Alberto "Toro" Rinaldi Alberto "Toro" Rinaldi fibs.it

Il Resto del Carlino - "Toro" racconta Cape Canaveral, poi la Fortitudo Baseball : "Una società modello"

Scritto da  Apr 23, 2020

Si continua a parlare di Alberto Rinaldi, leggenda del baseball italiano. In particolare, A. Gallo riporta dei pensieri del "Toro" legati a Cape Canaveral e alla società biancoblù. 

Tra le sue esperienze a stelle e strisce, "Toro" racconta in particolare di quando ha visto il lancio di un missile al fianco tra ministri e potenti della terra. Era a Tampa e con lui c'era Giulio Glorioso, che al tempo era un dirigente ben conosciuto, e gli disse di andare con lui. Raggiunsero Cape Canaveral, la base americana dalla quale partivano tutte le missioni spaziali. Glorioso in giacca e cravatta, Rinaldi in jeans e maglietta, tanto che Giulo dovette discutere molto prima di riuscire a farlo entrare in struttura. Il giovanissimo Rinaldi si trova in una tribuna assieme ad autorità pronte ad esultare per l'ennesimo lancio missilistico da parte della superpotenza U.S.A. "Il boato di quel missile, dove credo non ci furono astronauti a bordo, fu incredibile. Un'emozione fortissima che mi porto ancora dentro".  

L'ultimo pensiero che ha riservato è per l'attuale Fortitudo Baseball: "Squadra valida e società fortissima. Nonostante in Italia sia uno sport dilettantistico, i dirigenti, allenatori e personale Fortitudo sono stati capace di creare una mentalità di altissimo livello. Una mentalità e un approccio che consentono alla società di continuare a rimanere ai vertici di questo sport". 

Ultima modifica il Giovedì, 23 Aprile 2020 09:32
Matteo Linarello

Studio Scienze della Comunicazione, gioco a baseball da quando ero “cinno” e possiedo una fede multi-sportiva legata alla mia città: Bologna.
Mi piace lo sport in tutte le sue angolazioni: vederlo, praticarlo e raccontarlo.