Rugby – Bologna batte Riviera e si guadagna matematicamente il 3° posto

Scritto da  Mag 01, 2019

 

 

Nell’ultima domenica di Aprile, il Bologna 1928 supera l’orgogliosa compagine veneziana del Riviera per 55 a 24 e blinda così definitivamente il 3° posto dall’eventuale ritorno di Mirano, distante ormai 11 punti a due giornate dal termine.

Una match combattuto e forse leggermente influenzato da qualche sbavatura arbitrale che ha scatenato piccoli focolai polemici fra i tifosi presenti sugli spalti. Ad ogni modo, il punteggio parla chiaro in favore della formazione rossoblù, capace di marcare ben 8 mete senza concedere alcun punto di bonus ai rivali, ancora invischiati nella lotta per non retrocedere.

Adesso la trasferta di Viadana poi la chiusura casalinga contro Verona, per onorare al meglio un campionato vissuto – contro ogni pronostico – sempre ai piani alti della classifica.

Partenza veneta, poi valanga emiliana. La partita si sblocca all’ottavo minuto: mancino di Pavin dalla piazzola e 0 a 3 in favore degli ospiti. Passano una decina di giri di lancette e Giannuli sfrutta una comoda punizione dentro ai 22 per pareggiare. 3 a 3. Le motivazioni però, almeno inizialmente, pendono tutte dalla parte del Riviera e la squadra verde-blu infila due mete in successione. Al 23’ con un carrettino partito da una touche ai 5 metri e al 29’ grazie al guizzo dell’ala Allisson che deposita l’ovale oltre l’ultima linea sul fronte sinistro d’attacco. Pavin fa due su due al piede e lancia i suoi sul 3 a 17.

A questo punto, Bologna reagisce da grande squadra e risponde all’exploit ospite con tre marcature nell’ultimo quarto di primo tempo.

Apre la rimonta il solito Macchione al 33’, sfruttando la spinta dei compagni dopo una rimessa laterale ben arpionata da Guatelli. Giannuli infila la palla fra i pali e si va sul 10 a 17. Lo stesso Giannuli, al 36’, trova uno spiraglio centrale fra le maglie avversarie e firma una meta fondamentale per il morale dei compagni. Sua anche la trasformazione che vale il 17 pari. Infine, con il cronometro abbondantemente in “rosso”, tocca al classe 2000 Mattia Rizzoli timbrare in tuffo sul binario sinistro la marcatura che consente al Bologna di andare all’intervallo in vantaggio di 5 punti.

La ripresa comincia con il Riviera che trova immediatamente la via del contro sorpasso al termine di una sequenza di “pick&go” lungo l’ultima striscia di gesso bolognese. Dopo una serie durissima di attacchi, la trincea rossoblù cede; Riviera segna e Pavin trasforma per il 22 a 24.

Il 1928 stavolta non accusa il colpo, si ricompatta immediatamente e riprende a macinare gioco.

Al 52’, Sergi sguscia oltre la rete difensiva verde-blu direttamente dal punto d’incontro e schiaccia vicino ai pali la meta che vale il punto di bonus. Giannuli non può sbagliare e l’inerzia torna in mano felsinea. Nell’ultimo quarto di gara, con il punteggio sul 29 a 24, l’ardore veneziano comincia ad affievolirsi, lo sforzo profuso per rimane in partita si fa sentire e l’Emilbanca colpisce duro chiudendo la contesa. Schiavone allunga il punteggio al 57’, approfittando della bella intuizione di Alberghini. Giannuli, neanche a dirlo, centra la porta e la disputa naufraga inevitabilmente verso il porto di casa: 36 a 24.

Al 64’, dopo una serie di gialli distribuiti dal signor Gargiulo di Napoli (uno al Bologna, due al Riviera), lo stesso Alberghini buca per la 6a volta difesa ospite.

Game, set and match.

Sul 41 a 24 in favore dei rossoblù, l’argine veneto si sgretola definitivamente e, prima del fischio finale, c’è spazio per altre due marcature. Al 70’, arriva la doppietta di Macchione (arrotondata da solito Giannuli), mentre a pochi istanti dallo scadere giunge anche la seconda firma di capitan Sergi, bravo ad inserirsi sull’assist dello stesso Macchione per siglare l’ottava e ultima meta dell’incontro. Giannuli dalla piazzola aggiunge i due punti conclusivi, mandando tutti al terzo tempo sul risultato di 55 a 24.

Al netto del 3° posto aritmeticamente conquistato e, detto anche di qualche residua possibilità di agguantare addirittura il 2°, vanno fatti gli elogi a tutti i ragazzi e allo staff tecnico per come hanno affrontato il girone più difficile dell’intero panorama italiano di serie B.

Non era assolutamente scontato e quasi nessuno ci avrebbe scommesso: complimenti!

Man of the match. Ex aequo ai due “millenials” scesi in campo dal primo minuto. Micheler e Rizzoli, entrambi nati nel 2000, giocano una buonissima partita confermandosi due dei prospetti più interessanti per il futuro del club.

Tabellini

Bologna 1928 v. Riviera 55-24

(punti in classifica 5-0)

Bologna 1928: Alberghini, Zambrella, Giannuli, Piazza(59’ Bernabò), Rizzoli(74’ Testoni), Bottone, Sergi ©, Macchione, Schiavone, Guatelli (Guandalini), Gambacorta, Micheler, Barbolini(70’ Tosatto), Anteghini, Sandri (50’ Fadanelli).

All. Guermandi

Marcatori: 17’ cdp Giannuli, 32’ Macchione + tr. Giannuli, 36’ Giannuli + tr. Giannuli, 40’ + 3 Rizzoli; 52’ Sergi + tr. Giannuli, 57’ Schiavone + tr. Giannuli, 64’ Alberghini, 70’ Macchione + tr. Giannuli, 79’ Sergi + tr. Giannuli.

Ultima modifica il Mercoledì, 03 Luglio 2019 13:59
Andrea Nervuti

Amante del mondo anglosassone in ogni sua sfumatura: dall'atmosfera del piccolo pub di periferia fino alle luci della Premier League