Brianna Turner Brianna Turner Bianca Costantini

La Virtus soffre un tempo, ma la spunta sulla lunga distanza: con Empoli finisce 76-67

Scritto da  Gen 10, 2022

 

 

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA - USE SCOTTI ROSA EMPOLI 76 – 67 (10-16; 33-37; 55-51)

Virtus Segafredo Bologna: Pasa, Tassinari 8, Ciavarella 3, Tava 2, Migani 2, Barberis 2, Dojkic 20, Battisodo 7, Turner 15, Zandalasini 11, Cinili 6. All. Lino Lardo.

USE Scotti Rosa Empoli: Jeune, Ruffini, Stoichkova, Lucchesini, Baldelli, Williams, Ravelli, Narviciute, Rembiszewska, Bocchetti. All. Alessio Cioni.

Arbitri: Claudio Di Toro, Alex D’Amato, Sebastiano Tarascio.

 

Tiri liberi: BO 14/19 (74%); EM 7/8 (88%).

Rimbalzi: BO 47; EM 42.

Falli: BO 12; EM 21.

Tiri da 2: BO 19/48 (40%); EM 9/32 (38%).

Tiri da 3: BO 8/22 (36%); EM 14/36 (39%).

 

QUINTETTI INIZIALI

Virtus Segafredo Bologna: Pasa, Dojkic, Zandalasini, Cinili, Turner.

USE Scotti Rosa Empoli: Bocchetti, Baldelli, Jeune, Narviciute, Rembiszewska.

 

Solo dolci nella calza della Virtus di coach Lino Lardo che, dopo i rinvii delle sfide con Schio e San Martino di Lupari, ha ospitato nella giornata di ieri Empoli. Sotto i riflettori della Segafredo Arena le bianconere, non senza qualche grattacapo nella prima parte dell’incontro, hanno conquistato due punti fondamentali per la rincorsa alla vetta della classifica, trascinate da Dojkic e Turner, autrici rispettivamente di 20 e 15 punti.

L’avvio del match non è dei migliori e, dopo quasi tre minuti, il tabellone luminoso recita 0-5 Scotti Rosa. Polveri bagnate da entrambi i lati, con Zandalasini a rompere il digiuno interno a quattro minuti dalla prima sirena, imitata poco più tardi da Tassinari per il primo vantaggio Segafredo dell’incontro (6-5 a 3:02). La gioia bianconera dura poco, spezzata da cinque punti consecutivi di Narviciute e da due triple in rapida successione di Jeune e Bocchetti, che permettono alle toscane di chiudere il primo quarto avanti di sei lunghezze.

Punteggio invariato per i primi novanta secondi alla ripresa del gioco, con Rembiszewska e Ravelli a portarlo sulle sette lunghezze. Reagisce la Virtus, sbloccandosi dall’arco con Battisodo ed assestando un parziale alle ospiti di 15-6 per il contro sorpasso, chiuso da due punti in appoggio di Tava (24-23 a 4:36). La gioia bianconera non dura a lungo e le ragazze di Cioni inizialmente ribaltano il risultato, dilatando la spaccatura con le triple di Bocchetti e Baldelli, su cui pone l’accento allo scadere Rembiszewska dal pitturato per il 33-37 alla pausa lunga.

Sotto di due possessi, al rientro sul parquet la Segafredo mette in piedi una reazione veemente: con solo due liberi di Jeune, Empoli incassa i canestri di tutte le giocatrici bianconere in campo, subendo un maxi parziale interno di 16-2 e scivolando di conseguenza sotto di undici lunghezze (51-39 a 4:26). Perse le redini dell’incontro, l’USE tenta di ricucire lo strappo con le triple di Jeune ed i canestri di Stoichkova e Bocchetti, giungendo alla terza sirena sul 55-51.

Con solo due possessi a dividere gli chieramenti, la Scotti Rosa accorcia sensibilmente il divario in uscita dal mini break con una tripla di Bocchetti, portandosi sul meno uno. Respinge gli assalti toscani la formazione emiliana, arrivando al canestro con Turner e Dojkic e, successivamente, aprendo nuovamente la spaccatura per merito di Tassinari e Zandalasini, mortifere dalla linea dei 6,75. Sprofondata in fondo al baratro, Empoli non riesce a replicare al parziale emiliano, mandando a referto la sola Jeune in quasi cinque minuti di gioco e trovando le triple di Ravelli, Rembiszewska e Bocchetti quando è ormai troppo tardi.

Finisce così alla Segafredo Arena: Bologna batte Empoli 76-67.

Un altro successo per la Virtus, condotta alla vittoria dalla doppia doppia di Turner (15 punti e 18 rimbalzi) ma che dovrà fare i conti con l’uscita prematura dal campo di Barberis per infortunio ed ora attesa dall’impegno in trasferta di domenica prossima contro Campobasso.

Al termine della gara Lino Lardo ha fatto il punto sulla prestazione delle sue ragazze:

Abbiamo finito bene l’anno con la vittoria di Costa e l’abbiamo iniziato bene oggi con la prima vittoria del 2022. Dovevamo tornare in campo e un po’ di ruggine si è vista, siamo riusciti a trovare un po’ di equilibrio anche negli allenamenti, anche se il ritmo partita è un’altra cosa. Voglio fare i complimenti a Empoli, ha giocato una gara coraggiosa e gagliarda nonostante anche loro abbiano avuto problemi legati al Covid, Dobbiamo insistere sull’intensità difensiva, oggi siamo state molto imprecise nella prima parte di gara e non aggressive come dovevamo essere. Siamo entrati con il piglio giusto nel secondo tempo, piazzando il divario che ci ha permesso di vincere; l’obbiettivo è di avere il roster al completo, il ritorno di Hines-Allen è imminente, speriamo di fare una buona seconda parte di stagione”.

Ultima modifica il Mercoledì, 12 Gennaio 2022 07:05
Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..