Stampa questa pagina
Maya Weug con la sua Formula 4 del Team Iron Dames - Iron Lynx Maya Weug con la sua Formula 4 del Team Iron Dames - Iron Lynx Profilo Instagram Maya Weug

Il Semaforo Rosa – Maya Weug, cavallina di razza

Scritto da  Gen 22, 2022

La Ferrari per la sua linea verde decide di puntare su una ragazza di talento pronta a dimostrare il suo valore per seguire le orme dei grandi piloti usciti dalla FDA

La Ferrari si è sempre dimostrata all’avanguardia nell’ambito ingegneristico e tecnologico, diventando nel tempo un marchio storico e pionieristico nel mondo delle corse automobilistiche. La rossa ha sempre rappresentato un punto di riferimento e un esempio da seguire, ma mai come negli ultimi anni si è mostrata al passo con i tempi investendo nel futuro dei giovani. La Scuderia di Maranello ha deciso di aprire il suo programma giovani nel 2009, ed è inutile sottolineare come abbia funzionato il lavoro svolto nell’Academy con la formazione di piloti quali Charles Leclerc o Mick Schumacher, ma anche Antonio Giovinazzi. La FDA è un percorso di prospettiva, nel quale però non poteva mancare la rappresentanza femminile, in un ambiente in cui le quote rosa stanno avendo sempre di più la giusta visibilità.

Gli Esordi Nel Mondo Delle Corse

La prima ragazza ad entrare nella Ferrari Driver Academy è Maya Weug. La ragazza è nata in Spagna, da madre belga e padre olandese, ed è li che ha iniziato la sua carriera sulle quattro ruote. Ha ereditato la sua passione dal padre e oltre a vantare ben tre passaporti, Maya ha dimostrato sempre una grande velocità supportata da buone capacità tecniche di guida. Inizia le gare sui go-kart a sette anni. Precisamente nel 2001 quando riceve un kart in regalo per Natale, dal quale non si staccherà più iniziando a competere nei campionati spagnoli con ragazzi più grandi di lei. Rimane in Spagna fino al 2015 quando ottiene il secondo posto nella categoria Alevin mentre la stagione successiva si sposta in Italia per prendere parte alle sue prime gare internazionali. Mostra subito tutto il suo talento vincendo la WSK Final Cup nella categoria Mini 60 battendo Dino Beganovic che qualche anno dopo diventerà un suo compagno nella Ferrari Driver Academy. Negli anni seguenti ha continuato a prendere parte alle gare internazionali di kart come il Campionato Europeo o il Campionato Mondiale ottenendo il suo miglior risultato con il diciassettesimo posto nel 2020.

La Ferrari Driver Academy

Nel 2020 arriva nella Motor Valley grazie al format Girls On Track – Rising Stars. Un programma organizzato dalla FIA Women in Motorsport Commission per sviluppare e incrementare la visibilità del motorsport femminile. Una gara in cui possono competere ragazze dai 12 ai 16 anni con lo scopo di guadagnarsi un posto nella famosa FDA e poter sviluppare le proprie abilità di guida. Nel gennaio 2021, dopo aver raggiunto le fasi finali, viene annunciato che Maya Weug sarebbe stata la prima ragazza a far parte dell’Academy del Cavallino in quanto vincitrice della competizione. Sotto l’ala della rossa Maya prende parte per la prima volta al Campionato Italiano di Formula 4 insieme ai migliori piloti che un giorno rappresenteranno il futuro delle corse automobilistiche. Corre per il team Iron Dames – Iron Lynx, del quale fa parte anche Michelle Gatting fresca vincitrice del Ferrari Challenge Europe – Trofeo Pirelli. Ottiene un undicesimo posto come miglior piazzamento nella seconda gara a Vallelunga, oltre al settimo posto nella Rookies Cup. Partecipa anche alla serie tedesca della Formula 4 ottenendo un nono posto a Spielberg.

Il Carattere E I Sogni Di Maya

Maya definisce la pista e l’ambiente delle corse come il suo habitat naturale. Dice di essere molto determinata e di amare l’adrenalina che nelle competizioni motoristiche è l’elemento naturale. È una ragazza molto ambiziosa soprattutto nelle sue passioni perché riesce e vuole metterci sempre tutta sé stessa. Per questo 2022 è pronta a ripetere il programma di gare già affrontato l’anno scorso, ma cercando di migliorare i propri risultati e continuare a crescere per fare un passo in avanti ogni stagione, sognando magari un giorno di seguire le orme del suo idolo, già passato dall’Academy di Maranello, Charles Leclerc. 

Intervista a Maya Weug, prima ragazza ad entrare nella FDA (Copyright: YouTube - Motorsportcom Italia)

Ultima modifica il Sabato, 19 Febbraio 2022 17:48