi secondi da Tassinari e Begic, per fissare il punteggio sul 26-52.

Sedici i punti del centro croato della Virtus che, uniti ai nove di Tava hanno confezionato il parziale di 9-33 con cui la formazione di Lorenzo Serventi ha posto una seria ipoteca sulla gara. Ipoteca certificata al rientro dall’intervallo, grazie ai canestri di Williams e Tassinari, su cui pone l’accento Tava dall’arco per il +30 ospite al quinto minuto. Moroni e Herlser tentano di arginare la grandinata che sta facendo cadere a pezzi Battipaglia, ma Bologna con il minimo sforzo respinge gli assalti delle padrone di casa e svolta alla terza curva dell’incontro sul punteggio di 46-71.

Nel finale di gara spazio anche alle seconde linee, visto l’ampio divario acquisito nei parziali precedenti dalla Virtus. Rifinisce il risultato Bologna con Barberis, Begic e Tassinari, alle quali rispondono Melgoza, Bocchetti ed Hersler, che portano lo strappo sulle ventitré lunghezze. Cinque punti di Tassinari riportano le emiliane vicine al +30, sancito e ribadito da cinque punti in fila di Tartarini per il 59-91 a poco più di un minuto dalla fine dell’incontro. Pura accademia negli ultimi sessanta secondi, con la Vu nere a segno con Barberis e nuovamente con la propria “rookie”, che dalla lunga distanza manda a segno l’ultimo canestro dell’incontro.

Finisce così al PalaSport Zauli: Bologna batte Battipaglia 96-62.

Tutto facile per la Virtus che, dopo un primo quarto di equilibrio, nel secondo parziale ammazza la gara con una prova realizzativa di grande caratura. A nulla sono valsi i 16 punti di Moroni e i 17 di Hersler, annullati dalla spaziale prova di Ana-Marija Begic, autrice di 24 punti complessivi ed MVP dell’incontro.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..