Premier League - Resoconto dell’11° turno - 07 Nov

Scritto da  Nov 07, 2017

Spettacolo e tanti gol nel weekend del “Super Sunday”, ovvero quello in cui si concentrano in simultanea le sfide tra le prime 4 della classe.

Andiamo con ordine però, perché all’ora di pranzo della “super Domenica” il Tottenham la sfanga a fatica sul Crystal Palace grazie al coreano Son, mentre al Goodison Park va in scena un match d’altri tempi finito3 a 2 con un calcio di rigore sbagliato dagli ospiti addirittura al 100esimo minuto(!). 

Nel primo pomeriggio, il City disintegra 3 a 1 l’Arsenal e quando i tentacoli delle tenebre hanno ormai avvolto Londra, è il Chelsea di Conte a decapitare le ambizioni di rimonta di Mourinho con una bella zuccata di Morata, con Guardiola che dovrà come minimo ringraziare il suo ispanico connazionale .

Nei classici incontri del sabato invece, spiccano le tante vittorie fuori casa: il largo successo del Liverpool a domicilio del West Ham (costato la panchina a Bilic), ma anche quello del Bournemouth a Newcastle, del sorprendente  Burnley a Southampton e  quello del Brighton in Galles, nella tana del sempre più pericolante Swansea.

Stoke City v. Leicester 2-2

(39’ Shaqiri, 73’ Crouch);( 33’ Iborra, 60’ Mahrez)

Finisce con il risultato di 2 a 2 per il terzo anno consecutivo la sfida tra Potters e Foxes. Al “Britannia Stadium” va in scena  un classico botta e risposta tra due squadre sulla carta equivalenti, con gli ospiti per due volte in vantaggio ma incapaci di chiudere il conto. Alla deviazione in mischia con cui l’ispanico Iborra apre le danze al 33esimo, fa eco il mancino a giro di Shaqiri dopo uno scambio in velocità con il compagno camerunense Choupo -Moting. All’assolo di Mahrez nella ripresa, pareggia definitivamente il conto la classica zuccata del vecchio Peter Crouch su corner spiovente della sinistra.

Un punto a testa che alla fine accontenta entrambe.

Huddersfield v. WBA  1-0

( 44’ Van La Parra)

Una stupenda conclusione dalla distanza dell’olandese Rajiv Van La Parra regala ai “Terriers” un successo di misura a discapito di un WBA in leggera flessione. Per la banda di Tony Pulis si tratta del terzo K.O. consecutivo, mentre per i neopromossi bianco blu di un ritorno alla vittoria dopo la debacle di Liverpool della settimana scorsa.

Newcastle v. Bournemouth  0-1

(90’+2 Cook)

Colpaccio esterno d’importanza capitale per le ciliegie del Dorset, che grazie alla capocciata di Cook su corner di Surman a tempo  ormai scaduto, saccheggiano l’intera posta in palio al “St. James’Park” di Newcastle. Tre punti ovviamente essenziali per le speranze di salvezza del Bournemouth.

Southampton v. Burnley 0-1

(81’ Vokes)

Torna al gol Sam Vokes e lo fa con una gran torsione aerea su cross dell’islandese Gudmundsson, per una vittoria che vale un clamoroso sesto posto in coabitazione Liverpool.

Giù il cappello di fronte ai “Maroons” di Sean Dyche, sempre più rivelazione del campionato.

Swansea v. Brighton 0-1

(29’ Murray)

Chi non sembra intenzionato a fermarsi è Gleen Murray, autore del terzo gol nelle ultime tre partite – stavolta con un rocambolesco tap-in sotto porta – con cui trascina i suoi “gabbiani” al 4° risultato utile consecutivo. Ottavo posto in graduatoria per il Brighton e tanti saluti alla “Relegation Zone” quella in cui, invece, continua pericolosamente a stazionare lo Swansea.

West Ham v. Liverpool  1-4

(55’ Lanzini); (21’ -75’ Salah, 24’ Matip, 56’ Oxlande-Chamberlain)

Ennesima batosta casalinga per gli Hammers di Bilic che subiscono inermi la furia dei Liverpool . Nel futuristico quanto tremendamente freddo “Queen Elizabeth”, i “Reds” si divorano in un sol boccone gli sventurati “claret &Blu” dell’east end londinese. Apre e chiude il discorso la doppietta dell’ex romanista Salah, nel mezzo il tap-in di Matip,l’ incursione di Oxlande -Chaberlain e la bella(ma inutile) zampata di Lanzini.

Per il West Ham, nelle ultime 4 partite ci sono a bilancio 10 gol subiti, 4 realizzati ed appena due punti intascati. Poco, troppo poco per le roboanti ambizioni d’inizio stagione e per il poliglotta tecnico croato siamo giunti al capolinea. Moyes dopo di lui?

Tottenham v. Crystal Palace  1-0

(64’ Son)

Nel derby che apre il “Super Sunday” è un sorprendente sinistro a giro del coreano Son a regalare  tre  -sudatissimi -  punti agli Spurs di Pochettino, che con questo successo risalgono al secondo posto.

Per il Tottenham resta il rammarico delle tante, troppe occasioni sprecate ad inizio stagione. Dalla’altra parte del Tamigi invece, continua

Manchester City v. Arsenal  3-1

(19’De Bruyne, 50’ Aguero,74’ Jesus);(65’ Lacazette)

City praticamente inarrestabile, persino di fronte alla ritrovata Arsenal di stagione. All’Etihad, rompe il ghiaccio De Bruyne con un chirurgico rasoterra incrociato dal limite dell’area. Nella ripresa, raddoppia il solito Aguero su calcio di rigore, prima che Lacazette riapra solo per un attimo il discorso poi definitivamente chiuso al 74’ dal piattone ravvicinato di  Gabriel Jesus.

Niente da fare: Skyblues in piena fuga solitaria!

Chelsea v. Manchester United  1-0

(55’ Morata)

Una gran capocciata di Morata sulla pennellata di Azpilicueta regala a Stamford Bridge un’altra notte di gloria. Conte batte ancora Mourinho, ma ad approfittarne è senza dubbio il City di Guardiola che adesso vanta un rassicurante +  8 sulle inseguitrici.

Everton v. Watford 3-2

(67’ Niasse,74’ Calvert Lewin, 91’ Baines);(46’ Richarlison,64’ Kabasele)

Succede di tutto e forse anche qualcosa di più fra le mura del vecchio “Goodison Park”. Sulle sponde del fiume Merseyside, è inizialmente il Watford a portarsi sul doppio vantaggio a seguito delle deviazioni sotto misura in successione  di Richarlison e Kabasele, ma quando tutto faceva presagire all’ennesima sconfitta dei Toffemans ecco fuoriuscire l’orgoglio degli Scousers in maglia blu. Prima Niasse trova il modo per accorciare il gap con un’incursione tanto caparbia quanto fortunata , poi  tocca a Calvert Lewin pareggiare su corner  di Leighton Baines, ed infine è proprio lo stesso Baines ad insaccare il rigore che al 91esimo vale il sorpasso.

Attenzione però, perché non poteva finire proprio così: al minuto 101 (cioè l’undicesimo di recupero!) il signor Graham Scott  decreta un calcio di rigore in favore degli Hornets. Dal dischetto si presenta Cleverley che però calcia largo sulla sinistra, consentendo a tutto il popolo di fede Everton di  poter tornare a rivedere la luce in fondo al tunnel!

Classifica

P Squadre Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte Gol Fatti Gol Subiti Diff. Reti Punti
1 Manchester City 11 10 1 0 38 7 +31 31
2 Manchester United 11 7 2 2 23 5 +18 23
3 Tottenham 11 7 2 2 20 7 +13 23
4 Chelsea 11 7 1 3 19 10 +9 22
5 Liverpool 11 5 4 2 21 17 +4 19
6 Arsenal 11 6 1 4 20 16 +4 19
7 Burnley 11 5 4 2 10 9 +1 19
8 Brighton 11 4 3 4 11 11 0 15
9 Watford 11 4 3 4 17 21 -4 15
10 Huddersfield 11 4 3 4 8 13 -5 15
11 Newcastle 11 4 2 5 10 10 0 14
12 Leicester 11 3 4 4 16 16 0 13
13 Southampton 11 3 4 4 9 11 -2 13
14 Stoke City 11 3 3 5 13 22 -9 12
15 Everton 11 3 2 6 10 22 -12 11
16 WBA 11 2 4 5 9 14 -5 10
17 Bournmeouth 11 3 1 7 7 14 -7 10
18 West Ham 11 2 3 6 11 23 -12 9
19 Swansea 11 2 2 7 7 13 -6 8
20 Crystal Palace 11 1 1 9 4 22 -18 4
Ultima modifica il Martedì, 07 Novembre 2017 17:40
Andrea Nervuti

Amante del mondo anglosassone in ogni sua sfumatura: dall'atmosfera del piccolo pub di periferia fino alle luci della Premier League