Baraldi: "Ci crediamo ancora, chiedo ai tifosi di starci vicini"

Scritto da  Giu 16, 2022

E’ tutto pronto alla Segafredo Arena di Bologna per Gara-5 di Finale Scudetto. Le Vu Nere, in svantaggio per 3-1 nella serie, si trovano con le spalle al muro e sanno che per andare a Gara-6 bisogna per forza vincere. In caso di sconfitta, infatti, l’Armani Exchange festeggerebbe il suo ventinovesimo scudetto. A poche ore dalla palla a due, ore 20.45, ha parlato l’AD bianconero Luca Baraldi, intervistato da Luca Muleo de “Il Corriere dello Sport-Stadio”:

“Ci crediamo ancora. Le gare hanno avuto un andamento altalenante ed ogni partita di questa serie è aperta a qualsiasi risultato. Giocheremo nella nostra Arena e sarà obbligatorio provare a portare a casa la vittoria per rispetto dei nostri tifosi. Nonostante fossero in nettissima minoranza, al Forum ci sono stati momenti in cui sembrava di giocare in casa, per quanto si sentivano. Ci hanno sostenuto dal primo all’ultimo minuto, li ringrazio a nome della società e della squadra”.

“Ora dovremo lottare contro tutti gli eventi, dentro e fuori dal campo, contro tutto e tutti, psicologicamente stare sul pezzo e non farci innervosire da alcune situazioni che non abbiamo condiviso”.

“L’analisi la faremo alla fine, ci sono tutte le condizioni perché ogni singolo giocatore possa tirare fuori il 110%. Dobbiamo dimostrare che anche noi valiamo lo scudetto, questo è un gruppo con gli attributi necessari per poter regalare la speranza di andare a Gara-6 e giocarci ancora le nostre possibilità”.

“Stiamo parlando di giocatori che hanno regalato grandissime emozioni e vittorie al nostro pubblico. In casa, tranne Gara-1, quest’anno le abbiamo vinte tutto in campionato. Significa aver offerto un grande spettacolo. Siamo passati su campi difficilissimi, regalato emozioni e non solo per i successi ma anche per il modo di giocare. Adesso chiedo ai tifosi di starci vicini, sapendo che sono i primi a meritarsi una Virtus pimpante, piena di energia che deve arrivarci anche dagli spalti, come è sempre stato. Se la nostra Arena canterà unita sarà il sesto ed anche il settimo uomo in campo”.

Lorenzo Gaballo

Nato a Perugia, bolognese di adozione. Appassionato di sport,soprattutto di basket e calcio,sogno di diventare un giornalista sportivo e, mi auguro di trasformare la mia passione per lo sport in un lavoro.