Lady B: il punto sulla serie cadetta – 17 Ott

Scritto da  Ott 17, 2017

Ben ritrovati cari lettori con la nona giornata del campionato cadetto italiano, inaugurata con l’anticipo del venerdì sera tra Foggia e Perugia, con i grifoni che hanno rimediato una sconfitta di misura in trasferta per 2 a 1: doppio vantaggio per i padroni di casa, che colpiscono in apertura al 13° con Gerbo e raddoppiano al 28° con Mazzeo, rispondono gli ospiti con il rigore di Di Carmine sul finire della prima frazione, una rete che dà morale al Perugia ma che non basta per evitare la sconfitta.

Il match di apertura del sabato è stato un pirotecnico 3 a 3 fra Ascoli e Venezia, con i bianconeri che continuano la loro striscia positiva fermando il filotto di vittorie consecutive della squadra di Filippo Inzaghi. Partono fortissimo gli ospiti che mettono la freccia del sorpasso già al 15° con Zigoni, abilissimo a spingere in rete al volo il cross al bacio dalla destra di Zampano, intascandosi la prima frazione di gioco per 1 a 0. Nella ripresa però i padroni di casa fanno valere il fattore campo, prima pareggiando i conti al 50° con il mancino chirurgico di Carpani da fuori area, raddoppiando al 56° con Favilli. Marsura al 60° ristabilisce l’equilibrio fra le due squadre ribadendo in rete una respinta corta di Lanni, rete alla quale risponde subito il numero 30 bianconero rubando palla ad Audero ed insaccando a porta vuota, firmando così la doppietta personale. Resistono i padroni di casa alla marea veneta, ma non riescono ad opporsi fino al fischio finale, imbarcando così il goal del pareggio al 74° ad opera di Geijo, che ci mette lo zampino da due passi sul cross rasoterra di Bentivoglio.

Partita pazzesca al Liberati di Terni dove la Ternana si impone sullo Spezia con un netto 4 a 2, issandosi momentaneamente fuori dalle zone calde della classifica. Partita in salita per i padroni di casa, che vanno sotto di ben due lunghezze nel primo quarto d’ora: Marilungo sigla il vantaggio spezzino dopo neanche un minuto di gioco con un bel colpo di testa su assist di Lopez, seguito al 13° dalla marcatura di Granoche, che deve solo spingere in porta di testa il pasticcino servitogli sulla corsa da Vignali. Sembra una formalità per lo Spezia portare a casa i tre punti, ma i rossoverdi non ci stanno e prima accorciano le distanze con la girata di Albadoro, poi pareggiano i conti al 35° con Tremolada il destro a porta sguarnita di Tremolada. Ora la vittoria non sembra più un’utopia ed il morale è alle stelle, nella ripresa la squadra di Pochesci viaggia ai mille all’ora e trova il goal del vantaggio dopo venti minuti con una pennellata a giro all’incrocio dei pali di Angiulli, chiudendo definitivamente i giochi in zona Cesarini grazie alla rete di testa di Montalto.

Nelle altre gare del sabato il Brescia viene sconfitto dal Novara in casa per 1 a 0 (Di Mariano al 68°), il Carpi vince il derby con il Cesena per 2 a 1 (Jelenic al 3° ed al 14°; autogoal di Brosco al 92°), il Frosinone ottiene uno striminzito pareggio a reti inviolate contro il Palermo, la Cremonese vince una partita di gran cuore contro il Cittadella per 2 a 1, in nove contro undici per ben venti minuti di gara e siglando la rete della vittoria all’ultimo respiro (Arrighini all’81°; Claiton al 48° e Cavion al 96°), mentre il Parma perde contro il Pescara per 1 a 0 (Brugman all’85°) e la Pro Vercelli ed il Bari pareggiano per 2 a 2 al Piola (Castiglia al 30° e Morra al 94°; Galano al 47° ed al 77°).

Nei due posticipi si sono affrontate Avellino e Salernitana domenica pomeriggio e Virtus Entella ed Empoli lunedì sera, due incontri terminati entrambi con il punteggio di 3 a 2 in favore degli ospiti. Nel derby tra gli irpini ed i granata, i lupi hanno condotto per gran parte di gara, concretizzando il proprio dominio territoriale al 48° con la rete di Kresic e aumentando il bottino di goal al 59° con Laverone, la squadra di Bollini però non ha mollato ed ha gettato il cuore oltre l’ostacolo: goal di Rodriguez per accorciare al 72°, rete del pareggio di Sprocati all’85° e goal vittoria in extremis di Minala. Nell’ultima partita della nona giornata invece l’Empoli ha subito messo in chiaro la propria forza con un uno-due micidiale targato Simic-Donnarumma nei primi nove minuti di gioco e mantenendo in ghiaccio la gara fino alla ripresa. Nei secondi quarantacinque minuti di gara l’Entella pareggia i conti grazie a La Mantia e De Luca, cercando con tutte le forze di portare a casa un punto preziosissimo contro una squadra di maggior spessore, salvo poi capitolare a quattro minuti dalla fine, con la rete di Pasqual che regala ai toscani una vittoria importantissima e la vetta solitaria della classifica, in attesa del prossimo turno di campionato.

I risultati completi di giornata

Foggia-Perugia 2-1

Ascoli-Venezia 3-3

Brescia-Novara 0-1

Carpi-Cesena 2-1

Cittadella-Cremonese 1-2

Frosinone-Palermo 0-0

Parma-Pescara 0-1

Pro Vercelli-Bari 2-2

Ternana-Spezia 4-2

Avellino-Salernitana 2-3

Virtus Entella-Empoli 2-3

La classifica aggiornata

1° Empoli 17

2° Palermo 15

3° Frosinone 15

4° Venezia 14

5° Carpi 14

6° Cremonese 13

7° Perugia 13

8° Pescara 13

9° Bari 13

10° Cittadella 13

11° Avellino 13

12° Novara 13

13° Salernitana 12

14° Virtus Entella 12

15° Parma 11

16° Ternana 10

17° Brescia 10

18° Spezia 10

19° Foggia 10

20° Pro Vercelli 9

21° Ascoli 9

 

22° Cesena 7

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..