Benedetto XIV, Ivan Belletti: "Vogliamo costruire una squadra per puntare ai playoff"

Scritto da  Lug 24, 2021

Con l'avvicinarsi della prossima stagione, la Tramec Cento sta sistemando gli ultimi tasselli del proprio organico, per farsi trovare pronta ai nastri di partenza dell'annata 2021/2022.

A tal proposito, durante la diretta de "Il Salotto dei Barbagiannasi" di questa settimana, è intervenuto il G.M. dei biancorossi Ivan Belletti, per fare il punto sulla situazione in casa Benedetto XIV:

 

Sotto canestro avete puntato su Giacomo Zilli, che tipo di giocatore è?

 

«Zilli è un giocatore funzionale per la nostra squadra perchè va forte a rimbalzo. Il cinque è un ruolo importante che ha bisogno di continuità e per me Zilli è un giocatore solido. Forse è sottovalutato, è molto intelligente ed è importante avere giocatori che abbiano un certo valore umano. Lo scorso anno abbiamo fatto cose importanti e vogliamo continuare a percorrere la nostra strada. Zilli lo apprezzavo già prima di Agrigento dove ha fatto molto bene, ad Udine ha giocato meno e ad Orzinuovi, squadra che gioca tanto con il tiro da tre punti, lui ha viaggiato con cifre significative. Mi aspetto un giocatore funzionale per la squadra che stiamo costruendo».

 

Dopo Zilli, Giovanni Tomassini.

 

«Un altro acquisto importante è Tomassini che è un giocatore che muove molto bene il pallone ed è bellissimo averlo qui a Cento. Il fatto che abbia accettato di venire qui da noi è importante e dimostra che stiamo cominciando a contare anche in A2. Il nostro obiettivo è continuare ad alzare il livello, siamo partiti disputando in maniera interessante la nostra prima stagione e vogliamo crescere».

 

Sul lato esterni, invece, è arrivato l'ex Fortitudo e Ferrara Nicoló Dellosto.

 

«È un giocatore interessante, ha una buona mano ed ha bisogno di spazio. La nostra idea è quella di dare a lui il giusto spazio per venire fuori. Come cifre assomiglia a Petrovic, ha talento e lo abbiamo visto anche in Serie A con la Fortitudo».

 

E James?

 

«Per me è un giocatore di profilo alto, è un buon ragazzo che a Mantova ha trovato il suo contesto ideale. Può giocare in diversi ruoli, ha tanto talento e siamo felici che sia venuto qui a Cento».

 

Quali saranno invece i prossimi acquisti?

 

«Ci sono dei profili di giocatori che hanno già giocato in Italia ed altri che, invece, in Italia non hanno mai giocato. Sul ruolo del lungo devo stare molto attento perchè è decisivo. Trovare un cinque forte può farti fare un upgrade importante. L’idea è quella di costruire un roster competitivo che possa lottare per un posto nei play-off». 

 

Con l'avvicinarsi dell'inizio della prossima stagione, quale sarà il vostro programma di agosto?

 

«Tra il 16 e il 17 agosto ci sarà il raduno, il 27 amichevole a Venezia contro la Reyer a porte chiuse e poi la Supercoppa. Giocare contro la Reyer è una bella occasione. L’obiettivo di adesso è quello di stare tranquilli e accettare la proposta di giocare a Venezia e poi il prossimo anno, magari, fare un Torneo Mazzoni contro la Reyer. La cosa che voglio dire, però, è che bisogna avere pazienza».

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..