Lady B: il punto sulla serie cadetta – 26 Ott

Scritto da  Ott 26, 2017

Ben ritrovati cari lettori con la sintesi dei risultati dell’ultimo turno di Serie B, di scena questa settimana con un’edizione extra per l’undicesima giornata disputata infrasettimanalmente.

Nell’anticipo del lunedì si sono contrapposte Brescia e Bari, con i galletti che vedono spezzarsi la striscia di risultati utili consecutivi dalle rondinelle che si impongono per 2 a 1 al Rigamonti, le reti della gara sono state di Caracciolo al 17°, di Galano al 33° e l’autogoal di Capradossi al 53°, episodio sfortunato che ha deciso la gara.

A dare il via alle partite del martedì sono state Ascoli e Spezia, con i marchigiani che si sono imposti per 3 a 1: primo tempo avaro di emozioni, nella ripresa la gara si sblocca al 53° quando D’Urso dal vertice destro dell’area si inventa un pallonetto chirurgico per battere Saloni. I minuti passano ed i liguri non riescono a trovare la via del pari, incassando pure il raddoppio casalingo all’85° con una deviazione sotto porta, riuscendo però ad accorciare al 93° con la rete di Terzi. Nell’extra time c’è spazio per il tris ascolano con la rete dagli undici metri di Favilli.

Al Cabassi sfida con odore di playoff quella fra Carpi e Palermo, con i siciliani che schiantano i biancorossi per 3 a 1 in un match mai in discussione. I rosanero partono fortissimo, passando già al 10° con l’incornata di Nestorovski sul cross di Coronado e raddoppiando al 36°, sempre con il numero 30, che insacca il pallone in rete con un sinistro a giro sotto la traversa. Biancorossi che nella ripresa vengono fuori e provano di riaprire la gara con la rete di Sabbione all’82°, richiusa dopo neanche sessanta secondi dalla rete di Embalo.

L’Empoli si conferma capolista sconfiggendo per 3 a 1 il Pescara di Zeman: toscani che partono a razzo, concretizzando le proprie manovre offensive al 14° con l’incornata di Ninkovic sul cross al bacio di Pasqual, siglando la rete del raddoppio al 36° con il calcio di rigore di Caputo. Nella ripresa il Pescara accorcia le distanze all’82° grazie alla rete di Coulibaly, ma l’Empoli reagisce immediatamente ed approfitta dell’errore di Fiorillo per mettere la parola fine sulla gara, grazie alla zampata di Caputo all’86°.

Parma corsaro in quel di Foggia, netto 3 a 0 allo Zaccheria per i ducali che spianano la strada alla vittoria finale sin dagli albori della gara, grazie alla rete di Gagliolo al 12°, mantenendo il risultato invariato per tutto il primo tempo. Nella ripresa il 2 a 0 giunge al 74° grazie ad una perla di Roberto Insigne, che vistosi negare il cross, recupera palla e dopo l’uno-due con il compagno accarezza il pallone di prima, con il suo mancino ad effetto che si infila all’incrocio dei pali. La terza rete della gara giunge all’85° grazie al calcio di rigore, trasformato da Calaiò, al terzo centro in campionato.

Al Matusa il Frosinone ha ragione di una Ternana mai doma, vincendo 4 a 2 fra le mura amiche. Ciociari che si ritrovano a dover rincorrere i rossoverdi, dopo la rete di Gasparetto al 10°, riuscendo a pareggiare solo otto minuti più tardi grazie alla rete di testa di Soddimo, servito splendidamente da Ciano. Nella ripresa i padroni di casa si portano in vantaggio grazie ad uno splendido destro di Ciofani dalla destra della porta, subendo però il goal del pari ospite al 74° con un tiro al volo fantastico di Angiulli. La gara è apertissima, entrambe le squadre vogliono vincere a tutti i costi, ma il Frosinone ha più fame e ritorna sopra all’82° grazie alla rete da due passi di Citro, seguita dal 4 a 2 firmato Ciano con un diagonale mancino imprendibile per Sala.

Pioggia di goal tra Novara e Salernitana, con i granata che espugnano il Piola vincendo per 3 a 2 sui biancazzurri. Primo tempo di sostanziale equilibrio che si chiude sull’1 a 1, con le reti di Gatto al 17° e di da Cruz al 38°, nella ripresa gli ospiti vanno sul doppio vantaggio in sette minuti: al 57° ci pensa Sprocati a riportare i campani in vantaggio, prima di siglare la doppietta personale al 64° che chiude ufficialmente la gara.

Nelle altre gare della giornata l’Avellino vince di misura contro la Pro Vercelli per 1 a 0 (Asencio al 69°), il Cittadella fa rispettare il fattore casa e strappa tre punti ad Inzaghi vincendo per 2 a 1 (Strizzolo al 35°, Litteri al 65°; Stulac al 42°), il Cesena schianta il Perugia per 3 a 0 al Curi (Jallow al 32°, Laribi al 48° ed al 56°) e la Virtus Entella e la Cremonese si dividono la posta in palio, con il match fra le due che è terminato 1 a 1 (Eramo al 57°; Paulinho al 35°).

I risultati completi di giornata

Brescia-Bari 2-1

Ascoli-Spezia 3-1

Avellino-Pro Vercelli 1-0

Carpi-Palermo 1-3

Cittadella-Venezia 2-1

Empoli-Pescara 3-1

Foggia-Parma 0-3

Frosinone-Ternana 4-2

Novara-Salernitana 2-3

Perugia-Cesena 0-3

Virtus Entella-Cremonese 1-1

La classifica aggiornata

1° Empoli 20

2° Frosinone 19

3° Palermo 18

4° Cremonese 17

5° Venezia 17

6° Parma 17

7° Salernitana 16

8° Bari 16

9° Pescara 16

10° Cittadella 16

11° Avellino 16

12° Novara 16

13° Carpi 15

14° Ascoli 13

15° Perugia 13

16° Virtus Entella 13

17° Brescia 13

18° Spezia 13

19° Ternana 11

20° Cesena 11

21° Foggia 11

 

22° Pro Vercelli 10

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..