Assolo Virtus al PalaDozza! Brindisi battuta 98-68 Foto Virtus Pallacanestro

Assolo Virtus al PalaDozza! Brindisi battuta 98-68

Scritto da  Nov 27, 2022

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – HAPPY CASA BRINDISI 98 - 68 (32-19; 50-38; 79-50)

Virtus Segafredo: Cordinier 11, Mannion 15, Martini 0, Belinelli 16, Pajola n.e., Bako 6, Jaiteh 5, Lundberg 11, Hackett 2, Mickey 10, Camara 7, Weems 16.. All: Scariolo

Happy Casa Brindisi: Burnell 10, Reed 6, Bowman 11, Fusco 0, Mascolo 8, Bocevski 0, Mezzanotte 5, Rismaa 12, Bayehe 4, Perkins 8, Dixon 3. All: Vitucci

Tiri liberi: BO 17/24; BR 4/8

Tiri da due: BO 24/36; BR 23/43

Tiri da tre: BO 3/11; BR 1/6

Rimbalzi: BO 41; BR 33

Falli: BO 15; BR 20

Arbitri: Sahin, Di Francesco, Galasso

Vittoria netta della Virtus Bologna di coach Sergio Scariolo che si impone sull’Happy Casa Brindisi con il punteggio finale di 98-68. La partita, in controllo delle Vu Nere fin dal primo quarto, ha visto diversi protagonisti ma bisogna sottolineare le buone prestazioni di Kyle Weems e Nico Mannion e Marco Belinelli, poco impiegati in Eurolega ma fondamentali per le partite di Campionato Italiano. Di seguito la cronaca del match.

L’avvio del match è piuttosto intenso. La Virtus Segafredo segna con costanza sia da due che da tre punti ma Brindisi, con una difesa aggressiva, arriva anche a recuperare alcuni palloni che le consentono di restare in partita. Tra i più ispirati c’è scuramente Kyle Weems, autore di otto punti in poco meno di quattro minuti di gioco. La svolta, però, arriva a metà del quarto quando Scariolo fa entrare diversi giocatori dalla panchina. Tra loro ci sono Bako e Belinelli; il primo, oltre a chiudere ogni spazio in difesa, si fa trovare pronto anche in attacco mentre il secondo punisce ogni errore della difesa pugliese. Le triple del numero 3 bianconero fanno male all’Happy Casa che, vedendo abbassarsi le proprie percentuali al tiro, va al primo break con ben tredici punti da recuperare (32-19).

Nel secondo quarto Brindisi continua a faticare in attacco e, dopo essere sprofondata sul 41-23, decide di mettersi a zona. L’attacco bianconero va in confusione e coach Scariolo, non contento degli errori della sua squadra, chiama subito un time out. L’Happy Casa torna anche a soli otto punti di distanza ma, fortunatamente, la Virtus nel finale del primo tempo si sblocca. Mickey, infatti, continua ad essere impeccabile al tiro ed i suoi canestri danno modo alla Segafredo di andare negli spogliatoi in vantaggio 50-38.

Al rientro in campo c’è subito un 11-4 di parziale della Virtus che ritocca il massimo vantaggio del match portandolo a diciannove punti (61-42). Vitucci, vedendo la propria squadra in netta difficoltà su entrambi i lati del campo, ferma la partita con un time out ma la situazione non migliora. Mannion, autore di una buona partita, trova con facilità spazio in mezzo all’area brindisina e le sue iniziative personali portano la Virtus sul 72-44. Il terzo periodo si chiude con il canestro di Kyle Weems che dà modo alla Segafredo di andare all’ultimo break in vantaggio 79-50.

L’ultimo quarto, di fatto, è pura accademia. Le Vu Nere si limitano a gestire l’ampio margine accumulato in precedenza mentre Brindisi cerca semplicemente di rendere lo scarto meno pesante. La sfida si chiude con la vittoria della Virtus Segafredo che conquista l’ottavo successo consecutivo in campionato e si conferma al primo posto in classifica.

La formazione allenata da coach Scariolo si congeda dal PalaDozza -le prossime partite casalinghe si giocheranno alla Segafredo Arena- con una vittoria importante e si prepara ad affrontare una trasferta di Eurolega molto impegnativa. Venerdì sera, ore 18, le Vu Nere scenderanno in campo a Belgrado per affrontare la Stella Rossa, formazione che con il cambio di allenatore sta attraversando un ottimo periodo di forma.

 

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 28 Novembre 2022 16:30
Lorenzo Gaballo

Nato a Perugia, bolognese di adozione. Appassionato di sport,soprattutto di basket e calcio,sogno di diventare un giornalista sportivo e, mi auguro di trasformare la mia passione per lo sport in un lavoro.