Maserati MC20 Maserati MC20 motori.news

Carspillar – Maserati MC20, il Tridente torna in pista

Scritto da  Ago 11, 2020

Questa settimana la protagonista di Carspillar è una supersportiva marchiata Maserati.
A causa della pandemia che ha colpito il nostro paese, i ritmi produttivi di tutte le case della MotorValley sono notevolmente diminuiti: la nuova MC20, il cui esordio era inizialmente previsto nel mese di maggio, debutterà quindi a Modena il 9 e 10 settembre.

MC20 è stata progettata presso il Maserati Innovation Lab, centro di ingegneria e progettazione del Tridente, e sarà ultimata a Modena nel famoso stabilimento di viale Ciro Menotti, un impianto dotato di linee di produzione estremamente all’avanguardia.
Il nome dà rilievo alle doti sportive del mezzo: MC è l’acronimo di Maserati Corse, il “20” si riferisce al 2020, anno che segna un nuovo inizio: con questo modello – dopo le numerose vittorie della sorella MC12, avvenute dal 2004 al 2009 – la storica casa emiliana ritorna al mondo delle corse. 

Il 1º luglio 2020 sono state rese note le specifiche tecniche riguardanti il nuovo propulsore (100% Maserati, non più derivato da Ferrari) che equipaggerà in esclusiva la MC20: il suo nome è “Nettuno” e adotta tecnologie derivate dal sofisticato mondo della Formula1.
Si tratta di un V6 biturbo da 3,0 litri che, con un regime di rotazione di 7500 giri/minuto, è capace di sprigionare la potenza di 630 CV. Oltre alle grandi potenzialità del motore, altri fattori che lasciano piacevolmente stupiti sono il peso e la compattezza di questo: meno di 220 kg concentrati in un blocco lungo 60 cm, largo 1 metro e alto 65 cm.

 repubblica.it

Un propulsore estremamente rivoluzionario dotato di un sistema di combustione a precamera con doppia candela di accensione

Dopo più di 20 anni, grazie all’impegno di tecnici ed ingegneri altamente specializzati, è stato sviluppato e prodotto da Maserati un cuore meccanico ad alto contenuto tecnologico: il marchio scommette su di sé con un propulsore a carter secco le cui principali caratteristiche innovative provengono dalla Formula1.
Vediamo le essenziali peculiarità previste per la prima volta adottate su una vettura stradale:

Precamera: una camera di combustione posta tra la candela centrale e la classica camera di combustione è collegata a quest’ultima tramite specifici fori;

Candela laterale: un’ulteriore candela supporta i processi di innesco del combustibile per garantire uno scoppio ottimale anche in particolari casi in cui l’utilizzo della precamera non è indispensabile;
Doppio sistema di iniezione: la benzina può essere iniettata direttamente e indirettamente. Questo speciale sistema, affiancato ad un’elevata pressione del combustibile, serve a ridurre rumori e vibrazioni a bassi regimi, a diminuire le emissioni di CO2 e a migliorare il consumo di carburante abbassandolo.

 

Fonte: maserati.com

Ultima modifica il Martedì, 11 Agosto 2020 21:43
Matteo Guerra

Nato in Emilia-Romagna, regione d’eccellenza motoristica italiana, studio Comunicazione a Bologna. Intraprendo un percorso formativo mirato al mondo del giornalismo nell’ambito dell’automobile. Forte appassionato di tutto ciò che riguarda motori e velocità.