Doppietta per Caldarelli-Beretta al NOLA in GTWC America con la Huracàn GT3 del K-PAX Racing Doppietta per Caldarelli-Beretta al NOLA in GTWC America con la Huracàn GT3 del K-PAX Racing Lamborghini Media Center

Lamborghini vince in GTWC America, a podio in GT Open

Scritto da  Mag 23, 2022

 

Beretta e Caldarelli dominano il weekend di New Orleans sulla Huracán GT3 EVO n. 1 del team K-Pax Racing

Sant’Agata Bolognese, 23 maggio 2022 – Quattro vittorie in altrettante gare per Lamborghini nel Fanatec GT World Challenge America powered by Aws 2022. Sul circuito del NOLA Motorsports Park, nello stato della Louisiana, il team K-Pax Racing ha conquistato entrambe le gare in programma nel weekend, con la Huracán GT3 Evo n.1 affidata all'inedito equipaggio formato da Michele Beretta e dal pilota ufficiale Andrea Caldarelli. Grazie alla doppietta Caldarelli, campione in carica, ha potuto consolidare la propria leadership nella classifica generale, dopo aver dominato assieme a Jordan Pepper le due gare del primo appuntamento del Sonoma Raceway lo scorso aprile.

Il weekend inizia con la pole di Beretta, più veloce nella prima sessione di qualifiche grazie a un tempo di 1'34"097, che al via di gara 1 si porta agevolmente al comando. Dopo la sosta ai box Caldarelli mantiene la posizione di testa anche nello stint conclusivo, chiudendo con un margine di cinque secondi nei confronti della Lamborghini n.3 dei compagni di squadra Pepper e Misha Goikhberg. In gara 2 Caldarelli parte sesto e mantiene la posizione per buona parte del suo stint di guida, mentre Pepper, autore di una buona partenza, lo precede. Poco prima della sosta ai box Caldarelli guadagna una posizione e lascia il volante a Beretta, che rientra in pista al secondo posto. Beretta si porta subito all’inseguimento della Acura di Ashton Harrison, riesce a passarlo e una volta preso il comando riesce a costruire un margine sugli inseguitori, tanto da tagliare il traguardo con un vantaggio di 13”.  Caldarelli e il team K-Pax Racing si presentano dunque a punteggio pieno, con 100 punti in classifica piloti, al prossimo appuntamento con il GT World Challenge America in programma il 17-19 giugno al VIRginia International Raceway.

 

 

Gilardoni-Van Berlo, secondi nella gara domenicale dell'International GT Open al Paul Ricard con la Huracàn GT3 dell'Oregon Team

Al Paul Ricard l'Oregon Team chiude un weekend difficile con il secondo posto di Gilardoni-Van Berlo, sesti Hites-Pulcini

Un fine settimana difficile quello del Paul Ricard per l'Oregon Team, che in Francia ha pagato un BoP non favorevole alle Lamborghini Huracán GT3 Evo, evidenziando un divario nei confronti della concorrenza. Dopo la doppia vittoria di Benjamín Hites e Leonardo Pulcini nel primo appuntamento dell'Estoril, vanno anche aggiunti i secondi di handicap regolamentare che questi ultimi si sono ritrovati a pagare in Gara 1. E alla fine per loro è arrivato un miglior sesto piazzamento, con i propri compagni di squadra Kevin Gilardoni e Glenn van Berlo autori di un secondo posto e del podio assoluto nella seconda gara di domenica.

Nel primo turno di qualifica di sabato mattina, van Berlo e Hites avevano inaugurato il weekend rispettivamente con il quinto e settimo responso assoluto. L'olandese è stato il più veloce nella classe Pro, con Hites appunto due posizioni dietro. Al via di Gara 1, van Berlo si è portato terzo e ancora meglio ha fatto Hites, che da settimo è subito risalito quarto. Dopo 20 minuti una safety car ha però ricompattato il gruppo. Perfetta la ripartenza, che ha visto prima van Berlo e poi anche Hites superare la Mercedes di Moritz Kranz, andando ad occupare nell'ordine il secondo e terzo posto. Subito dopo Hites ha effettuato il pit-stop lasciando il volante a Pulcini, che ha scontato l'handicap tempo regolamentare di 20" rientrando solamente 15°. A 31 minuti dal termine si è fermato anche van Berlo, rilevato da Gilardoni che si è portato immediatamente al comando superando la Ferrari di Roman Ziemian. Nel tentativo di recuperare, Pulcini è invece finito in testacoda, riuscendo a riprendere poi il ritmo e rimontando fino all'ottava posizione. A un quarto d'ora dalla fine Gilardoni è stato superato dalla McLaren di Joe Osborne e poi anche dalla Audi di Karol Basz, nei confronti dei quali non ha potuto niente, resistendo tuttavia agli attacchi dell'altra Ferrari di David Fumanelli con cui ha avuto sul finire un contatto. Contatto che è costato al pilota italosvizzero una penalità di cinque secondi che lo ha definitivamente retrocesso quarto.

Nel secondo turno di prove ufficiali di domenica mattina, Gilardoni e Pulcini non hanno potuto fare meglio dell'ottavo e decimo tempo. Al via di Gara 2 subito una posizione guadagnata per Gilardoni, con Pulcini che ne ha risalite due portandosi ottavo alle sue spalle. Poi entrambi hanno passato la Mercedes di Yannick Mettler, con Pulcini che immediatamente dopo ha superato Gilardoni portandosi quinto. Il romano ha proseguito la sua rimonta passando anche la Ferrari di Jamie Stanley e guadagnando il quarto posto. Dopo i pit-stop Hites è rientrato ottavo proprio davanti a van Berlo, che a 15' dal termine ha passato il compagno di squadra risalendo quinto. Poi l'olandese ha approfittato di un contatto tra altre due vetture per portarsi secondo, mentre Hites alla fine ha concluso sesto, penalizzato di 5" per un altro contatto che lo ha visto protagonista. In campionato adesso Hites-Pulcini e Gilardoni-van Berlo occupano a pari punti il secondo posto assoluto, a sole 16 lunghezze dall'equipaggio della McLaren formato da Nick Moss e Joe Osborne. Il prossimo appuntamento dell'International GT Open si svolgerà sul tracciato belga di Spa-Francorchamps nel weekend del 18 e 19 giugno. L'Oregon Team tornerà in pista però tra sole due settimane, quando sarà impegnato sullo stesso circuito del Paul Ricard nel Lamborghini Super Trofeo Europa.

Fonte: Lamborghini Media Center - Oregon Team

Ultima modifica il Lunedì, 23 Maggio 2022 11:15
Claudio Fargione

Imolese, vive da sempre a due passi dall’Autodromo e per questo da sempre gioca con le macchinine. Ingegnere meccanico per gli studi, ufficiale di gara per scelta, parla di tutto ciò che è automobilismo per passione. Si sente figlio della Motor Valley e la racconta per 1000 Cuori Rossoblu ma è di casa a Le Mans.