Il Punto sulla Serie A - VIII Giornata - 17 ott

Scritto da  Ott 17, 2017

 

 

Bologna e Samp sugli scudi. Sono le due formazioni che al momento stanno impersonando il ruolo di outsider che nella passata stagione aveva rivestito l’Atalanta. La Samp ha battuto proprio i bergamaschi e, grazie a questo risultato, si è insediata al sesto posto in classifica insieme al Bologna che ha finalmente vinto anche al Dall’Ara collezionando il suo terzo successo consecutivo. Una vittoria importantissima non solo per i punti e il morale che regala ma soprattutto perché ottenuta nel derby con la Spal, giunta al Dall’Ara con la chiara intenzione di fare il colpaccio. Purtroppo per i ferraresi il Bologna sta vivendo un periodo molto felice sorretto dalla consapevolezza dei propri mezzi e anche da una valida condizione fisica. Non manca neppure un pizzico di fortuna che è stato comunque compensato dal “furto” subito contro l’Inter.

I rossoblù possono utilizzare al meglio in attacco la “piacevole sorpresa” Palacio che da quando è titolare ha regalato punti e sicurezza. L’argentino, grazie alla sua esperienza, è subito diventato punto di riferimento non solo in partita e questo ha portato ad un salto di qualità di tutti i compagni che in precedenza si limitavano a rimpiangere Dzemaili, senza trovare soluzioni alternative.

La scalata ai primi posti del Bologna conferma che il campionato continua a mostrare una qualità di gioco abbastanza limitata perché basta un mese positivo e una formazione vola dalle posizioni di bassa classifica alle spalle delle più forti.

Il prossimo turno sembra fatto apposta per valutare appieno le potenzialità del Bologna che in trasferta affronterà l’Atalanta. Se tornerà da Bergamo anche solo con un pari darà un segno molto indicativo della sua forza ed i tifosi finalmente potranno sognare qualcosa in più della salvezza.

Le sorprese non sono mancate in vetta perché la Juve non solo ha visto allontanarsi il Napoli ma è stata costretta a lasciare strada libera anche all’Inter che si è aggiudicata il derby della Madonnina con un rigore al 90’ ben trasformato da Icardi, autore di una tripletta. La Juve ha buttato al vento una grande occasione perché in casa si è arresa alla Lazio nonostante avesse avuto la possibilità almeno di pareggiare su rigore. Il Napoli, come era prevedibile, ha mostrato coi fatti che attualmente è la squadra più forte e non ci sono avversari, anche di rango come la Roma, che possano fermarla. L’unico neo nel successo colto all’Olimpico è l’aver prevalso solo per uno a zero dopo aver abituato i suoi fan a segnare almeno una tripletta a partita.

Col Napoli in gran spolvero anche la Lazio che ha sbancato Torino confermandosi da primissimi posti.

Una sorpresa viene anche dal fondo classifica con il Genoa che ha dato un colpo di reni decisivo andando a fare bottino pieno in casa di un Cagliari che non riesce a trovare la strada giusta. Partita senza grandi sussulti a Firenze con i viola a regolare l’Udinese col minimo scarto. Occasione sciupata dal Crotone invece che si è fatto rimontare due volte da un Torino non proprio pimpante ma che ha comunque preso la strada di casa con un buon punto in tasca.

Nuova delusione per il Sassuolo che doveva rilanciarsi a spese del Chievo ma ancora una volta in casa non ha dato il meglio finendo bloccato sullo 0-0, posizione sempre più difficile per Bucchi che sente sempre più traballare la panchina nonostante il gioco espresso non sia da sostituzione.

Match della vita a Verona con gli scaligeri che hanno conquistato tre punti d’oro confermando di fatto la quasi certa retrocessione del Benevento che in otto turni di campionato è ancora  a zero punti.  

 

Giuliano Musi

Ultima modifica il Martedì, 17 Ottobre 2017 18:04
Giuliano Musi

Giornalista, scrittore e Direttore Responsabile di www.1000CuoriRossoblu.it