Nazionale softball Nazionale softball fibs.it

La Nazionale Softball si prepara al Campionato Europeo e Tokyo 2021

Scritto da  Mar 28, 2021

Si è concluso ieri il raduno della Nazionale softball, che prepara le ragazze per il cammino verso il Campionato Europeo e i Giochi Olimpici di Tokyo 2021 (Fukushima e Yokohama 21 – 27 luglio). La “bolla” scelta per ospitare il raduno è stata il Friuli Venezia-Giulia, a Ronchi dei Legionari e Gradisca d’Isonzo. Tra queste terre, tra l’altro, le Azzurre cercheranno di difendere il titolo europeo conquistato due anni fa a Ostrava, con il Campionato Europeo che si terrà proprio in Friuli tra il 27 giugno e il 3 luglio. 

Questo è il primo raduno dopo la scomparsa dell’emblema del softball italiano Enrico Obletter, manager per sempre della Nazionale. Enrico era creatore, mente e cuore, del progetto che in tre anni ha collocato l’Italia nell’élite assoluta della ‘palla gialla’ mondiale, con la conquista del titolo europeo e della qualificazione per i Giochi. A continuare il suo lavoro ora c’è Federico Pizzolino, che negli ultimi quattro anni ha sempre condiviso con Obletter ogni singola decisione e ogni singolo passaggio di costruzione e sviluppo. Affianco al nuovo manager ci saranno Julio La Rosa e Giovanna Palermi, moglie di Enrico. 

Il raduno tenutosi questa settimana aveva ben chiari gli obiettivi prefissati da Obletter e per farlo - come ha detto Roberta Soldi, vicepresidente federale, nell’intervista di fine raduno della FIBS - la squadra aveva bisogno di ritrovarsi e compattarsi. Il primo a segnarsi assente, però, è stato proprio Pizzolino, positivo al Coronavirus, fortunatamente asintomatico. Il Manager comunque è stato affianco alle ragazze osservando il lavoro svolto da remoto. A Roberta Soldi piace ricordare le parole che usava spesso Obletter, ovvero che “il cammino di una squadra non è mai semplice, ma le difficoltà creano gruppo e rende più importante l’obiettivo”. La cosa essenziale, come ripetuto dalla vicepresidente è mantenere l’attenzione sull’obiettivo tanto ambito dall’ex manager, ovvero giocarsi l’europeo e, successivamente, le olimpiadi: “Abbiamo una grande responsabilità nei confronti di tutti, in particolare di chi ci ha insegnato tanto”. 

Ora le ragazze dovranno attendere l’inizio del campionato softball per ritornare, con agonismo, sulla terra rossa, con l’obiettivo di dare il massimo in vista dei due eventi internazionali, dove le ragazze vogliono rendere onore al manager scomparso. 

Ultima modifica il Domenica, 28 Marzo 2021 09:28
Matteo Linarello

Studio Scienze della Comunicazione, gioco a baseball da quando ero “cinno” e possiedo una fede multi-sportiva legata alla mia città: Bologna.
Mi piace lo sport in tutte le sue angolazioni: vederlo, praticarlo e raccontarlo.