Corriere di Bologna - «Zanardi è in condizioni stabili, ma non escludiamo complicanze»

Scritto da  Giu 22, 2020

Ci si avvia ad una settimana cruciale per Alex Zanardi. Nei prossimi giorni i medici del policlinico Santa Maria delle Scotte di Siena procederanno nell’interrompere la sedazione farmacologica per comprendere l’entità del danno neurologico riportato dal campione bolognese venerdì scorso, nell’incidente stradale che lo ha coinvolto a Pienza.

Sabino Scoletta, responsabile del reparto di terapia intensiva del policlinico sensese, ha aggiornato la stampa sulla situazione: «Le condizioni generali di Zanardi sono stabili. Abbiamo grande fiducia, rispetto a quando Zanardi è arrivato al pronto soccorso le sue condizioni sono cambiate: il trauma si è stabilizzato, non ci sono passi indietro. La prognosi però rimane riservata, non possiamo ancora escludere evoluzioni o complicanze».

Zanardi rimane intubato, sedato e ventilato, ed i prossimi giorni saranno fondamentali per capire l’entità del danno: «il quadro neurologico resta grave - ha continuato il professor Scoletta - per valutarne la vera entità dovremo iniziare a sospendere la sedazione; la sospensione è d’obbligo in questi casi, ma potrebbe alterare la stabilità di Alex»

Intanto continua la ricostruzione di quanto avvenuto. Varie testimonianze danno come improbabile la possibilità che il campione si possa essere distratto al cellulare. Intanto la staffetta Obbiettivo Tricolore non si è fermata, i partecipanti continuano a darsi il cambio per arrivare a la tappa finale di Santa Maria di Leuca, «il viaggio continua per Alex, per portare a termine un progetto a cui lui tiene tantissimo», la dedica degli organizzatori e degli atleti.

Michael Mucci

La vita è come un sentiero avvolto dalla nebbia: devi avere il coraggio di cercare e prendere delle deviazioni.

Appassionato di viaggi, fotografia e Bologna FC. Sogno nel cassetto: diventare un Fotoreporter.