Baseball – La Fortitudo domina entrambe le gare di questo penultimo turno di campionato! – 06 ago

Scritto da  Ago 06, 2017

Fra le roventi mura del “Gianni Falchi”, la Fortitudo UnipolSai non mostra nessuna pietà per il fanalino di coda Padule e si sbrana l’avversario in entrambe le sfide di questo “Doubleheader” di giornata.  Due vittorie che cementificano quantomeno il secondo posto nella Regular Season.

Gara 1. Ore 15.30  Fortitudo vs Padule 10-1

Sotto il malefico sole del primo pomeriggio, la compagine bolognese  rompe l’incontro già dal primo inning incanalando subito il match verso il porto petroniano. Luca Panerati sul monte di lancio non lascia scampo all’attacco toscano mentre i compagni, durante il periodo offensivo, bucano per ben quattro volte la retroguardia ospite. Pronti via, Agretti, Vaglio, Flores e Marval(su wild pitch) completano il giro delle basi infilando un immediato quanto rassicurante 4 a 0 di partenza. Un risultato arrotondato nel 3° inning, prima dal secondo punto di Flores (sulla gran valida di Garcia) poi da quello di Marval sul sacrificio di Paolino Ambrosino.

6 a 0 e partita già chiusa in cassaforte a doppia mandata dopo appena  3 giochi.

Alla quarta ripresa, Padule sostituisce il Pitcher ma la storia non cambia, perché nel gioco successivo tornano a casa base Marval, Garcia e Grimaudo inchiodando il tabellone sull’inappellabile  9 a 0. Il proseguo del match è catalogabile sotto la voce “normale amministrazione” , eccezion fatta per la sostituzione del lanciatore bolognese(Clemente per  Panerati) e per  il 7° inning, quello in cui Scull segna il punto dell’orgoglio, immediatamente controbilanciato però dalla corsa di  Robel Garcia sulla bella mazzata di Grimaudo per un 10 a 1 finale.

-          Andamento del match.

Padule      000000010     1

Fortitudo  40203010    10

 

Gara 2. Ore 20.30  Fortitudo vs Padule  11-1

Calano le tenebre, aumentano i presenti sugli spalti ma il caldo e soprattutto il canovaccio della partita non sembrano scostarsi più di tanto da quello dell’incontro precedente. La sostanziale novità è rappresentata dallo schieramento di lanciatori partenti stranieri da ambo le parti( Raul Riviero per la F, Carlos Rodriguez per i toscani).

Esattamente come in gara 1, la partita si sblocca sin dal primo inning di gioco. Riviero lascia a secco l’attacco ospite, mentre la controffensiva bianco blu va a segno con Capitan Vaglio che, dopo un valida di Flores, prima  ruba la terza posizione poi s’infila senza problemi sul cuscinetto di casa base sfruttando volata di sacrificio di Marval.

Nel terzo inning, i padroni di casa rimpolpano lo score grazie a  Fuzzi che completa il giro sul doppio di Flores, il quale a suo volta circumnaviga successivamente il diamante sulla valida di Marval.

Fortitudo 3, Padule 0.

Timida reazione. A questo punto l’orgoglio toscano si sbraccia temporaneamente fuori dal pelo dell’acqua e nel corso della 4°ripresa sfocia nel  classico punto della bandiera timbrato da Liviston Santaniello sulla valida velenosa di Alarcon. Il campanello d’allarme suonato dai rossi di Paolo Minozzi però, risveglia l’ardore dei Campioni d’Italia che nel giro del 5° inning decapitano la partita. Tornano a casa base in successione: Vaglio(approfittando tra l’altro dell’assistenza errata del Catcher in terza), Marval sulla valida singola di Sambucci, e poi lo stesso Sambucci dopo lo straordinario fuoricampo sparato sull’out sinistro da Paolino Ambrosino che equivale  all’ormai arcinota “ciliegina sulla torta”.

Col rassicurante risultato di 7 a 1 in tasca, Coach Frignani manda negli spogliatoi un applauditissimo Raul  Riviero( 67 lanci e 10 Strike Out per lui stasera), per inserire sul monte di lancio il rilievo Crepaldi. Il cambio di pitcher non porta gravi scompensi difensivi, mentre per l’ennesima volta è il solito l’attacco fortitudino a pugnalare la difesa toscana. Nel corso del 6° inning segna nuovamente Vaglio (sullo splendido triplo al centro del nuovo entrato Garcia) poi lo stesso numero 15 sulla valida di Marval ed infine Sambucci (sulla doppia di Ambrosino) e lo stesso Amrosino sulla valida di Russo per un 11 a 1 che vale la chiusura anticipata per manifesta superiorità.

Fair Play. Da segnalare la  bella standing ovation che l’intero stadio ha riservato sul tramontare dell’incontro al 37enne Davide Tomassello, che nella notte del Gianni Falchi ha deciso di chiudere definitivamente la sua  lunga carriera da giocatore.

-          Andamento del match.

Padule        0001000   1

Fortitudo   102440x    11

 

Foto di Valentino Orsini

 

Ultima modifica il Domenica, 06 Agosto 2017 13:23
Andrea Nervuti

Amante del mondo anglosassone in ogni sua sfumatura: dall'atmosfera del piccolo pub di periferia fino alle luci della Premier League