Ana-Marija Begic al tiro contrastata da Giulia Rulli Ana-Marija Begic al tiro contrastata da Giulia Rulli Bianca Costantini

Doppietta bianconera: alla Segafredo Arena arriva il secondo successo consecutivo della Virtus, battuta Broni 66-46

Scritto da  Mar 20, 2021

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – PALLACANESTRO FEMMINILE BRONI 93 66 – 46 (22-14; 38-27; 57-37)

Virtus Segafredo Bologna: D’Alie, Begic 18, Tassinari 3, Bishop 8, Tava 2, Possenti, Tartarini, Barberis 13, Battisodo 4, Cordisco 1, Williams 17. All. Lorenzo Serventi.

Pallacanestro Femminile Broni 93: Orazzo 8, Togliani 13, Ianezic, Rulli, Castello, Roma 10, Parmesani, Madera 13, Soli, Lavezzi, Davis 2, Capra. All. Alessandro Fontana.

Arbitri: D’Amato Alex, Frosolini Irene, Salustri Valerio.

Tiri liberi: BO 11/12 (91%); BR 7/13 (53%).

Rimbalzi: BO 40; BR 44.

Falli: BO 16; BR 13.

Tiri da 2: BO 17/36 (47%); BR 18/57 (31%).

Tiri da 3: BO 7/29 (24%); BR 3/17 (17%).

 

QUINTETTI INIZIALI

Virtus Segafredo Bologna: Battisodo, Williams, Tassinari, Bishop, Begic.

PF Broni 93: Orazzo, Parmesani, Togliani, Davis, Madera.

 

Vincere aiuta a vincere e, dopo il trionfo dello scorso fine settimana a domicilio di Battipaglia, la Virtus ha l’occasione di cogliere il secondo successo consecutivo. Ospite delle bolognesi, la Pallacanestro Femminile Broni 93: attualmente in decima posizione, la formazione di Alessandro Fontana è chiamata ad una risposta immediata dopo il pesante kappaò rimediato mercoledì contro Ragusa.

Avvio di grande intensità da parte delle ospiti, subito a segno con Togliani in appoggio al vetro. Fallisce il potenziale gioco da tre punti l’esterna lombarda, ma la Virtus pasticcia in avanti, sbloccandosi dopo quasi due minuti di gioco con Begic dal pitturato. Ritrovata confidenza con il canestro, le ragazze di Serventi trovano altri quattro punti con Williams e la lunga croata, suggellati dalla tripla di Tassinari che obbliga Fontana al timeout. Faticano a trovare spunti offensivi in avanti le lombarde contro la fisicità delle emiliane che, in uscita dal mini break trovano la doppia cifra di vantaggio con Williams. L’asse americano-australiano funziona alla perfezione, portando in dote alla Virtus sette punti, dall’altro lato Togliani e Madera combinano con dieci punti complessivi, fissando il punteggio al primo giro di boa sul 22-14.

Prove tecniche di ricucire lo strappo da parte di Broni, infrante nell’immediato ritorno in campo da parte delle bolognesi. Williams sblocca il tabellone luminoso arrivando fino al ferro, Bishop colpisce dall’arco, seguita a ruota da Battisodo per il nuovo massimo vantaggio di +15, esteso poco dopo a +19 (35-16). La prima gioia del quarto per Broni arriva grazie a Roma, perfetta dalla lunetta che pone le fondamenta per il contro parziale esterno di 0-9 condotto insieme a Togliani e Madera. Assottigliatosi il gap tra i due schieramenti, Serventi si vede obbligato a chiamare minuto, ne esce bene la Virtus spezzando il proprio digiuno realizzativo con un gioco da tre punti di Begic, cui risponde Madera a ridosso della pausa lunga, archiviando il secondo periodo sul 38-27.

I ventuno punti del tuo Togliani – Madera non bastano a Broni, a rimorchio di undici lunghezze, trasformate in quattordici dalla tripla di Williams al rientro sul parquet. La realizzazione della statunitense lascia presagire un monologo bianconero, idea vanificata dal trio Orazzo-Togliani-Madera che, con un parziale di 0-5 si porta sotto la doppia cifra di svantaggio. Broni è viva e tenta di rimanere a contatto con la propria numero quattro, la Virtus non è dello stesso avviso e con due triple consecutive di Barberis dall’angolo seppellisce le ospiti, obbligandole al timeout. Fontana non riesce ad imprimere il cambio di marcia alle sue, ne approfitta Bologna, nuovamente a segno dall’arco con l’esterna ex Geas che, insieme a Begic, fanno toccare alle bianconere il +20 al terzo giro di boa.

Saldamente al comando dell’incontro, agli albori dell’ultima ripresa la Virtus subisce i canestri di Roma e Orazzo, limitandosi al minimo sindacale per tenere a distanza le ospiti. Forte del largo vantaggio acquisito nel terzo quarto, a Bologna bastano le realizzazioni di Begic, Williams e Cordisco per sigillare l’incontro, con Barberis a chiudere il sipario sulla sfida con un appoggio al vetro.

Finisce così alla Segafredo Arena: Bologna batte Broni 66-46.

Secondo successivo consecutivo delle ragazze di Lorenzo Serventi che, dopo Battipaglia, trovano altri due punti nella sfida interna contro le lombarde. Alle ospiti non bastano tre giocatrici in doppia cifra (Togliani, Madera e Roma), dovendo fare i conti con la rocciosa difesa emiliana e la prolificità offensiva di Williams e Begic, a referto rispettivamente con 17 e 18 punti.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..