Liga 2017/2018: Il punto dopo quinta e sesta giornata – 26 Set

Scritto da  Set 26, 2017

Settimana molto ricca nel calcio spagnolo dato che, esattamente come in Italia, è andato in scena anche il turno infrasettimanale oltre alle classiche partite del week end, e come spesso accade, non son o mancate le sorprese. Sorprese che non riguardano il Barcellona, che continua a guidare in solitaria la classifica a punteggio pieno, seguito dall’Atletico Madrid, distanziato di appena due punti. Situazione diametralmente opposta nell’altra sponda di Madrid: il Real infatti si ritrova già distanziato di 7 punti dalla vetta dopo appena sei giornate, a causa della sconfitta interna contro il Betis Siviglia. Andiamo quindi ad analizzare quanto successo in questa settimana, analizzando la situazione delle squadre e vedendo quali squadre sono al top, quali hanno mantenuto le aspettative nel corso della settimana, e chi invece ha decisamente deluso le aspettative.

MEGLIO DI COSI’ NON SI PUO’ – Non possiamo fare altro che partire ovviamente dal Barcellona. Sei punti fatti questa settimana (e 18 in 6 partite), 9 gol fatti ed appena uno subito, e vetta solitaria dopo appena sei giornata. La squadra di Valverde, partita fra i mille dubbi dopo la partenza di Neymar e l’infortunio del suo sostituto Dembelè, ha saputo ricompattarsi attorno al suo uomo simbolo, Leo Messi, inanellando successi su successi. E anche questa settimana non ha fatto eccezione: prima un roboante 6-1 contro l’Eibar e poi successo per 3-0 nel derby contro il Girona. Per ora, i Blaugrana sembrano inarrestabili.

Situazione molto positiva anche in casa Atletico Madrid: i Colchoneros, questa settimana, avevano due impegni non semplici, dato che hanno affrontato Athletic Bilbao (in trasferta) e Siviglia, ma in entrambi i casi sono arrivate due vittorie: 2-1 contro il Bilbao e 2-0 al Siviglia. Dopo l’inizio non facile quindi, gli uomini di Simeone hanno trovato il bandolo della matassa, e non hanno pagato nemmeno lo scotto di inaugurare il nuovo stadio, come è successo, ad esempio, ad alcune squadre inglesi. Che siano i biancorossi i principali rivali del Barcellona?

Arriviamo così a tre squadre che, a sorpresa, hanno iniziato benissimo il campionato, e hanno ottenuto il massimo in questa settimana. Per prima il Valencia che, trascinato dall’ex Juve e Sassuolo Zaza (quattro gol in due partite), ottiene due vittorie su due: 5-0 al Malaga e 3-2 in casa della Real Sociedad. La squadra di Marcelino si trova così inaspettatamente al quarto posto in classifica con 12 punti, e si candida come possibile sorpresa di questo campionato.

Insieme al Valencia, sempre a quota 12 punti, troviamo forse la squadra più sorprendente di questo inizio di Liga: il Betis Siviglia. Per i biancoverdi, quella appena trascorsa è stata una settimana perfetta: nel posticipo di ieri è arrivato il 4-0 contro il Levante e, soprattutto, nel turno infrasettimanale è arrivato il risultato più inaspettato, la vittoria per 1-0 al Santiago Bernabeu contro il Real Madrid. Il Betis insomma non poteva partire meglio, guidato da un ottimo allenatore, Enrique Setien, e trascinato dal giovane bomber Sanabria. Solo il tempo ci dirà se questo sia solo un fuoco di paglia o se, al contrario, bisognerà tenere in considerazione anche i biancoverdi per le coppe europee.

Infine, troviamo il Leganes. Dopo la salvezza risicata dell’anno scorso, praticamente tutti pensavano che sarebbe stata un’altra stagione di sofferenza per la piccola squadra che disputa per appena la seconda volta la Liga. Invece, anche grazie al pareggio ottenuto contro il Girona e alla vittoria sul campo del Las Palmas in questa settimana, il Leganes si ritrova al settimo posto, ad appena un punto di distanza dal Real Madrid. Sinceramente, sembra difficile pensare che i ragazzi di Garitano possano mantenere questi ritmi e provare a lottare per le coppe europee, ma in ogni caso, questi punti sono molto utili in chiave salvezza, dato che, chi ben comincia è sempre a metà dell’opera.

 

BENE…MA NON BENISSIMO – Analizziamo ora invece, chi in questa settimana ha fatto bene, ma da cui ci si poteva aspettare di più o, in alternativa, ha mancato l’occasione per stupire o risalire posizioni in campionato. Iniziamo dal Siviglia: sicuramente non si può parlare di delusione, dato che la squadra di Berizzo si trova al terzo posto in classifica, ad appena un punto di distacco dall’Atletico Madrid, ma, pur riuscendo a conquistare buoni punti in campionato, è sempre il gioco che sembra mancare. Nel turno infrasettimanale è arrivata una vittoria sofferta per 1-0 contro il Las Palmas, mentre nel week end il Siviglia è stato surclassato per tutta la partita dall’Atletico Madrid, uscito vittorioso dalla sfida d’alta classifica. Per ora le vittorie risicate bastano a mantenere i biancorossi nelle posizioni nobili, ma la sensazione è che Berizzo debba trovare al più presto la formula giusta per far decollare definitivamente la sua squadra.

Buona settimana anche per il Getafe che, grazie al pareggio contro il Celta Vigo 1-1 e alla vittoria per 4-0 contro il Villareal, conquista 4 punti importantissimi per la sua corsa alla salvezza. Le perplessità però rimangono, nonostante gli 8 punti e la posizione tranquilla in classifica, a causa delle prestazioni altalenanti, che spaziano da un calcio spumeggiante, a partite decisamente opache. Per ora questo è sufficiente a mantenere il Getafe in una posizione tranquilla, ma probabilmente bisognerà ricercare un po’ di solidità per la corsa alla salvezza.

Una vittoria ed un pareggio anche per l’Espanyol che, dopo un inizio non semplice, sembra piano piano essere riuscito a trovare il ritmo giusto. I Catalani sono riusciti a portare a casa un punto dal campo del Villareal, mentre nel week end è arrivata un’agevole vittoria per 4-1 contro il Deportivo la Coruna. Anche in questo caso, bisognerà vedere se la squadra di Flores riuscirà a trovare una certa continuità di risultati per provare l’assalto all’Europa League, obiettivo dichiarato della stagione. Sicuramente, dopo un inizio difficile, gli ultimi risultati sono decisamente incoraggianti.

Infine, troviamo il Levante, che ha ottenuto, in questa settimana, una vittoria e una sconfitta. Anche se la squadra di Valencia sta disputando un ottimo inizio di campionato (nono posto con nove punti), ci è sembrato giusto racchiuderlo nei “bene ma non benissimo” dato che, dopo la bellissima vittoria nel turno infrasettimanale contro la Real Sociedad per 3-0, è arrivata la nettissima sconfitta per 4-0 contro il Betis. Di conseguenza, per quanto la situazione in casa Levante sia decisamente tranquilla, anche in questo caso, sarà necessario trovare una maggiore continuità di risultati.

 

QUANTI DOLORI… - Non potevamo che iniziare con il Real Madrid. Una vittoria (contro l’Alaves per 2-1) e una sconfitta (contro il Betis per 1-0) per i Blancos in questa settimana, che a questo punto si trova già a meno sette punti dal Barcellona. Un inizio difficilissimo per gli uomini di Zidane, che ora non possono più permettersi errori se vogliono provare a riaprire la Liga.

Anche il Villareal ha iniziato nel peggiore dei modi questo campionato. Il “Sottomarino Giallo” si ritrova al quattordicesimo posto con appena sette punti, ben lontano dalle posizioni che competono ad una squadra di questo livello. Anche questa settimana è stata disastrosa per Bacca e compagni: un pareggio (0-0 con l’Espanyol) e una sconfitta (4-0 contro il Getafe), e soprattutto 0 gol fatti in due partite. Sicuramente ci si aspetta qualcosa di più da questa squadra, soprattutto dopo l’arrivo in estate di Carlos Bacca. Vedremo se i ragazzi di Escriba Segura (che ora rischia davvero il posto) saprà rialzarsi.

Stesso discorso si può fare per l’Eibar: dopo il buon campionato dello scorso anno, si pensava che i baschi potessero puntare all’Europa, e invece, per ora, si ritrovano in quintultima posizione, con appena due punti di vantaggio sulla zona retrocessione. Da dimenticare in particolare questa settimana: due sconfitte, 6-1 contro il Barcellona e 4-0 contro il Celta Vigo, 10 gol subiti e appena 1 fatto. Serve al più presto un’inversione di rotta.

Inversione di rotta che ha compiuto l’Alaves: cacciato l’allenatore Zubeldia per far posto all’Italiano De Biasi, che avrà il compito non semplice di risollevare le sorti di una squadra che, dopo la sorprendente scorsa stagione, si ritrova in fondo alla classifica con 0 punti (unica squadra in europa insieme a Benevento e Crystal Palace). De Biasi avrà tantissimo lavoro da fare, perché attualmente l’Alaves sembra davvero senza speranze. Anche questa settimana sono arrivate due sconfitte: 1-0 contro il Deportivo la Coruna e 2-1 con il Real Madrid.  

Chiudiamo infine con l’Athletic Bilbao. Anche i Baschi stanno passando un periodo difficile, non facilitato dopo la sconfitta contro l’Atletico Madrid (2-1) e il pareggio contro il Malaga (3-3). L’obiettivo deve essere per forza l’Europa League, ma anche in questo caso, serve una decisa inversione di rotta per non perdere il treno delle coppe europee.

 

RISULTATI QUINTA GIORNATA

Valencia-Malaga 5-0

Barcellona-Eibar 6-1

Leganes-Girona 0-0

Athletic Bilbao-Atletico Madrid 1-2

Deportivo la Coruna-Alaves 1-0

Real Madrid-Betis Siviglia 0-1

Siviglia-Las Palmas 1-0

Villareal-Espanyol 0-0

Celta Vigo-Getafe 1-1

Levante-Real Sociedad 3-0

RISULTATI SESTA GIORNATA

Atletico Madrid-Siviglia 2-0

Alaves-Real Madrid 1-2

Malaga-Athletic Bilbao 3-3

Girona-Barcellona 0-3

Espanyol-Deportivo la Coruna 4-1

Getafe-Villareal 4-0

Las Palmas-Leganes 0-2

Eibar-Celta Vigo 0-4

Real Sociedad-Valencia 2-3

Betis Siviglia-Levante 4-0

 

CLASSIFICA: Barcellona 18; Atletico Madrid 14; Siviglia 13; Valencia 12; Betis Siviglia 12; Real Madrid 11; Leganes 10; Real Sociedad 9; Levante 9; Getafe 8; Athletic Bilbao 8; Espanyol 8; Celta Vigo 7; Villareal 7; Las Palmas 6; Eibar 6; Girona 5; Deportivo la Coruna 4; Malaga 1; Alaves 0.

 

 

Roberto Rossi

Oltre ad essere tifoso del Bologna F.C è anche un grande appassionato di musica e basket, sia italiano che estero. E' anche uno dei registi della trasmissione radiofonica "Al Ritmo del Goal"