Falsa partenza Italbasket: la Russia vince 92-78

Scritto da  Nov 26, 2021

RUSSIA - ITALIA 92-78 (15-14; 22-23; 27-22; 28-19)

 

Parte da San Pietroburgo il cammino dell'Italbasket di Meo Sacchetti per ottenere la qualificazione al mondiale del 2023 che si svolgerà tra Filippine ed Indonesia. Una nazionale orfana dei migliori giocatori perché impegnati in Eurolega o oltreoceano ma piena di giovani esordienti che si stanno mettendo in mostra in LBA. Poche partite che rendono ognuna già decisiva, alternative alla vittoria non ci sono.

Pajola, Tonut, Gaspardo, Akele e Tessitori (insignito dei gradi di capitano) compongono uno starting five azzurro che scende in campo con atteggiamento combattivo e concentrato. I due virtussini sono i primi marcatori dell'Italia mentre l'impatto sulla gara della Russia non è da meno anche se maggiormente costretta a soluzioni forzate in attacco. Tripla di Tonut per il primo +5 italiano (4-9) dopo i primi 3 minuti, immediata la risposta avversaria con la stessa moneta. Imprecisioni azzurre, dalla media e nella gestione dei possessi, che permettono il sorpasso russo che in attacco sfrutta spesso tutti e 24 i secondi a propria disposizione. Time out sul 12-9 a meno di 3 minuti dalla fine del primo periodo. Furto e contropiede vincente di Tonut per il -1 e successiva difesa corale a sottolineare il cambio di ritmo azzurro negli ultimi momenti del primo quarto. Il sorpasso sembra inevitabile ed infatti arriva dalle mani di Alviti dai 6,75 metri (12-14). Dura pochissimo, Komolov opera il controsorpasso a pochi secondi dalla sirena. Pressing difensivo e pochi tiri tentati da entrambe le parti, 15-14 dopo i primi 10'. 

L'inizio del secondo quarto ricalca quello precedente. L'Italia non riesce a creare vantaggio nel corso dell'azione, l'aggressività dei padroni di casa si sente ed è vincente. +5 russo (19-14) fino alla nuova tripla di Tonut per il -2, effetto per l'ennesima volta annullato da Astapkovich e gap ripristinato. Punteggio basso, indice di una partita tecnica ed attenta, 24-19 a metà periodo. Tessitori sgomita sotto canestro, guadagnandosi a più riprese un giro in lunetta per accorciare il divario tra le due squadre. L'attacco azzurro prende il lungo virtussino come punto di riferimento mentre perde la compattezza difensiva dei minuti precedenti. Gioco russo da tre punti che vale il massimo vantaggio, +8 (35-27) a 2'30'' dall'intervallo. Uomini di Sacchetti ancora aggrappati a capitan Tessitori che prima riporta i compagni a -3 (35-32) e successivamente si supera segnando la tripla del pareggio (37-37) a 30 secondi dal termine del primo tempo, stesso punteggio con il quale si torna negli spogliatoi.

Si riparte dal pareggio maturato nella prima metà di gara, immediatamente sbloccato da due triple consecutive dei padroni di casa. 6-0 russo dopo poco più di un minuto sotto lo sguardo soddisfatto dell'ex star Nba Kirilenko. Si incrementa ulteriormente il vantaggio della squadra di Lukic che va sul 10-0 nel terzo quarto (47-37). Torna sul parquet anche l'Italia dopo 2 minuti e mezzo, soliti liberi a segno per Tessitori. Astapkovich è caldissimo dalla distanza e lo sottolinea mentre si iscrive al tabellino dei marcatori di serata anche Akele. 52-44 dopo 4' nel secondo tempo, aggressività difensiva russa che continua a mettere in sofferenza gli azzurri ma li porta spesso anche in lunetta. Rimane alto il numero di palle perse dall'Italia e ne approfittano gli avversari, aumentando un distacco che non accenna a scendere in maniera decisiva. 2 minuti al quarto quarto e tripla di Alviti per il -7 (59-52), gioco che si fa più veloce e manda in difficoltà il team russo. Ancora perfetto ai liberi Tessitori a ridurre a -5 lo svantaggio, migliorato a -4 dalla tripla di Candi (61-57) a 40 secondi dalla fine del periodo. Difese strette e liberi per entrambe le squadre negli ultimi possessi. 64-59 a 10' dalla fine. 

E' il momento di tornare a contatto per l'Italbasket e portare a casa la prima gara di qualificazione ai mondiali. Si segna col contagocce nei primi minuti del quarto quarto. Nuovo -4 azzurro rimandato al mittente da Astapkovich che con un fade-away sbilanciato costringe l'Italia al time out. Un time out psicologico chiamato da Sacchetti per tenere tutti sul pezzo. 2+1 a segno importantissimo per Tonut, -5 (70-65) a  meno di 7' dalla fine. Rimane facile per la Russia attaccare il ferro ed è questo a non permettere agli ospiti l'impatto, anzi favorisce l'allungo russo che porta il vantaggio in doppia cifra a 4'30'' dall'ultima sirena (76-65). Massimo vantaggio casalingo che migliora col passare dei minuti mentre non l'Italia non pare più in grado di incidere e ricucire. Squadre in bonus e partita che si fa spezzettata, 81-66 a 3' dalla fine. Il cantestro di Antonov che vale il +17 mette l'ipoteca finale sulla vittoria della Russia, sottolineata dalla tripla di Astapkovich prima che scattino gli ultimi 60 secondi. A San Pietroburgo finisce 92-78, falsa partenza per un'Italbasket che soffre la fisicità avversaria e paga la poca esperienza del roster. Superlativa la prova di Tessitori, alla prima da capitano azzuro, molto buone quelle di Tonut e Candi. Ora testa all'impegno di lunedì sera contro l'Olanda, già fondamentale per rimanere con due piedi all'interno del girone di qualificazione.

 

Statistiche:

Russia: Ivlev 4, Gankevich 2, Antonov 7, Strebkov 10, Ilnitskiy 4, Astapkovich 21, Valiev, Emchenko, Komolov 12, Toropov 17, Khomenko 8, Zaitsev 7. All.Lukic

Italia: Candi 10, Tonut 20, Flaccadori 5, Tessitori 19, Spagnolo, Gaspardo 5, Bortolani ne, Diouf 2, Alviti 6, Akele 7, Lever, Pajola 4. All.Sacchetti

 

Ultima modifica il Venerdì, 26 Novembre 2021 19:02
Eugenio Fontana

Appassionato di storie sportive e di pallone, ciclismo e palla a spicchi. Tifosissimo rossoblù da sempre. La prima prima partita che ho visto allo stadio è stata di Coppa Intertoto nel 1998: Bologna-National Bucarest 2-0.