Lady B: il punto sulla serie cadetta – 7 Nov

Scritto da  Nov 07, 2017

Ben ritrovati cari lettori per un altro mercoledì ricco di goal e sorprese, grazie al punto settimanale sulle partite della Serie B, giunta ormai alla sua tredicesima giornata. Il turno appena conclusosi è stato inaugurato con l’anticipo del venerdì da Pescara-Palermo, sfida che si è conclusa sul punteggio di 2-2, con tutta l’azione concentrata a ridosso della prima parte di gara: al 10° Coda effettua un lancio di quaranta metri per Capone, che addomestica il pallone ed a tu per tu con Posavec sigla il vantaggio abruzzese, al quale risponde cinque minuti più tardi Chochev, con un goal di rapina in scivolata sul filtrante di Rispoli. Dopo il pareggio rosanero cambia l’inerzia della gara e gli ospiti si portano sul 2-1 grazie ad un sinistro a giro di Nestorovski, che ha il piede bollente come una stufa ed è già a quota nove reti nel campionato cadetto. Una rete splendida quella del numero 30 rosanero, vanificata da un errore ad inizio ripresa che permette a Brugman di siglare il goal del pareggio durante un’azione confusionaria all’interno dell’area avversaria.

Carpi-Ascoli apre il sabato della serie cadetta, con i biancorossi che si impongono per 4-2 sui marchigiani: match complicato per i padroni di casa che si ritrovano subito ad inseguire dopo la rete di Parlati al 19°, riportato sui giusti binari dal destro ad effetto di Malcore al 27°, che bissa al 40° con uno stop e tiro da distanza ravvicinata dopo un controllo perfetto sul cross di Saric, vanificato dal colpo di testa di Favilli in anticipo su Colombi. Nella ripresa la squadra di Calabro prende il largo, prima con il tap in di Malcore sulla linea di porta, che firma così il personale hat-trick, poi sul finale di gara con un’azione personale di Carletti che si porta a spasso il difensore prima di inchiodare Lanni fra i pali con un destro a giro sul palo lungo.

Prova di maturità per la Cremonese allo Zaccheria di Foggia, in una sfida ricca di insidie per la squadra di Tesser che la spunta sui pugliesi per 3 a 2. Primo tempo denso di emozioni, con il match che però stenta a decollare: si sblocca la gara al 35° grazie ad una pennellata su punizione di Coletti a fil di palo per portare in vantaggio i padroni di casa, che addirittura raddoppiano dopo solo tre giri d’orologio con il colpo di testa di Beretta sul cross al bacio di Mazzeo. Le Tigri non mollano ed accorciano al 40° con una rete da rapinatore d’area di Brighenti, pareggiando i conti prima di rientrare negli spogliatoio per merito di Mokulu, abile a farsi trovare nel posto giusto al momento giusto per spingere in rete il cross rasoterra di Almici. Nella ripresa il Foggia inserisce Fedato e Gerbo cercando di riportare l’inerzia della partita a proprio favore, ma sorprendentemente è la Cremonese a passare in vantaggio, quando al 56° Piccolo si inventa una magia su calcio di punizione dal limite, completando di fatto una rimonta eccezionale e conquistando la terza posizione in classifica per i suoi.

Salernitana e Bari si spartiscono la posta in palio all’Arechi, match che termina sul punteggio di 2-2: i Galletti segnano subito in apertura di gara con Galano, che riceve a centro area da Cissé dopo una splendida percussione sulla fascia sinistra del guineano e chiude l’azione con un mancino a giro a fil di palo alla destra di Radunovic. Pronta la risposta dei granata che al 14° pareggiano i conti con il mancino di Rossi dal limite dell’area, sul quale interviene Micai, ma non in maniera efficace, che sigla la doppietta personale al 48° al termine di un’azione pazzesca: Signorelli scodella in area un lob con il contagiri, sul quale si avventa il numero 30 granata che impatta la sfera con una mezza rovesciata acrobatica ad incrociare, una prodezza balistica davvero raffinata. La squadra di Grosso subisce un duro colpo ma non tira i remi in barca, nella ripresa tenta di rientrare in partita e ci riesce al 77° con la seconda rete firmata Galano, che spedisce di testa all’incrocio dei pali lo splendido assist di Improta.

A Chiavari va in scena una sfida che sa già di lotta salvezza, Entella e Cesena si scontrano per muovere la classifica in maniera importante e portare un po’ di ossigeno fresco per non soffocare nei bassifondi della zona retrocessione. Il match termina con un pareggio per 2-2, con i romagnoli che partono subito fortissimo agguantando il vantaggio già al 6° minuto grazie al tocco sotto porta di Jallow, che si ripete al 35° ribadendo in fondo al sacco il cross rasoterra di Laribi. Sul finire della prima frazione accorcia le distanze l’Entella con il colpo di testa nel traffico di La Mantia sul traversone di Nizzetto, completando la rimonta al 66° grazie al prepotente stacco aereo di Diaw, che indirizza la sfera all’incrocio dei pali.

Negli altri match di giornata il Venezia si rivela corsaro al Rigamonti battendo il Brescia per 2 a 1 (Caracciolo all’85°; Pinato all’87° e Falzerano all’89°), il Cittadella pareggia per 1-1 con la Ternana (Arrighini al 43°; Carretta al 70°), il Frosinone sconfigge al Matusa il Parma per 2-1 (Maiello all’8° e Ciano al 26°; autorete di Maiello al 37°), il Novara esce sconfitto fra le mura amiche dalla Pro Vercelli per 0-1 (Morra al 56°) ed infine Empoli-Spezia della domenica e Perugia-Avellino del lunedì terminano entrambe in parità con una rete per parte (Pasqual al 78° e Mastinu al 52° al Castellani; Cerri al 75° e Ardemagni al 42° nel match del Curi).

P Squadre Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte Gol Fatti Gol Subiti Diff. Reti Punti
1 Frosinone 13 6 5 2 20 14 +6 23
2 Palermo 13 5 7 1 17 11 +6 22
3 Cremonese 13 5 6 2 22 15 +7 21
4 Empoli 13 6 3 4 25 19 +6 21
5 Venezia 13 5 6 2 16 11 +5 21
6 Bari 13 6 2 5 25 18 +7 20
7 Salernitana 13 4 8 1 21 17 +4 20
8 Parma 13 6 2 5 16 13 +3 20
9 Carpi 13 5 4 4 12 13 -1 19
10 Cittadella 13 5 3 5 18 16 +2 18
11 Novara 13 5 2 6 15 15 +0 17
12 Pescara 13 4 5 4 22 23 -1 17
13 Avellino 13 5 2 6 21 22 -1 17
14 Brescia 13 4 4 5 13 15 -2 16
15 Perugia 13 4 3 6 23 25 -2 15
16 Spezia 13 4 3 6 12 17 -5 15
17 Virtus Entella 13 3 5 5 18 22 -4 14
18 Foggia 13 3 5 5 23 31 -8 14
19 Pro Vercelli 13 3 5 6 17 20 -3 13
20 Ternana 13 2 7 4 20 25 -5 13
21 Ascoli 13 3 4 6 15 21 -6 13
22 Cesena 13 3 4 6 17 25 -8 13
Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, appassionato di calcio, basket, della lettura ed appartenente alla categoria dei "nerd", tifoso principalmente del Bologna FC 1909 ma anche dell'Arsenal.