×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 56

Superbike Week end - 08 Mag

Scritto da  Mag 08, 2014

Quarto round del campionato del mondo Superbike in programma all'autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola nel fine settimana. Il circuito del Santerno si appresta ad abbracciare il fascino delle derivate di serie dopo la pelle d'oca emozionale del Senna Tribute. La classifica iridata delle due ruote motorizzate vede la meritata leadership del campione del mondo in carica Tom Sykes con la sua potente Kawasaki a quota 108 punti. Dodici lunghezze di ritardo per l'Aprilia di Guintoli principale antagonista della "verdona" nelle precedenti tre tappe disputate. Un duello che si rinnova sullo storico asfalto romagnolo, circuito tra i più tecnici ed impegnativi del globo. Difficile formulare pronostici, la pista nelle passate edizioni ha stretto l'occhio vicendevolmente alla casa di Noale ed in direzione Sol Levante. Un week end da tripla per dirlo con gergo calcistico senza trascurare le credenziali di piloti del calibro di Baz (Kawasaki), Rea (Honda), Melandri (Aprilia) e Giugliano (Ducati). Parentesi a parte per i due centauri italiani. Non sboccia il feeling tra Macho Melandri e l'Aprilia in quella che era stata etichettata come la stagione della consacrazione per il ravennate. Attardato di trentanove punti sulla tabella di marcia, Melandri non può fallire il match casalingo, pena un'annata da cestinare. Luci ed ombre per Davide Giugliano e la sua Ducati. Sprazzi di genio alternati ad ingenuità macroscopiche stampano un gigantesco punto interrogativo sulle quote vittoria della Rossa di Borgo Panigale. Sussulti vitali rispetto a qualche tempo fa ma la strada da percorrere è ancora lunga e ripida. Meritata citazione per Ayrton Badovini e la Bimota. Prestazioni crescenti nell'anno del grande rientro nel circus per la casa riminese in assetto EVO che entro luglio staccherà l'omologazione utile all'ottenimento dei punti formato classifica. In ottica emiliana da segnalare il Team Grillini from Monterenzio motorizzato Kawasaki EVO nelle mani dell'ex promessa romana Michel Fabrizio. Il menù si completa con le gare Supersport, Stock 1000 e 600. Bello il duello nella FIM Cup Superstock 1000 tra la Ducati griffata Barni dell'argentino Mercado e la Kawasaki del team Pedercini guidata dal cesenate Savadori. Tre punti di distacco in classifica, un duello che si gioca tanto in pista quanto nella testa di due giovani e talentuosi centauri. Bionda chioma per la splendida bolognese Rebecca Bianchi tra i partecipanti della Stock 600, grinta e fascino al femminile perchè le moto sono anche tinte di rosa. Paddock show, concerti, partite di calcio benefiche, mostre fotografiche & memorabilia al Museo Checco Costa, sessione autografi e l'immancabile diretta tv by Meda-Biaggi alimentano la scarica di adrenalina del cuore pulsante motoristico imolese. Fosse sempre così. 

Mattia Grandi

      

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 14:39