Baseball – Gara 2 si trasforma in un thriller, ma alla fine vince la EFFE!

Scritto da  Ago 19, 2018

Clamorosa giostra di emozioni allo stadio “Gianni Falchi” di Bologna, dove Fortitudo e Nettuno danno vita ad un duello all’arma bianca ricco di rimonte e contro sorpassi, chiuso all’ultimo respiro dal doppio “walkoff” firmato Josè Flores per un 7 a 6 davvero spettacolare.

Ora la serie si porta sul 2 a 0, con l’Aquila che andrà a giocarsi il primo pass per la finale già martedì sera in riva al Tirreno.

La partita. Esattamente come 24 ore fa, sono gli ospiti a sbloccare l’incontro. Caradonna riceve base per ball, avanza in terza sulla valida di Montiel e completa il giro sull’errore della difesa felsinea.

Film già visto: Fortitudo 0, Nettuno 1.

Il pareggio biancoblù arriva nel secondo attacco, grazie al decimo fuoricampo stagionale di Osman Marval. 1 a 1. Altro giro altro regalo, perché nell’inning successivo è “Peppe” Mazzanti a sparare la pallina nel Savena concedendo altri due punti alla banda di Coach Frignani. Per l’ex nettunese si tratta del 6° home -run in campionato. Da qui in poi un lungo dominio difensivo, sino al sesto gioco, quando lo stesso Mazzanti prima viene colpito, poi avanza in 3° sulla legnata di Lampe ed infine segna il punto del 4 a 1 sull’eliminazione di Robel Garcia.

Nel 7° inning, la Effe allunga ancora, approfittando del cambio sul moud nettunese (Simone per Frias). Nosti colpisce duro arrivando in terza, mentre Marval martella lateralmente il pitcher neo entrato consentendo al compagno di completare il giro.

All’imbrunire dello scontro, il tabellone recita: Bologna 5, Nettuno 1. Partita in ghiaccio? Neanche per sogno.

Gouvea – subentrato in precedenza a Rivero – si fa ipnotizzare dagli attacchi laziali e subisce tre valide in successione che consentono a Rodriguez di accorciare le distanze. 5 a 2. Non è finita. Base per ball all’ex Ambrosino e sacchetti pericolosamente pieni. Tra alti e bassi, il closer bolognese ritrova un po’ di serenità ed elimina prima Sparagna e poi Imperiali ma non basta. Giordani colpisce durissimo il lanciatore brasiliano e manda a segno due punti che si traducono in un minaccioso – 1. Il Falchi rumoreggia, ma l’incredibile deve ancora accadere. Gouvea subisce un clamoroso doppio da due punti anche da Sellaroli e la partita si trasforma in un incubo: Fortitudo 5, Nettuno 6 ad un solo inning dalla fine.

Frignani cambia Gouvea con Noguera e fortunatamente l’avanzata tirrenica termina con uno strike out.

È quasi mezzanotte, e per la EFFE è rimasto un solo inning a disposizione. Base per ball a Grimaudo che avanza successivamente in seconda sul bunt di sacrificio di Nick Nosti. Kevin Moesquit colpisce una rimbalzante e si piazza in prima, ma il matador della serata diventa Josè Flores che legna sull’angolo destro un “Walk Off” da due punti che manda in delirio tutto lo stadio!

Fortitudo 7, Nettuno 6 al termine di una sfida tanto rocambolesca quanto entusiasmante.

Un trionfo elettrizzante che vale il doppio vantaggio nella serie. Adesso due giorni di pausa, poi il primo “match ball” in casa della squadra diretta da Guglielmo Trinci per agguantare la finalissima di questo campionato 2018.

Foto di Lorenzo Bellocchio

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 23 Agosto 2018 15:23
Andrea Nervuti

Amante del mondo anglosassone in ogni sua sfumatura: dall'atmosfera del piccolo pub di periferia fino alle luci della Premier League