Rugby – Bologna trova la quinta vittoria consecutiva e si piazza al 2°posto!

Scritto da  Dic 20, 2018

Si chiude con il sorriso questo 2018 per l’Emilbanca Bologna 1928 che, fra le fredde pianure dell’entroterra veneziano, travolge per 31 a 10 il Riviera Rugby e si gode un sereno Natale da vice campione d’inverno.

Un successo fondamentale, reso ancora più dolce dalla contemporanea sconfitta casalinga del Villorba, che ha consentito ai rossoblù di staccare i trevigiani di quattro lunghezze, candidandosi così come unica inseguitrice della “lepre” Casale.

Vittoria meritata, giunta nella ripresa, dopo che lo slalom di Signora (trasformato dal sempre preciso piede di Giannuli) aveva permesso ai bolognesi di andare al riposo sul risicato 7 a 5.

Nella ripresa però, la banda di coach Guermandi si ricompatta e rompe definitivamente gli argini veneti.

Sandri segna da una touche avanzante, poi è il turno di Zambrella, lanciato da Bottone dopo una grande manovra corale orchestrata da Fadanelli, Schiavone e Gambelunghe. Giannuli, come al solito, trasforma ancora una volta per il 5 a 19 con cui Bologna mette in freezer il discorso.

Al 61’, i padroni di casa accorciano sfruttando alcune amnesie ospiti ma il 1928 reagisce subito da grande e riallunga, poco dopo, con un grande assolo personale firmato da Enea Gambelunghe. Giannuli converte dalla piazzola e Bologna torna a centrocampo con un vantaggio rassicurante. Sul 10 a 26 e col punto di bonus già in tasca, arriva anche la doppietta di Gambelunghe (eletto all’unanimità “man of the match”) al termine di una bell’azione conclusa in bandierina.

Al fischio finale del signor Markus Dosti, Bologna può festeggiare il trionfo che vale la seconda piazza nel girone più complicato di questa serie B.

Sconfitta per la Cadetta, che cade 31 a 29 in quel di Ravenna nella nona giornata del raggruppamento E di serie C1. Il match delle Fenici invece, è stato rinviato a causa del maltempo.

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 20 Dicembre 2018 02:03
Andrea Nervuti

Amante del mondo anglosassone in ogni sua sfumatura: dall'atmosfera del piccolo pub di periferia fino alle luci della Premier League