Baseball - Show della Effe nel big match del “Gianni Falchi”! - 2 Giu

Scritto da  Giu 02, 2018

Non si ferma più l’Aquila biancoblù guidata da coach Frignani che, anche nella seconda gara contro gli arcirivali di Rimini, vince e convince. Anzi, per la verità stravince. Sì, perché il discorso sotto le Due Torri si chiude addirittura anzitempo a causa dell’evidente superiorità bolognese.

Senza dubbio un gran bel segnale in vista della Coppa dei Campioni che inizierà mercoledì prossimo in quel di Rotterdam.

La partita. Dopo il lancio inaugurale del capitano dell’Handball Bologna United Sebastiano Garau, la Fortitudo comincia pigiando subito forte sull’acceleratore. Prima Nick Nosti completa il giro sulla valida di Marval, e poi Giuseppe “Peppe” Mazzanti spara una legnata che finisce oltre le recinzioni consegnando immediatamente ai padroni di casa altri due punti pesantissimi.

Pronti via e l’UnipolSai conduce già per 3 a 0.

Attenzione però, perché il bello arriva nel secondo inning. La difesa non concede nulla all’attacco dei pirati romagnoli, mentre il turno offensivo manda letteralmente in visibilio il pubblico del Falchi. Garcia ipnotizza Logan Duran e spedisce nuovamente la pallina fuori dal campo per il 4 a 0. Agretti completa il quinto giro del diamante sulla laterale di Flores dopo aver ricevuto una base per ball ed essersi infilato in seconda sul turno di battuta del neo acquisto Moesquit. Poco più tardi, lo stesso olandese ed il compagno Josè Flores siglano rispettivamente il sesto ed il settimo punto approfittando della profondissima bastonata del solito Osman Marval.

Bologna 7, Rimini 0.

Ovviamente non è finita, perché nel box di battuta è di nuovo il turno di Peppe Mazzanti che, quasi in fotocopia, mitraglia il suo secondo Home Run di serata tornando ancora una volta in scioltezza a casa base accompagnato dal fido Marval per un 9 a 0 da brividi.

Visto l’andazzo, Rimini non ha più scelta e sostituisce Duran con Hernandez sul monte di lancio ma, dopo appena un inning passato senza scossoni, ecco che Moesquit trascina la Effe in doppia cifra imbucandosi dalla terza a casa base su “palla mancata”.

Nel 6° inning la “manifesta” si palesa definitivamente grazie al quarto Home Run di giornata (da un punto) siglato questa volta dall’ottimo Jose Flores, per un tabellone tutto da fotografare che recita Effe 11, Rimini 0.

Si chiude - come da regolamento in casi di punteggi del genere -  al 7° inning, con Andrea Pizziconi nel ruolo di “closer” che non concede speranze agli arancioni, conducendo tranquillamente in porto il finale di gara dopo appena 2 ore e 20 minuti di partita.

Un trionfo straordinario, che consente all’Aquila di volare verso i Paesi Bassi con la consapevolezza di avere fra le mani il dominio assoluto del campionato italiano (13 vittorie contro una sola sconfitta in 14 sfide).  Indubbiamente servirà tanto altro per tornare protagonisti anche sui diamanti del Vecchio Continente ma, se è vero che “il buongiorno si vede dal mattino”, direi che le carte in regola per ricominciare a sognare un titolo europeo ci sono tutte …

 

Foto Lorenzo Bellocchio

 

 

Ultima modifica il Sabato, 02 Giugno 2018 09:10
Andrea Nervuti

Amante del mondo anglosassone in ogni sua sfumatura: dall'atmosfera del piccolo pub di periferia fino alle luci della Premier League