Valentino Rossi e la nuova Yamaha M1 Valentino Rossi e la nuova Yamaha M1 sport.sky.it

Moto GP – L’appello di Vale: “Io resto a casa, fatelo anche voi”

Scritto da  Mar 18, 2020

 
Con l’espandersi dell’epidemia lo sport ha giustamente fatto un passo indietro. Il mondo, adesso, ha sfide molto più dure a cui pensare.


In attesa di aggiornamenti sull’inizio del Motomondiale 2020, anche Valentino Rossi #RestaACasa. Il pluricampione mondiale si è ritirato a Tavullia in quarantena preventiva: “Sono a casa mia, in buona compagnia perché sono con la Frenci, mia mamma e i nostri animali”.
È con la fidanzata Francesca e la madre Stefania che, insieme ai suoi Golden Retriever, Valentino passa queste interminabili giornate. 
In un’intervista telefonica alla Gazzetta dello Sport, il Dottore rimanda ogni scelta futura circa il suo ritiro. Come detto tempo fa, il pilota italiano, avrebbe infatti dovuto decidere a metà del Mondiale 2020, se continuare a correre anche nel 2021.


La quarantena di Vale. Valentino stempera le giornate allenandosi nella sua palestra. Oltre a sistemare casa, con particolare riguardo al garage, non nega di distrarsi guardando serie TV, film e ascoltando musica. 
Infine confessa: “Tante sfide al simulatore”; Valentino e i ragazzi dell’Academy, infatti, in questo periodo di isolamento, si dilettano in gare virtuali. La tecnologia, sicuramente, aiuta i piloti a mantenere il focus sugli obiettivi di stagione e, allo stesso tempo, a distrarsi dalla noiosa routine.


Come sottolineano molti atleti del mondo dello sport, anche il fuoriclasse – nonostante la sua fame di asfalto e la speranza che l’annata si salvi – ci tiene a ribadire l’importanza delle misure preventive raccomandate dal Governo. Inoltre, come rende noto Marche Nord, azienda ospedaliera responsabile della sua regione, Valentino è stato uno tra i primi a prendere parte alle donazioni per la lotta al virus, scendendo in prima linea e dando un importante esempio a tutto il mondo sportivo.
In questa situazione di emergenza siamo tutti sulla stessa barca e, per questo motivo, dobbiamo attenerci alle regole. Stare a casa è importante per contenere il più possibile il contagio. Solo così possiamo sperare di tornare al più presto alla normalità. 
Infine, il campione, si appella al senso civico di ognuno di noi: “Io resto a casa, fatelo anche voi”.

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 18 Marzo 2020 19:23
Matteo Guerra

Nato in Emilia-Romagna, regione d’eccellenza motoristica italiana, studio Comunicazione a Bologna. Intraprendo un percorso formativo mirato al mondo del giornalismo nell’ambito dell’automobile. Forte appassionato di tutto ciò che riguarda motori e velocità.